Overwatch League ai blocchi di partenza

Finalmente il momento tanto atteso è arrivato: alle ore 16 fuso orario americano la nuovissima Blizzard Arena di Los Angeles ha ospitato l’inizio della Overwatch League. Questo torneo, che è l’emblema della voglia di Blizzard di innovare e di imporsi sul mercato esport, ha faticato a crearsi delle premesse favorevoli: tra la sospensione di giocatori di diversi roster e dubbi sulla costruzione della “realtà gaming locale” tanto vantata, l’avere chiuso un contratto milionario con Twitch per lo streaming di due stagioni e il tutto esaurito in arena il primo giorno indubbiamente sono una risposta finale molto positiva, che arriva sia dal mercato che dai fans.

Un paio di numeri della prima serata: il sito di statistiche esc.watch registra più di un milione e mezzo di views totali, spalmati per una media di circa 400.000 views a partita e 35.000 persone collegate contemporaneamente nei momenti di minore affluenza. In più, l’intera community di gioco è letteralmente impazzita per le skin pensate apposta con i colori dei team: si è scatenato il tifo ed è possibile acquistare una skin della League gratis. Due, contando che Blizzard regala 100 tokens (la moneta con cui è possibile acquistare le skin dei team ufficiali, che si può solo comprare e non guadagnare) a chiunque si iscriva alla newsletter.

Una partenza col botto, insomma. Un sogno che si avvera per i ragazzi dei dodici team, che giocano per la gloria e per il milione di dollari di bonus che spetterà ai vincitori, oltre allo stipendio.

Le regole sono semplici: un massimo di quattro partite, una per tipo di mappa. La prima manche della giornata è stata disputata dai San Francisco Shock e dai Los Angeles Valiant. Questi ultimi, essendo in gran forma, hanno prevalso sin dal primo momento, portando a casa un 4-0 decisamente bruciante per gli Shock. Stesso punteggio è stato ottenuto dai Los Angeles Gladiators, che a sorpresa hanno stracciato gli Shangai Dragons, superfavoriti assieme ai Seoul Dinasty. Non si sa bene a cosa sia dovuto questa disparità di punteggio così grande, se i Dragons fossero poco motivati e organizzati o se i Gladiators hanno tirato fuori una grinta già mostrata durante le amichevoli. L’ultima manche ha visto affrontarsi altri favoriti della competizione, i Dallas Fuel e i Seoul Dinasty. Entrambe le squadre contano nel loro roster degli streamer molto famosi su Youtube, due nomi tra tutti Seagull e Mickie, ed è stato un vero spettacolo osservare i giocatori affrontarsi nelle varie mappe e con le diverse strategie.

Mettiamo anche il link della programmazione completa qui, aspettando di vedere il giusto match per tifare la propria squadra preferita!

FACEBOOK COMMENTS

About author

Leggi anche...

Sistema Anti-Feeder in Cina

Se non siete giocatori assidui di League of Legends molto probabilmente non conoscerete la dicitura “intentional feeders”. Molto semplicemente questi giocatori sono coloro che intenzionalmente ...