Home Dota 2 Dota2: Starseries Recap

Dota2: Starseries Recap

Domenica si sono concluse le finali delle Starseries a Los Angeles ed è stata l’ultima occasione per farsi un idea sui team partecipanti prima degli International.

Prima di tutto volgerei uno sguardo verso i vincitori del torneo: Na’vi. Essi sono al momento l’unica speranza della regione CIS; hanno giocato e draftato in maniera esemplare anche se hanno ancora dei problemi contro line up ben organizzati e muniti di late game. In questo torneo hanno vinto la finale contro Secret anche perchè gli avversari hanno draftato cercando di giocare il gioco degli ucraini e non sui propri punti di forza il che è stata la loro fine.

Questa squadra ha dato prova di saper adattarsi e giocare contro team di alto livello, il loro unico ostacolo e’ quello psicologico come rivelato in un intervista post partita durante il Summit 5; se dovessero superarla Na’Vi potrebbe avere una chance di vincere a Seattle.

Team Secret si è classificato secondo mostrando una buona forma ed un ottimo drafting nel winner bracket final contro Na’Vi  e nel primo game della overall final. Nei game seguenti ha provato a cambiare playstyle senza successo dimostrando quanto sia un team eccellente nel late game e nello splittare la mappa ma trova difficoltà nei timing push sopratutto a causa di over-estensioni durante gli highground push. Con un po’ di disciplina in più anche Secret potrebbe aspirare alla top 6 a Seattle.

Completamente diversa è la situazione di EG che pare mancare di sinergia in game per non parlare dei draft questionabili di PPD. Non so dire se EG stesse usando questo torneo per provare nuove strategie in previsione degli International ma devo dire che sarà un miracolo se riusciranno ad arrivare in top 8. Ovviamente tutto questo potrebbe essere un piano malefico per passare sotto ai radar degli altri team ma non farei affidamento su questa supposizione.

Fnatic invece si riconferma essere un team da temere ma non ancora al livello dei colossi della scena. La mia analisi non cambia dalla volta precedente: il top 8 per loro e’ raggiungibile ma dovranno combattere con le unghie e con i denti per andare oltre.

Lo stesso vale per DC e CoL il loro livello non e’ cambiato dal Summit 5: DC pare un buon team di tier 2 che potrebbe evolversi in un tier 1 con una maggiore esperienza ed una leadership migliore, mentre per quanto riguarda CoL li piazzerei tra gli ultimi 4 a TI e non voglio dire altro.

Questo e’ tutto per quanto riguarda le Starseries ci vediamo tra pochi giorni per gli International del quale faremo un coverage parziale durante i group stage ed un coverage completo per il main event. Restate sintonizzati.

Articolo precedenteLe decklists di Lifecoach direttamente dalla sua vittoria alla Seatstory Cup V
Articolo successivoLGD e VG.R potrebbero non partecipare a TI6
The one who feeds the world.