Home League of Legends Xalyah e Rakan analisi dei campioni

Xalyah e Rakan analisi dei campioni


XAYAH


Xayah è un ADC con bassa mobilità ma un alto potenziale di danni dato grazie allo steroide dato dalla sua W.
Le sue base stats sono sopra la media a livello 1 ma hanno quasi tutte un pessimo scaling nel late game, il suo ad con 2.2 per livello è uno dei più bassi del gioco; in compenso la sua AS per livello è estremamente alta con 3.3%. L’attack range di 525 è bassino ma la sua passiva compensa senza problemi questa sua debolezza rendendo facile colpire gli avversari mentre si pusha affermando ancora una volta la sua forza nell’early game.
Il suo Kit la classifica nella sezione Hypercarry ma dovrebbe avere un buono spike nell’early midgame con la build giusta: dopo vari test sul PBE, allo stato attuale, BotRK sembra l’oggetto iniziale più adatto al suo stile di gioco che dipende sia dall’AD che dall’AS e permette a questo champion di avere una presenza nel midgame che, con una build più tradizionale, non potrebbe mai avere; dopo questo primo acquisto è consigliabile transizionare su una build più tradizionale con un item da Zeal (diverso da Hurricane che non funziona con la sua passiva) come Phantom Dancer o Rapidfire per poi transizionare sull’Infinity Edge.
Gli scaling sulle sue spell non sono malvagi ed è possibile pensare ad una build basata sulla lethality ma, a parte il grosso spike iniziale con Yomu, non regge il confronto con la build sopracitata.
Il suo stile di gioco sarebbe antiquato e difficile da integrare nel meta odierno se non fosse per la sua ultimate che è, in sostanza, una Zhonya mobile e le permette di riposizionarsi restando immune  durante il processo.
Per concludere Xayah si presenta come un ottimo champion che ha buone possibilità di impattare il meta attuale della bot lane.


RAKAN


Rakan è un support a corto raggio specializzato in sustain e teamfight control ma che manca di waveclear e di una reale presenza in linea ed è questa sua pecca che lo rende estremamente difficile da valutare.

La sua laning phase sembra molto debole dato che la sua principale fonte di danno non trapassa i minion ed è un linea skillshot, questo unito al sua basso attack range rende molto difficile harrassare i laner avversari rendendolo molto dipendente dal sua ADC per il push ed i trade; per contro sembra essere molto forte negli all in dove il doppio scudo e la cura della Q rendono l’ADC molto difficile da abbattere. Una volta capite le sue forze è necessario draftare un laner adatto come Lucian, Sivir o la stessa Xayah: questi 3 campioni hanno tutti un buon potenziale di all in e sono capaci di pushare la linea senza aiuti anche contro support come Lulu o Karma; l’utilizzo di questo support è invece sconsigliabile assieme ad ADC con poca presenza in linea come Ezreal o Vayne che verranno pushati senza tregua sotto torre impedendo qualunque tipo di aggressione.
Dal punto di vista di mastery penso che Windspeaker Blessing sia l’opzione migliore in quanto Rakan possiede ben 2 metodi (3 se si considera che lo scudo è doppio) di applicare il bonus alle resistenze mentre non può attivare costantemente il bond o il Courage tranne che con l’ultimate; per quanto riguarda gli oggetti questo campione necessita disperatamente di CDR  per abbassare il lungo tempo di ricarica della E mentre le statistiche difensive potrebbero non rivelarsi fondamentali poichè, grazie alla sua mobilità, risulterà molto difficile colpirlo.
Dopo aver visto i vari aspetti di questo campione posso dire che sarà un buon supporto situazionale estremamente dipendente dal suo ADC per sopravvivere alla fase di linea ma con un’ottima presenza in fight.


 

Articolo precedenteOverwatch nuovo splendido fumetto animato: Uprising
Articolo successivoThe Summit 7: al via le qualifiche oceaniche
Jack of all games, Master of all.