Home League of Legends Esports PGNP Road to Cinecittà World – Capitolo II

PGNP Road to Cinecittà World – Capitolo II

L’ADDIO DEL CANE E LA CADUTA DELL’AQUILA

Siamo giunti ormai a un terzo della regular season di questo summer split (per i più pignoli 28,57%) e le soprese a livello di risultati continuano a scarseggiare, almeno per chi ha letto il prologo di questa rubrica. È vero che abbiamo visto i 5 Hydra andare ad un passo dal vincere contro i Moba ROG, per poi suicidarsi in late game come spesso hanno fatto in passato, e gli stessi Acefos’ 5 mettere in seria difficoltà gli Outplayed, ma alla fine la classifica è quella che ci saremmo aspettati. Gli unici a sorprendere in negativo sono gli Inferno, ma hanno dovuto affrontare Team Forge, iDomina e Team Acefos+4.

 

Ovviamente non si può non parlare in maniera più approfondita dei TSM de’ noantri. Infatti, questa settimana hanno fatto parlare di loro anche fuori dal contesto dei PG Nats (per quanto riguarda le loro gesta nella competizione direi che il meme a sinistra riassuma tutta la loro esperienza fin qui). Comunque sia la notizia è che Italian dog ha deciso di abbandonare il team. Non lo si può biasimare, d’altronde se non ti fanno giocare nemmeno quando Tsuzume ha quaranta di febbre ( finale del qualifier con i Racoon) e non fai nemmeno le scrim che ci stai a fare nel team. La cosa succosa ovviamente non è tanto la notizia in sè, o il post con cui ha annunciato la sua uscita dal team, piuttosto ad essere interessante sono le clip (e clip 2) in cui spiega il vero motivo. Insomma, a questo punto c’è da chiedersi perchè è stato preso Italian dog nel team se hai cosa poca fiducia nelle sue skill da non fargli fare nemmeno una flex o una scrim. Serviva inizialmente un altro nome di richiamo e basta? Sono cambiati i programmi all’improvviso? E sopratutto che vuol dire che ci sono persone che vogliono avere solo ed esclusivamente vantaggi economici da questo team? Non è che siamo di fronte ad una mera operazione commerciale? Sarebbe un peccato se fosse effettivamente così, perchè il forte richiamo che ha questa squadra sia a livello di pubblico, che di sponsor, è un patrimonio da custodire per la crescita del competitivo italiano di LoL a prescindere che piaccia o no questo progetto.

 

E poi ci sono loro: gli Outplayed. Coloro che già prima erano odiati perchè hanno comprato l’arbitro per rifare la partita contro i Racoon (???), adesso hanno pure ben pensato di vincere anche contro i Moba: maledetti! Diciamolo chiaramente: sono brutti, sporchi e cattivi. Eh sì, perchè nella landa stanno offrendo un gioco alquanto bruttino e sporco in alcune fasi di partita e sui social qualche suo giocatore non è certo un tenerone nelle dichiarazioni (cosa che personalmente preferisco al totale anonimato di altri). Certo, sono primi in classifica a pari merito con i Forge ma guardando le loro partite un po’ ti chiedi come facciano a stare lassù…poi vedi che subito sotto ci sono i Moba Rog e capisci. La vera domanda è quanto ci metterà questa squadra ad amalgamarsi, perchè il problema principale sembra quello. Specialmente Weizor che ogni tanto sembra stare su un teamspeak diverso e vedi che vaga per la mappa…e muore. Lunedì affronteranno i Forge in quella che probabilmente sarà la prima sfida di due per decretare il primo posto in regular season, ma da quello che si è visto al momento non hanno più del 20% di possibilità di uscirne vincitori.

 

 

 

Infine parliamo un po’ di animali, più precisamente di: procioni, idre a cinque teste e aquile.

Partiamo dalla più sfortunata: l’aquila. Temibile cacciatore volatile che vorrebbe scendere in picchiata sulle sue prede, afferrarle, portarle in alto, farle schiantare al suolo per poi riprenderle e nutrirsene. Ecco, l’aquila Cyberground in alto c’è volata ed è pure scesa in picchiata, ma si è schiantata al suolo. Nella sfortuna ha pure incontrato la poco caritatevole Riot Games che ha deciso di porre fine alle sue sofferenze spezzandogli le ali (termine tecnico per dire che Riot ha bannato Decay).

In tutto questo i suoi amici animali la guardano e se la ridono sotto i baffi sapendo che ormai per lei in questo summer split c’è poco da fare e che la sfida per evitare il relegation tournament è tra di loro. Chi la spunterà è difficile dirlo. Da una parte l’idra ha trovato in BlaX una guida sicura per immergersi nei meandri della giungla e Nuokki se continuerà su questi livelli sarà un pericolo per tutti gli avversari che proveranno a ferire una delle teste dell’idra. Dall’altra la gang dei procioni era partita super aggressiva nella partita di esordio nemmeno gli avessero lucchettato l’agognata dispensa davanti alla faccia, ma poi devono aver trovato le chiavi della suddetta e una volta riempito lo stomaco si sono adagiati. Urge per loro ritrovare l’aggressività della partita d’esordio, altrimenti sarà dura tenere a bada un’idra sempre più pericolosa.