Home League of Legends Esports LEC: Oggi il via alle danze della massima serie Europea di League...

LEC: Oggi il via alle danze della massima serie Europea di League of Legends

Finalmente ci siamo, dopo una lunga attesa, oggi la nuova versione degli ormai ex-EULCS, rinominati per l’occasione in LEC, apre i battenti.
Dalle ore 18:00 non perdetevi lo streaming ufficiale sui canali di PG Esports totalmente in italiano con il commento dei bravissimi Terenas e Kenrhen : https://www.twitch.tv/pg_esports

Ci sono ben 4 squadre nuove da seguire, di cui 2 Origen e SK delle vecchie conoscenze della scena europea e 2 totalmente nuove ossia Rogue e Excel.
Ecco il calendario per le prime due giornate di torneo:

 

Per conoscere un po’ meglio tutti i roster ed i team partecipanti alla massima serie Europea di League of Legends vi proponiamo una sorta di Power Ranking potenziale ai nastri di partenza


10) SK

Team storico che torna nel campionato europeo di League of Legends, li abbiamo visti sprofondare in challenger series in una caduta senza fine. Provano a rilanciarsi prendendo 3/5 dei Mad Lions spagnoli freschi vincitori degli European Masters. Moltissimi rookies quindi che non è detto riusciranno a bissare i successi nazionali, anche perchè la loro pedina fondamentale Nemesis non li ha seguiti, preferendo ovviamente la corte dei Fnatic.


9) RGE


I Rogue dopo i vari rumors di mercato hanno chiuso il roster abbastanza sottotono. Molti hanno già iniziato a storcere il naso supponendo addirittura che la loro academy ( probabilmente la più forte di tutte ) sia meglio del roster titolare. La verità probabilmente sta nel mezzo, il team non è molto attrezzato ed ha molte lacune, tuttavia potrebbe proprio grazie al roster secondario riservare molte sorprese.


8)SPY


Altro team “ripescato” alla fine, protagonista però delle scorse stagioni ha sempre dimostrato di riuscire a lavorare bene, soprattutto nelle fasi a playoff. Il problema sarà arrivarci, il roster presenta molti punti interrogativi trai quali il nuovo midlaner polacco Humanoid, arrivato dagli Illuminar a Norskeren che al suo secondo anno in LEC deve fare il salto di qualità.


7)XL


Seconda realtà nuova nel mondo degli EULCS si sono trovati quasi “per caso” all’interno del campionato visto il ripescaggio nelle ultime settimane delle selezioni della Riot. Arrivano con un roster di sicura esperienza con membri come Kasing ed Exileh in particolare ed il top laner Ex G2 Expect. Ci si aspetta un campionato di seconda fascia per loro. Occhio però che nell’academy figura una nostra vecchia conoscenza, ossia il toplaner Orome che è pronto a subentrare in caso di necessità. A lui vanno tutti i nostri migliori auguri, siamo sicuri saprà ritagliarsi un ruolo chiave all’interno del team.


6)S04


Dopo lo splendido split appena concluso gli Shalke04 hanno rinnovato la squadra quasi totalmente, sulla carta sembrerebbe in peggio. Punto chiave sarà ancora Upset in corsia inferiore dove sarà affiancato dal fortissimo Ignar reduce dall’esperienza coreana. Gli altri componenti del team sembrano tutti un downgrade rispetto allo split scorso, vedremo se la botlane riuscirà a carriare il team verso i successi passati.


5) OG


Uno dei team “storici” della lega europea torna a calcare il palcoscenico che conta dopo una serie di fallimenti incredibili. Il team di Xpeke e Deficio verrà accompagnato dal managements del Astralis che hanno dimostrato di saper vincere e convincere sempre. Da un lato troviamo una grande decaduta miseramente grazie a scelte assurde passate e dall’altra un capolavoro aziendale e sportivo, vedremo questo connubio dove porterà. Il roster è sicuramente da playoff, probabilmente da qualcosa in più ma dipenderà molto da come verranno gestiti.


4) VIT

Il team dell’italiano Jiizukè è passato da rivelazione del campionato a protagonista di buona prestazioni ai mondiali nel girone di ferro. Cambia il jungler ed arriva il coreano Mowgli che potrebbe essere l’arma in più del team che sembra non essersi mai definitivamente innamorato di Kikis malgrado il buon torneo. Le aspettative sono alte ed ora la qualificazione ai playoff che sembrava il jackpot del primo split sarebbe soltanto un ripiego.


3) FNC


Dopo la finale mondiale i Fnatic sono chiamati all’ennesima rivoluzione. La partenza del fenomeno Caps lascia un vuoto difficilmente colmabile nella midlane, il suo successore Nemesis è sicuramente un giocatore fantastico ma rimane pur sempre un rookie con tutto ciò che ne consegue. L’addio a Soaz lascia Bwipo come unico toplaner, una scelta sensata ma comunque rischiosa. I favoriti potrebbero non essere davvero loro.


2) MSF


I Misfits hanno fatto un mercato stellare andando ad inserire uno dei support più forti del mondo, Gorilla, e prendendo Febiven di ritorno dagli NA LCS. Potenzialmente è un roster da primo posto e sicuramente fino alla fine si daranno battaglia per la vittoria finale, grazie agli sconvolgimenti dei team loro diretti concorrenti potrebbero approfittarne per un risultato di grande importanza.


1) G2


Altra rivoluzione, l’arrivo di Caps dai Fnatic sposta Perkz nella corsia inferiore. Se questo meccanismo si trasformerà in una macchina perfetta potrebbero aver fatto centro, tuttavia l’efficacia di Perkz nella corsia inferiore è ancora tutta da dimostrare. Loro potenzialmente si sono rinforzati ma in sostanza grava sulle loro teste un enorme punto interrogativo, Perkz però è pronto come sempre a stupire tutti.