Home League of Legends Esports PG Nats 2019: Le squadre e focus su 8 giocatori

PG Nats 2019: Le squadre e focus su 8 giocatori

Domenica 27 gennaio alle ore 16:00 sul canale twitch di PGE torna il PG Nats, l’unica competizione italiana che da accesso agli European Masters. Qui sotto troverete tutto quello che c’è da sapere sull’imminente competizione.

 

IL FORMAT

Nella regular season si affronteranno otto squadre in partite secche (bo1) con andata e ritorno, ognuna delle quali giocherà una volta sul lato blu della mappa e una volta sul lato rosso. Al termine di tutte le partite, in caso di arrivi a pari merito, si determinerà chi avrà priorità in classifica in base ai seguenti parametri: 1) vantaggio negli scontri diretti, 2) in caso di parità negli scontri diretti avrà priorità chi avrà vinto questi nel minor tempo, 3) se anche in questo caso ci dovesse essere parità si farà uno spareggio.

Le migliori sei accederanno ai playoff per determinare la vincitrice dello split, mentre le ultime due dovranno difendere il proprio posto all’interno della competizione nel Promotion Tournament. I quarti di finale saranno giocati alla meglio delle tre, mentre semifinali e finale saranno giocate alla meglio delle cinque.

 

LE SQUADRE

Sia i 5 Hydra che i Cyberground Gaming sono riusciti a mantenere il proprio posto all’interno della competizione, quindi tecnicamente le otto squadre sono le stesse del summer split 2018, ma durante l’off season si sono susseguiti una serie di cambi di roster e fusioni che hanno cambiato completamente lo scenario rispetto a qualche mese fa. A questo punto non ci resta che andare a scoprire insieme tutte le novità di questo spring split 2019.

 

I campioni in carica, dopo un 2018 ricco di successi, hanno perso tre quinti della formazione titolare, ma sono riusciti a costruire intorno allo zoccolo duro, composto da DrMatt e Brizz, un roster che ha tutte le carte in regola per difendere il titolo conquistato nel summer split.

Giocatore da tenere d’occhio: Chrisberg

È stato probabilmente il colpo di livello più alto sulla carta. Proveniente dall’academy dei Misfits questo ragazzo è sicuramente il degno erede di Bullet e, con un meta che sembra stia tornando tiratore centrico, ci si aspetta grandi cose da lui.

 

A pochi giorni dall’annuncio ufficiale dei roster gli Inferno hanno sorpreso tutti con la notizia dell’inizio di questa loro collaborazione con una realtà già ben nota in altri Esports. Così i Samsung Morning Stars entrano ufficialmente a far parte anche dalla scena competitiva di League of Legends e lo fanno con un team a trazione anteriore.

Giocatore da tenere d’occhio: Vrow

In passato ha sedotto e poi abbandonato la scena italiana lasciandola dopo la vittoria di Lega Prima con tanto di premio da MVP. Dopo un breve passaggio ai CyberGround per EVC Winter, adesso Vrow torna e dovrà dimostrare di poter avere lo stesso impatto anche contro una concorrenza ben più agguerrita rispetto ai tempi che furono.

 

 

I Moba ROG si presentano in questo 2019 rivoluzionati. Niente più team con solo italiani, né tantomeno con soli streamer. Si apre così una nuova era per questo team che mantiene come unico legame con il passato il solo Paolocannone, giocatore simbolo della squadra.

Giocatore da tenere d’occhio: Zvene

Top laner che ama giocare campioni aggressivi e che, almeno sulla carta, è il giocatore migliore della squadra. I Moba riusciranno a valorizzarlo come fecero nello scorsa edizione con Acefos?

 

 

Dopo un summer split vissuto tra alti e bassi, gli iDomina si presentano in questo 2019 puntando forte su due talenti emergenti nostrani: Deidara ed Aki. Questa squadra storicamente si è quasi sempre classificata tra le prime quattro, riuscirà a mantenere fede alla sua storia anche in questo spring split?

Giocatore da tenere d’occhio: Aki

Protagonista dello storico terzo posto dei Racoon, Aki giunge agli iDomina dopo un periodo in chiaroscuro ai Moba ROG. L’organizzazione sembra crederci molto in questo ragazzo, tanto da dargli subito il posto da titolare ai danni di Dragane. Riuscirà Aki a consacrarsi definitivamente come uno dei migliori mid laner in Italia?

 

I Racoon, dopo il sorprendete terzo posto del summer split 2018, ripartono da soli due quinti di quella formazione: Flippers e Traitor. Tuttavia, mantengono fede alla filosofia del vecchio roster e si affidano nuovamente ad un top laner e un support solidi, che dovranno principalmente far da gregari per il mid laner chiamato ad essere la stella del team.

Giocatore da tenere d’occhio: Phantomles

Negli Inferno è riuscito solo parzialmente a far vedere le sue qualità. Adesso approda in una squadra che già in passato è riuscita ad esaltare il proprio mid laner e che sembra costruita apposta per dare più risorse possibili ai due carry, ora tocca a lui riuscire a tirare fuori tutto il suo potenziale.

 

 

Rebranding dei vecchi 5 Hydra nato dalla fusione di questi con Campus Party. L’ormai ex idra a cinque teste si presenta adesso con una stella nel nuovo logo e con anche due firme stellari con gli arrivi di EndZ e coach Cristo dai Forge.

Giocatore da tenere d’occhio: Librid

Prima noto come Tsuzume, il ragazzo deve rifarsi dopo la brutta esperienza con i Moba ROG. Le qualità ci sono e il coaching staff che avrà intorno dovrebbe permettergli di tornare a brillare come ai tempi degli iDomina.

 

 

Altro team nato dalla fusione di due realtà ben note: i Qlash e i Forge. Sono l’unica squadra a presentarsi con un roster composto da ben dieci elementi. Hanno effettuato solo due acquisti, ma di spessore: Demon e Makeitbetter.

Giocatore da tenere d’occhio: Demon

Negli anni ha dimostrato innumerevoli volte di essere il jungler con più impatto nella scena italiana, ma adesso il compito sarà più difficile dati i tanti nuovi arrivi di spessore nel suo ruolo. Se dovesse riuscire a dimostrare nuovamente di essere il migliore, allora sicuramente i QLASH Forge potranno lottare per la vittoria finale.

 

 

Avete presente quando negli anime c’è quel personaggio che fino ad allora era decisamente più debole degli altri e poi improvvisamente scopre di avere dentro di sé una forza incredibile? Ecco, la stessa cosa è successa ai Cyberground a fine 2018, che da squadra di bassa classifica si è trasformata in una legittima pretendente per la vittoria finale in questo spring split 2019.

Giocatore da tenere d’occhio: Eckas

Durante il promotion tournament ha dimostrato di poter letteralmente vincere le partite da solo, ma adesso dovrà dimostrare di poter fare lo stesso contro avversari di ben altro spessore.

 

Adesso sapete tutto ciò che c’è da sapere su questi imminenti PG Nats che si prospettano come la competizione di livello più alto mai visto in Italia. Non perdetevi le partite di domenica e lunedì!