Home League of Legends Guide Hot picks of the Week (competitive)

Hot picks of the Week (competitive)

Il nostro coach Pencil, con questa rubrica settimanale, andrà a selezionare i pick migliori o più interessanti del panorama competitivo mondiale prendendoli da tutte le leghe professionistiche.


ZOE

Non è certo la prima volta che Zoe appare nel competitivo ed il suo ritorno non è portato da buff ma semplicemente dal meta che permette a questo pick di dare il meglio di se:
innanzitutto i tool di ingaggio sono limitati il che permette a questo siege mage di rimanere incontestato durante il mid-late game; inoltre i suoi unici MU veramente negativi in mid sono solo 3: LB, Akali ed Irelia (anche se quest’ultimo potrebbe diventare even o positivo con la 9.3).

In aggiunta ai motivi sopracitati Zoe eccelle in un meta dove gli unici due tank affermati, al di fuori del support, sono Sion e Sejuani ampliando di molto la sua possibilità di pick avendo più bersagli tra cui scegliere.

I suoi core item sono Luden’s, Sorcerer’s boots ed Oblivion Orb; questi 3 item donano abbastanza AP e Magic pen per burstare i bersagli prioritari sprovvisti di magic pen, dopo averli completati è possibile optare per diversi item:

  • Chiudere morello
  • Un item difensivo tra Zhonya e Banshee
  • Chiudere cappello (consigliata solo se siete feedati)

Ovviamente il morello andrebbe chiuso in ogni caso come quarto item ed il quinto dovrebbe sempre essere void staff, infine il sesto item tende ad essere il cappello o l’item difensivo.

Le rune sono le classiche con Aery ed inspiration per aiutare con il push.


KAYN

Kayn è sicuramente un pick particolare il cui scopo è counterare i tank in jungle che, al momento, stanno tornando a farsi vedere con Sejuani e Gragas.
Il suo early game è sempre bruttino in quanto il suo potenziale di gank è alto solo su linee fortemente over estese e che possono essere punite dalla sua E; nonostante questo Kayn vuole combattere nelle prime fasi di gioco per abilitare rapidamente Rhaast. Per ottenere delle early stack conviene cercare degli invade per pokare il tank avversario e contestare alcuni campi, è importante ricordare che non è necessario per Kayn uccidere gli avversari perchè il game plan è semplicemente ottenere Rhaast in fretta per diventare un champion vero.

Una volta trasformato Kayn diventa un grosso bruiser anti tank per via del suo danno % e del suo lifesteal che gli permette di restare in fight a lungo rendendolo una frontline durevole capace di buon ground control.

La sua build è piuttosto standard nei primi 3 item: Mercury (tenacity è una stat troppo importante quindi è preferibile prendere questi boots tranne in rari casi un cui si selezionano i tabi), Warrior e Black Cleaver; dopo questi core items vengono GA e Spirit visage nell’ordine che più  si adatta al game mentre l’ultimo oggetto è molto variabile anche perchè si arriva raramente a queste fasi di gioco ed io consiglio Death Dance per aumentare il sustain ed il danno in fight.

Le sue rune usano Conqueror per migliorare i danni sui tank e domination per il sustain di Ravenous Hunter


KENNEN

Per la scena italiana Kennen non è una grossa sorpresa ma è comparso anche in Europa e Corea come teamfighter e counter ad Urgot.

Come pick non ha bisogno di molte spiegazioni: in linea è capace di pokare con auto attack e di evitare gank con la sua E, soffre se Urgot viene flex pickato in quanto possiede un po’ di brutti MU il che lo rende un pick di nicchia ma efficace.
Al di fuori della fase di linea Kennen è un fortissimo teamfighter che però necessita di un hard engager o di ottimi flank per entrare nel fight.

La sua build non è nuova ed è quella che si usa su Kennen da molto tempo: Proto, sorc shoes, zhonya, Spellbinder Orb, Void Staff e Rabadon per chiudere.

Le rune sono le standard con Klepto e Domination per avere sustain ed abusare del suo AA.