Home League of Legends Guide Mordekaiser & Ryze Rework: pensieri a caldo

Mordekaiser & Ryze Rework: pensieri a caldo

La 9.12 introduce due reowork uno attesissimo ed uno che avviene almeno una volta all’anno: Mordekaiser e Ryze

MORDEKAISER

Il reowork del colosso d’acciaio era atteso da diverso tempo ed era l’unica soluzione per risolvere i molteplici bug che affliggevano il campione.

Il rework di Mordekaiser non cambia la sua identità di AP bruiser ma porta il suo kit alla pari con quello dei campioni più moderni e non penso restringa il numero di posizioni in cui sarà giocabile: la sua passiva infatti si attiva sui mostri e sui campioni rendendolo un possibile jungler; in bot, invece, potrebbe trovare vita più difficile avendo molto meno sustain rispetto alla precedente iterazione ma la sua nuova E gli potrebbe permettere di creare delle interessanti kill lane anche se non vedo un motivo per giocare lui rispetto a Swain.

Guardando meglio le sue nuove abilità la sua passiva è, ovviamente, una 3 hit passive che si attiva sia con gli attacchi base che con le abilità e, una volta attiva, crea un area attorno a Mordekaiser che danneggia i nemici e dona velocità di movimento al colosso d’acciaio; ulteriori colpi contro campioni o mostri prolungano la passiva senza un limite massimo, è quindi possibile tenerla up per tutta la durata di un teamfight.
La sua Q ora è semplicemente una grossa mazzata che infligge danni aggiuntivi se colpisce un singolo bersaglio non molto elegante ma efficace.

La W molto più complicata: Mordekaiser conserva parte del danno che subisce ed infligge fino al 30% della sua vita massima, attivando l’abilità egli ottiene uno scudo pari a quel valore per 4 secondi; l’abilità può essere riattivata per trasformare lo scudo in HP veri al ratio di 2 punti di scudo per 1 HP circa. Il quantitativo di scudo conservato appare come una barra secondaria sotto a quella della vita.

La E è la fusione tra il grab di Darius e la E di Swain ed è l’unico modo per Mordekaiser di chiudere il gap con i campioni ranged.
La Ultimate è letteralmente un 1v1 nel regno delle ombre: questo permette a Mordekaiser di isolare un bersaglio dal resto del team evitando peeling ed impedendo all’avversario di focussare i bersagli prioritari, anche se Morde non dovesse vincere l’1v1 un CC di 7 secondi su un ADC feedato può svoltare le sorti di un teamfight.

Dal kit e dai primi esperimenti Morde è un champion abbastanza forte che punisce molto chi non conosce il match up per questo il suo win rate è molto alto al momento. In top ha buoni match up contro quasi tutti i bruiser ma soffre un po’ i duellisti come Fiora ed Aatrox per via del loro sustain; in mid penso che sia leggermente meglio dato che può pushare la wave e recuperare vita con la W ed avere una linea piuttosto non interattiva, inoltre la sua E gli dà un discreto potenziale di all in contro i caster.
L’ultimo ruolo in cui potrebbe essere viabile è la jungle dato che il suo clear è piuttosto rapido ed indolore riuscendo a completare 5 campi prima dello spawn degli scuttlecrabs, l’unico problema potrebbe essere lo scarso potenziale di gank ma con un po’ di set up anche questo può essere risolto.

La sua item build migliore per ora sembra essere Rylai e Lyandri anche se alcuni prendono protobelt prima di questi due oggetti, successivamente builds come un mago classico con Rabadon e Zhonya. Per quanto riguarda le rune Conqueror sembra la keystone migliore con Grasp o Fleet nei brutti match up.

 

RYZE

Ormai questo rework è un evento annuale e dovrebbe avere il suo giorno dedicato; ovviamente si tratta di un soft reowrk ma cambia drasticamente la sua identità come campione: Ryze passa da essere un duellista e split pusher a teamfighter dedicato con un enorme potenziale per danno ad area.

La patch 9.12 ha rimosso lo scudo dalla sua combo ed il root dalla sua W base ma lo mantiene se viene potenziata dalla E; un altra modifica apportata al suo kit interessa la ultimate che ora ha un CD più lungo ma inizia subito con un range abbastanza ampio, assieme a questo l’aumento del danno sulla Q ora dipende dalla ultimate e non dalla E.

L’ultimo e più importante cambiamento sta nel fatto che la E ora si sparge su tutti i target vicini sempre senza bisogno di 2 cast o di uccidere il primo: questo rende il waveclear ed il danno in teamfight molto più semplice anche se ora la E non infligge danno ai bersagli secondari; questo singolo cambiamento trasforma Ryze completamente portandolo da una fase di corsia incentrata sul trading 1v1 ad una push lane dove è possibile pokare l’avversario all’interno della minion wave.

Questo nuovo Ryze ha uno stile di gioco molto meno lineare ma ha molto più potenziale danno in teamfight dato che il suo nuovo kit lo ha trasformato nella Sivir AP.