Home Call of Duty: Modern Warfare Nuovi aggiornamenti per gli Esports di Call of duty

Nuovi aggiornamenti per gli Esports di Call of duty

Activision ha annunciato nuovi dettagli sul mondo competitivo diCall of Duty, tra cui informazioni su elenchi, contratti e tornei aperti per la stagione 2020.

La stagione 2020 si giocherà su Call of Duty: Modern Warfare e sarà di nuovo un 5v5. Sarà giocato su console, presumibilmente su PS4, ma non è stato menzionato.

Qua vi lasciamo i dettagli annunciati di Activision, la notizie è stata completamente tradotta in italiano:

la stagione della Call of Duty World League ha concluso un’altra stagione stellare con eUnited che ha conquistato il premio finale: The Call of Duty World League Championship. Congratulazioni a tutti i concorrenti e grazie alle squadre, giocatori e membri dello staff di tutto il mondo che hanno contribuito a rendere la passata stagione così speciale.

Guardando al futuro, gli eSport professionali di Call of Duty inizieranno a trasformarsi in una lega in franchising con squadre in tutto il mondo. Oggi descriviamo di seguito alcuni dei parametri di costruzione della formazione stabiliti per tutte le squadre della nuova lega. Queste informazioni sono state anche condivise di persona con i giocatori professionisti CWL il mese scorso.

COSTRUZIUONE DEL TEAM NEL 2020

Il processo di seguito indicato è progettato per favorire l’equilibrio competitivo all’interno della lega; offrire ai giocatori l’opportunità di competere regolarmente durante la stagione e promuovere lo sviluppo dei giocatori a tutti i livelli di Call of Duty competitivo; offrire ai migliori giocatori di Call of Duty al mondo l’opportunità di competere nella nuova lega cittadina se lo desiderano; fornire ai giocatori la possibilità di firmare con qualsiasi squadra della nuova lega a condizioni eque; incentivare gli investimenti da parte dei proprietari delle squadre nello sviluppo dei giocatori in Call of Duty competitivo al di fuori del nuovo sistema di lega basato sulla città; e incentivare gli investimenti del team nel programma amatoriale Call of Duty Path to Pro e lo sviluppo dei giocatori in generale; fornire ai proprietari dei team un equo compenso per i loro investimenti nello sviluppo dei giocatori.

Di seguito è riportato un riepilogo dei principali punti di costruzione della formazione per gli aspiranti giocatori di esports di Call of Duty, poiché le squadre della nuova lega inizieranno a costruire i loro team nelle prossime settimane e mesi:

  • La prossima stagione di esports di Call of Duty per i giocatori professionisti inizierà nel 2020.
  • Pro match play sarà giocato in un 5v5 contro un team competitivo, giocato su console. Le regole possono includere sostituzioni.
  • La dimensione minima della formazione è 7; la dimensione massima per squadra è 10.
  • Una finestra per poter iniziare a firmare con i giocatori professionisti inizierà il 3 settembre 2019. Ciò significa che qualsiasi giocatore può negoziare e firmare un nuovo contratto con qualsiasi squadra del campionato in questo momento. A scanso di equivoci, i giocatori che sono attualmente sotto contratto con un’organizzazione esistente rimangono soggetti ai termini e condizione di tale contratto.
  • Le organizzazioni esistenti della Call of Duty World League che stanno passando alla nuova lega come una squadra di città avranno la possibilità di firmare i giocatori che sono attualmente nelle loro liste CWL 2019 a nuovi contratti 8 giorni prima rispetto a qualsiasi altra organizzazione a partire dal 26 agosto.
    Tutti i giocatori dovranno firmare un nuovo contratto per poter partecipare alla prossima lega.
  • La negoziazione del contratto è tra un giocatore e le squadre. L’Ufficio Legale non consiglierà i giocatori o le squadre nelle trattative contrattuali.
    Tutti i giocatori professionisti della lega riceveranno uno stipendio base minimo di $ 50.000 dollari all’anno, prestazioni sanitarie e pensioni. I team sono tenuti a distribuire direttamente ai giocatori almeno il 50% dei guadagni del montepremi.
  • Tutti i contratti pro player saranno garantiti; pertanto, ogni squadra che abbandona un giocatore dal proprio elenco senza motivo è tenuta a pagare lo stipendio residuo di quel giocatore.
  • Tutte le squadre possono offrire ai loro giocatori un alloggio adatto dove vivere ma non sono tenuti a farlo. Se una squadra non offre alloggi, deve presentare un piano all’Ufficio Lega specificando come aiuterà i suoi giocatori a trovare un alloggio durante la stagione. La Lega non richiede che i giocatori vivano nelle città che rappresentano.
  • Le squadre sono responsabili del coordinamento e dell’acquisizione di tutti i documenti richiesti per i visti per consentire ai giocatori di competere in tutto il mondo. Il League Office supporterà squadre e giocatori in questo processo, se necessario.
  • Le squadre possono inviare fino a 2 giocatori professionisti dalla propria formazione per competere negli eventi Path to Pro che si svolgono durante la stagione. Le squadre possono contrarre fino a 4 giocatori professionisti in totale per avere contratti a 2 vie in un determinato momento.

Per gli attuali giocatori di esports di Call of Duty che hanno contratti esistenti che si estendono fino a gennaio 2020:

  • Le squadre della Call of Duty World League esistenti che stanno passando alla nuova lega avranno il diritto di fare un’offerta concorrente fatta a un giocatore della propria formazione attuale da un’altra squadra della nuova lega. Il periodo di trattative sarà limitato a un massimo di 7 giorni dalla data di presentazione iniziale del contratto alla lega.
  • Tutte le squadre della Call of Duty World League avranno la possibilità di negoziare una commissione per l’acquisto da parte della squadra nella nuova lega. Le commissioni di acquisto non hanno un minimo stabilito e sono limitate al 100 percento dello stipendio del giocatore nella nuova lega più eventuali bonus garantiti.
  • Il diritto di corrispondere e le commissioni di acquisto sono soggetti alle limitazioni contrattuali su tali commissioni che il giocatore ha negoziato nel contratto del giocatore con la squadra della Call of Duty World League.
  • Le negoziazioni dei giocatori tra le squadre della lega pro possono aver luogo per la maggior parte della stagione 2020.

Riconosciamo l’importanza di una fiorente scena competitiva Path to Pro negli esports di Call of Duty, che ha continuato a raccogliere una forte partecipazione e premi ogni anno. In futuro, supporteremo e amministreremo vaste competizioni amatoriali, sia online che attraverso tornei aperti nelle città di tutto il mondo, con montepremi dedicati. Maggiori dettagli sul percorso verso il sistema pro e sui prossimi eventi saranno condivisi nei prossimi mesi.

Il futuro di Call of Duty Esports è luminoso e si basa su una forte eredità di eccellenza competitiva. Ci impegniamo a supportare la nostra incredibile community di giocatori, squadre, fan e partner nel prossimo capitolo.

La società ha annunciato oggi altri due posti per il campionato 2020, tra cui un secondo posto a Los Angeles e uno in Florida. Ci sono 9 squadre attualmente in campionato, ma i rapporti dicono che Activision ne vuole 12 per la prima stagione.

Vi terremo aggiornati su tutto ciò che riguarda gli eSport di Call of Duty visti i grandissimi cambiamenti in corso.