Home Apex Legends Scandalo nel Preseason Invitational di Apex Legends

Scandalo nel Preseason Invitational di Apex Legends

Durante lo scorso week end,in Polonia era iniziato il primo Major organizzato da Respawn con 80 squadre di tutto il mondo,il Preseason Invitational.

Le partite si sono svolte nell’arena di Alvernia Studios a Krakow, tra le protagoniste erano presenti anche dei team italiani come Samsung Morning Stars (che concluse al 49º posto), HSL Esports (56º posto) e il team QLASH(70º posto); la vittoria se la sono aggiudicata il team americano,i TSM che dopo la vittoria del X Games Minneapolis, riescono a aggiudicarsi il Preseason Invitational.

Però ci furono numerose polemiche durante l’evento, dove molti giocatori hanno notato dei malfunzionamenti nei computer predisposti per la competizione, REPS del team TSM ha spiegato che effettivamente alcuni computer sembravano essere stati manomessi e consigliava di controllare tutti i settaggi del PC e le varie impostazioni.
Il giocatore dei TSM ha quindi voluto aiutare tutti i loro compagni per avere in questo modo una sfida veramente competitiva e tutti sullo stesso livello perché evidentemente tra le 80 squadre si erano presenti alcune persone che volevano sabotare le performance degli avversari.

La questione successivamente è continuata sui social, con vari altri professionisti che hanno confermato la situazione che si era creata durante il Preseason Invitational riportando situazioni in cui i computer avevano subito dei cambiamenti come un problema agli FPS, sensibilità del mouse sbagliata ecc..

Al momento non è ancora stato trovato il colpevole e ne quale sia stato il motivo per farlo, ma è evidente che in questi grandi eventi sia necessario un un maggiore controllo, cosa che a quanto pare in Polonia è mancata.