Home Rainbow Six News Ubisoft prende sul serio gli attacchi dei DDossers

Ubisoft prende sul serio gli attacchi dei DDossers

Ubisoft ha finalmente preso sul serio la questione dei DDos su Rainbow Six Siege e ha deciso di prendere la causa in mano iniziando a risolvere i primi problemi.
Tramite un comunicato sul loro sito la Ubisoft ha dichiarato che hanno notato un aumento degli attacchi ai server dopo che avevano rilasciato l’operazione Ember Rise e di come cercheranno di compattere i DDossers.

Questo problema affligge gli tutti gli utenti,sia quelli sulle rispettive console e sia quelli su pc, un attacco del genere può portare ad avere dei crash improvvisi durante il gioco.

Ecco i punti principali del comunicato:

  • Tutti gli account che sono stati beccati ad effettuare attacchi DDos/Dos verranno bannati a partire dalla prossima settimana.
  • Ogni server ospita fino a 3 match e quando uno viene intaccato tutti e 3 i match ne risentono, per ovviare a questo problema ogni server ospiterà soltanto un match per volta dalla fine di questa settimana. Questo ridurrà del 66% la possibilità che un match venga colpito.
  • Con l’arrivo della nuova operazione sono state inasprite le sanzioni per chi abbandona le classificate (e non classificate), dalla fine della settimana tutti i match affetti da attacchi sanzioneranno in maniera più lieve chi abbandona.
  • Da inizio ottobre verrà ottimizzato il monitoraggio dei dati per evitare che questi problemi si ripresentino in futuro.
  • Premettendo che questa è una pratica illegale, gli sviluppatori si stanno muovendo anche legalmente per far cessare tutte le attività collegate a chi fornisce servizi per effettuare questi attacchi.
  • Anche Microsoft Azure, che fornisce i server a Ubisoft, si sta muovendo per risolvere il problema sia a breve che a lungo termine.