Home ESPORTS Echo Fox rimuove Rick Fox come partner

Echo Fox rimuove Rick Fox come partner

L’organizzazione per gli sport Echo Fox ha inviato una lettera al co-fondatore e socio generale Rick Fox dichiarando l’80% della mozione concordata dagli azionisti di Echo Fox di rimuoverlo dall’organizzazione a tutti gli effetti. La lettera è stata ottenuta da ESPN e riportata da Jacob Wolf di ESPN Esports venerdì 27 settembre.

La lettera è stata firmata dal capo di Vision Esports, Stratton Sclavos, dall’investitore Daniel Deshe, dal manager del gruppo Raizada Ravi Srivastava e dal partner di Fox Khalid Jones. La società Fox e Jones, SourceRock Ventures, ha acquisito la sua partecipazione in partnership in Echo Fox nell’ottobre 2018 dal cofondatore Amit Raizada per $ 10 milioni in prestiti finanziati.

Nella lettera, le parti che scrivono affermano che Fox ha lavorato ripetutamente contro il miglior interesse dell’azienda e dei suoi partner, sostenendo di essere negligente, ha costretto la vendita all’asta di Riot Games e ha detto ad altri che avrebbe “bruciato questa società per terra “. in riferimento a Echo Fox. Il contesto della citazione non è stato fornito.

Il rapporto afferma anche che nella lettera, gli azionisti hanno affermato che Fox ha cercato di catturare tre impiegati – il presidente di Echo Fox, Jared Jeffries, il capo delle pubbliche relazioni Haley Hey e il direttore generale Jake Fyfe – dopo che Fox ha assunto le operazioni di Echo Fox per intero in ottobre 2018. Fyfe ha lasciato l’organizzazione per propria volontà per un lavoro presso NantG. Fonti vicine a Fox hanno riferito a ESPN che Patrick Soon-Shiong, proprietario di NantG, che possiede anche il Los Angeles Times, deve 2,5 milioni di dollari alla Fox.

Il 16 agosto, LCS ha costretto Echo Fox a vendere il suo franchising in un’asta aperta di 30 giorni in cui Riot, in collaborazione con Echo Fox, avrebbe deciso l’acquirente più adatto. Upcomer ha riferito poco dopo che fonti hanno riferito all’ex pubblicazione che gli azionisti avevano iniziato a chiedere le dimissioni di Fox.

Nella lettera è stato anche affermato che il 16 agosto Fox ha licenziato molti dipendenti del team, che secondo gli azionisti sono diventati dannosi per la chiusura delle attività dell’azienda.

Fox ha anche sostenuto l’accettazione di un’offerta da parte di Mosaic Media Investment Partners nonostante i desideri dell’azionista.

Giovedì scorso, Riot Games ha accettato di vendere la squadra a Evil Geniuses per $ 33 milioni, con ulteriori $ 2,5 milioni di copertura dei debiti verso LCS dal lato Echo Fox. Secondo la lettera, Fox si è opposta al parere dei suoi azionisti e della sua banca di investimento rifiutando l’offerta per gli Evil Geniuses di $ 30,5 milioni prima dell’asta forzata.

Per rendere le cose ancora più complicate, Rick Fox è anche in una disputa separata relativa a Echo Fox con Stratton Sclavos. Il capo di Vision Esports ha raccolto $ 11,3 milioni per Echo Fox alla fine del 2017 e all’inizio del 2018 $ 38 milioni per i soci Vision Venture Partner di Echo Fox. Gli azionisti sperano di trovare un nuovo socio  che risolva amichevolmente la controversia, hanno detto le fonti.

Il tumulto interno di Echo Fox è iniziato in aprile quando Rick Fox ha espresso le sue intenzioni di lasciare l’organizzazione dopo numerosi presunti incidenti dell’azionista Amit Raizada usando insulti razziali verso Fox e l’ex CEO di Echo Fox Jace Hall.

Una successiva inchiesta LCS si è conclusa con la richiesta di FOX di rimuovere Raizada, ma le controversie interne sono proseguite oltre la scadenza e ben oltre le successive discussioni di vendita.

Kroenke Sports & Entertainment è stato proposto come acquirente dello spot Echo Fox in una proposta alla LCS da quest’ultimo il 23 luglio.

Nonostante tutto sia pronto per la KSE Esports per rivendicare il vecchio spot LCS di Phoenix1 per la stagione 2020, le controversie tra il gruppo Kroenke e la gestione del partner di eSports Sentinels si sono intensificate nel territorio legale prima che Kroenke concludesse l’accordo.

Alla fine, è stato concordato che Riot Games avrebbe venduto lo spot per conto di Echo Fox.