Home League of Legends Esports ROAD TO WORLDS: TEAM LCK

ROAD TO WORLDS: TEAM LCK

Finalmente i tanto attesi mondiali di League of Legends sono cominciati e vedranno scontrarsi 24 squadre provenienti da tutto il mondo, andiamo a conoscere meglio le rappresentanti LCK, il campionato Coreano:

DAMWON Gaming: Dopo essersi qualificati per LCK, ed aver concluso lo spring split al quinto posto, i DAMWON hanno cambiato marcia e trovato continuità durante il summer split riuscendo a piazzarsi al secondo posto alle spalle dei Griffin con un record di 13 vittorie e 5 sconfitte. Sconfiggendo i KING-ZONE DragonX nei regional qualifier si sono assicurati il posto al mondiale come terzo seed LCK.
I DAMWON sono un team estremamente solido, capace di adattare la propria strategia all’avversario in maniera perfetta, variando da una strategia aggressiva ad una passiva senza alcun problema e possono contare su un roster eccezionale dove spiccano in particolare il toplaner Nuguri e il midlaner ShowMaker.

Punti di forza: Incredibile versatilità tattica, capacità di adattarsi perfettamente al meta e al ritmo della partita, grandi capacità individuali soprattutto per Nuguri ShowMaker.

Punti deboli: Potrebbero accusare la mancanza di esperienza sul palcoscenico internazionale una volta approdati al group stage, in particolare per quanto riguarda il Jungler Canyon i cui path sono, a volte, prevedibili e facilmente counterabili.

ROSTER: Nuguri, Canyon, ShowMaker, Nuclear, BeryL

GRIFFIN: Dopo aver fallito l’accesso al mondiale l’anno scorso i Griffin approdano finalmente alla massima competizione internazionale portando con se grandissime aspettative.
Nonostante la sonora sconfitta subita ad opera degli SKTT1 nelle finali i Griffin hanno dominato il summer split mostrando uno stile di gioco estremamente aggressivo votato a dominare l’early game grazie alle incredibili capacità meccaniche dei propri membri, soprattutto Tarzan, Chovy e Viper, ed un esecuzione rapida e chirurgica che lascia poco spazio di counterplay.

Punti di forza: Capacità individuali sopra la media, i Griffin nascono come un team che raduna 5 giocatori che hanno dominato la soloQ coreana e possono contare su un roster incredibilmente dotato.

Punti deboli: Anche loro potrebbero accusare la mancanza di esperienza e le grandi aspettative che li circondano, inoltre le prestazioni del toplaner Sword sono piuttosto in calo tanto che durante la stagione è stato sostituito più volte da Doran.

ROSTER: Sword, Tarzan, Chovy, Viper, Lehends

SKTelecomT1: Quest’anno gli SKT di Faker approdano ai mondiali come una delle squadre favorite alla vittoria finale; il team ha finalmente risolto il problema  del Jungler che si portavano dietro da un paio di anni ingaggiando Clid che si è subito imposto come uno dei migliori Jungler al mondo. Sempre parlando di star Faker ha avuto un anno di rinascita tornando ai suoi incredibili livelli e portando il team a conquistare il titolo LCK con uno stile di gioco aggressivo votato a dominare gli avversari nell’early game.

Punti di forza: Gli SKT sono una squadra estremamente versatile, che sa giocare in maniera aggressiva ed allo stesso tempo performare altrettanto bene nelle fasi più avanzate del gioco; possono variare molte composizioni potendo contare sulle capacità di carry di Faker,Teddy Clid. Questa capacità di adattamento, unita alle ampie champion pool dei propri giocatori,  li rende particolarmente ostici in fase di draft e non bisogna sottovalutare la fame di vittoria di Faker che, qualora dovesse vincere, sarebbe il primo giocatore di sempre a trovarsi campione del mondo per ben quattro volte.

Punti deboli: Le uniche pecche di questo team sono le prestazioni non certo esaltanti che il toplaner Khan e il support Effort hanno messo in mostra negli ultimi tempi, vedremo se ai mondiali riusciranno a redimersi.

ROSTER: Khan, Clid, Faker, Teddy, Effort