Home League of Legends Esports ROAD TO WORLDS: TEAM LPL

ROAD TO WORLDS: TEAM LPL

Prosegue il nostro appuntamento alla scoperta dei team provenienti dalle leghe orientali che si stanno affrontando in questi mondiali, è il turno delle rappresentanti LPL, il campionato cinese.
In questi ultimi due anni l’ LPL si è imposta come il campionato più competitivo e performante, grazie ai risultati ottenuti dagli RNG negli MSI e alla vittoria degli IG agli scorsi mondiali.

Royal never give up: Gli RNG hanno vissuto una stagione sottotono accusando il fallimento degli scorsi mondiali che li vedevano favoriti dopo la convincente vittoria ottenuta agli MSI.
Nonostante ciò rimangono un team da non sottovalutare che può contare sul leggendario adc Uzi e sull’esperienza del jungler Karsa, tuttavia il meta non sembra favorire la loro consueta strategia di concentrare tutte le risorse su Uzi e di puntare ai teamfight nel late game.

Punti di forza: Gli RNG fanno dell’esperienza in campo internazionale e della qualità di Karsa e Uzi le loro armi principali, puntando spesso e volentieri a mettere tutte le uova nel paniere del proprio adc andando a draftare composizioni che puntano a scalare nel late game e a supportare Uzi come unico carry del team.

Punti deboli: La loro strategia è molto prevedibile e si sono mostrati più volte, durante questa stagione ,manchevoli di un early game solido che gli permettesse di transizionare nel mid to late game in condizione di parità con il team avversario, inoltre lo stesso Uzi non sta sicuramente vivendo un periodo di forma smagliante.

ROSTER: Langx, Karsa, Xiaohu, Uzi, Ming

FunPlus Phoenix: Gli FPX saranno sicuramente una sorpresa per color che non sono soliti seguire LPL; le fenici hanno sbaragliato la concorrenza delle rivali  dell’ LPL con un record totale di 27 vittorie e 3 sconfitte, uscendo in semifinale durante lo spring split ma rifacendosi immediatamente vincendo il summer split proprio contro gli RNG ai quali hanno concesso un solo game.
Oltre a poter contare su talenti di livello assoluto come Gimgoon, DoinB e Lwx i FPX hanno mostrato un macrogame impeccabile in tutte le fasi del gioco che li rende degli avversari davvero ostici per chiunque e tra le principali favorite alla vittoria finale.

Punti di forza: Early to midgame dominante in tutte le corsie, livello meccanico degli interpreti tra i migliori al mondo in ogni ruolo, gli FPX sono un team che si fa forza dei vantaggi accumulati nell’early game da parte dei propri laner e di rotazioni aggressive per arrivare nelle fasi più avanzate della partita con un vantaggio difficilmente sormontabile da parte degli avversari, inoltre le loro draft sono assolutamente imprevedibili essendo capaci di adattarsi perfettamente al meta tanto quanto di stupire con pick inusuali.

Punti deboli: Ecco questa è difficile…se proprio dobbiamo cercare con la lente di ingrandimento un punto debole di questo team possiamo trovarlo nel teamfight late game, fase nella quale forse risultano lievissimamente carenti rispetto a squadre come G2 e SKTT1.

ROSTER: GimGoon, Tian, DoinB, Lwx, Crisp.

Invictus Gaming: I campioni del mondo in carica hanno stupito, nessuno sa bene perchè, durante i mondiali 2018 con una incredibile run che li ha portati a vincere il titolo mondiale nella finale più breve di sempre contro i FNC.
Quest’anno, tuttavia, hanno vissuto un periodo di difficoltà, dopo la vittoria nello spring split infatti, complici i problemi personali di Rookie e la sostituzione del jungler Ning con Leyan, hanno deluso durante il summer split, riuscendo a qualificarsi ai mondiali solo attraverso i regional qualifier, nei quali, tra l’altro, hanno giocato in maniera non certo impeccabile, facendosi forza praticamente solo delle qualità meccaniche del toplaner TheShy e dell adc JackeyLove, entrato di diritto nel dibattito tra gli adc migliori al mondo.

Punti di forza: Il punto di forza principale degli IG ha un nome e un cognome: Kang Seung-lokTheShy è, per distacco, il miglior toplaner del mondo grazie alle sue meccaniche fuori dal comune e alla sua vasta champion pool ed è riuscito a carriare “quasi da solo” gli IG in più game di quanti si possano contare.
Da lui e da JackeyLove dipenderanno le sorti dei campioni in carica, se riusciranno a performare con continuità e se a ciò si aggiungerà un Rookie in formato “cugino del Rookie 2018” gli IG potrebbero avere delle chances di difendere il titolo.
Come team sono temibili sia in fase di draft grazie all’uso di numerosissimi flexpicks, che, soprattutto, in early to midgame grazie alla qualità dei loro interpreti.

Punti deboli: La chimica di squadra è un grosso punto di domanda, il nuovo jungler Leyan svolge un ruolo più da facilitator rispetto a Ning ma a volte si mostra troppo aggressivo nei suoi path e invade finendo con il risultare prevedibile; Rookie invece ha vissuto un anno infernale, giocando poco e sottotono, ha dato segnali di risveglio durante le ultime settimane del summer split e durante il gauntlet, ma sicuramente non sembra ancora il laner dominante che ha permesso agli IG di conquistare il mondiale l’anno scorso, il suo stato di forma sarà il metronomo che segnerà le sorti di questi IG.

ROSTER: TheShy, Leyan, Rookie, JackeyLove, Baolan.