Home League of Legends Esports Sei scenari (poco) plausibili dopo la Finale

Sei scenari (poco) plausibili dopo la Finale

Madrid, Spain - November 3: --- during Worlds 2019 Semifinals at Palacio Vistalegre on November 3, 2019 in Madrid, Spain. (Photo by Michal Konkol/Riot Games)

A pochi giorni dalla finale dei Worlds, ci siamo presi del tempo per riflettere su cosa potrebbe accadere nel mondo di League of Legends con la vittoria di una delle due squadre. Di tutti gli universi possibili, abbiamo deciso di raccontarne solo 6, 3 per la vittoria dei G2, 3 per quella degli FPX.
In nessuno di questi, Promisq giocherà una partita.

1- #G2WIN 1
Durante la conferenza stampa dopo la finale, Ocelote si presenta commosso ma non risponde alle domande dei giornalisti. Ad un certo punto afferra il microfono ed esclama: “Finalmente tutto si è compiuto, il mio piano è completo”. Poi schiocca le dita, ed appare uno schermo che riprende direttamente Madrid, dove viene eretta una gigante statua raffigurante il volto del proprietario dei G2, con sotto inciso ‘visit shop.g2esports.com’. “Dichiaro ufficialmente nata la Confederazione di Carlos”. Si infila un cappello militare, un mantello, si alza e se ne va. Tutti si guardano confusi.

2- #FPXWIN 1
Dopo uno strepitoso ultimo game, conclusosi con una Pentakill sul suo trademark Malphite full AP, Doinb è in lacrime sul palco. I FunPlus sollevano la coppa ed esultano, Sjokz si prepara ad intervistare il capitano del team cinese. Arriva il momento atteso da tutti, e Doinb inizia un bellissimo discorso sul non arrendersi mai, sul credere nelle proprie capacità e sull’usare al meglio il proprio talento, sfruttando al meglio anche i propri punti deboli. Standing ovation all’AccorHotels Arena. Il giorno dopo nessuno riesce a giocare una partita di SoloQ, perché il 90% degli utenti vuole andare midlane per giocare tank full danno. Il supporto Riot è sommerso dalle richieste dei giocatori, che intasano a tal punto il traffico sui server di gioco da romperli. La colpa sarà data all’imminente rilascio del Clash.

3- #G2WIN 2
Perkz annuncia il suo ritiro da League. “In questi anni ho ottenuto tutto quello che volevo, non posso chiedere di più. Ringrazio i miei compagni di squadra e Carlos che ha sempre creduto in me”. Di lui si perdono le tracce, tutti i suoi account spariscono dalla ladder. Anche gli ufficiali Riot sembrano non saperne nulla. Dopo qualche mese un articolo di Jacob Wolf rivela la posizione dell’ex capitano dei G2: ora si fa chiamare Uma Jan, si è ritirato in un monastero in Tibet. Viene invitato da Marc Merrill a giocare un ultimo showmatch, lui accetta ma ad una condizione: giocherà lui tutti i ruoli nel suo team. Tryndamere è sorpreso ma accetta. Il giorno della partita, contro una selezione dei migliori giocatori europei, Uma Jan si presenta con una tunica, è silenzioso. Si siede al pc. Chiuderà la partita 5/0/25. In tutti i ruoli.

4- #FPXWIN 2
Tutti sono entusiasti della vittoria del team cinese. Ovunque si legge di un nuovo modo di giocare a League, una rivoluzione nel gioco, qualcosa di mai visto prima. Cavalcando l’entusiasmo tutti cercano di emulare lo stile degli FPX, con più o meno successo. I FunPlus stessi non cambiano nulla, sicuri del loro potenziale. Lo Spring Split è una cavalcata trionfale ed i cinesi si presentano all’MSI come favoriti. In semifinale affrontano i Clutch Gaming, che li eliminano 3-0. Una grossa patch cambierà completamente il meta di lì a poco, portando gli FPX all’ultimo posto dell’LPL.

5- #G2WIN 3
Dopo la finale, Jankos chiede un po’ di tempo lontano dalle telecamere, per riposarsi un po’ prima di tornare al competitivo dopo tanti anni al top. Al momento del suo ritorno, ha un dubbio. Va da Grabbz e gli chiede: “Ma non dovevamo avere delle skin personalizzate?”. Il coach sorride e gli fa: “Sì Marcin, ma non preoccuparti. Ci abbiamo pensato noi”. Jankos si guarda intorno e vede che anche i suoi compagni sorridono guardandolo, ma non ci fa troppo caso. Dopo poche settimane l’annuncio: Kled, Akali, Yasuo e Pyke. E poi lei, Sejuani. Jankos è furioso, va da Carlos a chiedere spiegazioni. Ocelote risponde pacatamente: “Marcin, non è colpa di nessuno se questa stagione non hai giocato Braum”.

6- #FPXWIN 3
Dopo il successo, gli FPX decidono di godersi una “pensione dorata”, trasferendosi in altre regioni. In particolare GimGoon e Crisp vanno a finire in Nord America, nelle fila dei nuovi Immortals. Il primo periodo però non va benissimo, a causa di difficoltà di comunicazione con i compagni di squadra. Al loro posto verranno presi BrokenBlade e Smoothie, in fuga dai TSM, che porteranno la nuova franchigia ai Playoff. Dei due campioni del mondo si perderanno le tracce, andando a finire nel campionato Academy dove diventeranno pluricampioni senza però venir mai aggregati nuovamente al main team.

Crediti immagini: League of Legends Esport, Twitter