Home Clash Royale La competizione europea più importante di Clash Royale sta per iniziare

La competizione europea più importante di Clash Royale sta per iniziare

La SuperLiga Orange di Clash Royale cambia veste e nome e diventa la Orange Crown League.
La massima competizione europea di Clash Royale, seconda sola alla CRL, riapre i battenti rinnovata pronta a mostrare i migliori talenti del mondo. La lega nazionale spagnola è il bacino da cui moltissimi team della CRL attingono per i propri roster, il passo fondamentale per diventare a tutti gli effetti un giocatore professionista.

Analizziamo le novità della competizione

La Orange Crown League raccoglie, come detto, il testimone della Superliga Orange e sarà la nuova competizione nazionale Spagnola a partire dal 2020.

La nascita di questa nuova lega non presuppone un cambio radicale rispetto a quello costruito in precedenza, però porta diverse novità che meritano di essere lette.
Queste sono le informazioni fondamentali che bisogna conoscere prima dell’inizio della Orange Crown League.

19 gennaio: un nuovo inizio

La competizione avrà inizio Domenica 19 gennaio. La Crown League sarà sempre disputata di Domenica, come in precedenza, con cinque partite alla settimana.

Partite al meglio dei tre set, rimane il Rey de la Arena

Le partite della stagione regolare si disputeranno al meglio dei tre set. L’emozionante set “Rey de la Arena”, destinato a risolvere i pareggi in caso di arrivo al terzo set, verrà mantenuto nella Orange Crown League.

Come novità, il primo ban di ciascun team sarà pubblico due ore prima dell’incontro, assieme al lineup della partita. In questo modo, i team disporranno di più tempo per prepararsi alla partita e per pianificare le proprie strategie.

Dieci team e diversi volti nuovi

Dieci team disputeranno la prima Orange Crown League fra i mesi di gennaio e giugno. Assieme ad alcuni team già conosciuti, come Arctic Gaming, Cream Esports o QLASH, ci saranno anche nuovi concorrenti nella competizione: Outplayed, Ramboot Club, Wygers e ZERØZONE.

Sfida tra vecchie leggende e nuove promesse

La Crown League conta di un elenco di players che va da giocatori già consacrati come leggende di Clash Royale a giovani promesse e talenti da scoprire. Grandi nomi di scala nazionale e internazionale come Fernando “Ferchu” Alcázar, Alejandro “Regue” Regueira, Mario “Michifu” Fierro o Daniel “SaintBelikin” Ream si uniscono ad altri da scoprire. Samuel “Legge” Gusa, Oriol “Dergha” Madurga o Darko “Tocilovac” Tocilovac potranno essere alcune delle stelle del futuro.

Un programma rinnovato

Sei team si qualificheranno ai playoffs della Crown League, e la posizione finale della stagione regolare concederà più benefici che mai. Innanzitutto, il primo e il secondo classificato accederanno direttamente alle semifinali della competizione. Inoltre, i team con i migliori seeding disporranno sempre della possibilità di scegliere il proprio rivale.

Infine, il terzo classificato potrà scegliere se scontrarsi con il quinto o con il sesto team nei quarti di finale. Il primo, invece potrà scegliere il proprio avversario delle semifinali fra i vincitori della fase precedente.

Gli Italiani a bordo

Sono ben due i team italiani che ci rappresenteranno nella competizioni, i primi sono i Qlash che hanno già fatto molto bene nella passata edizione e nella Copa (la competizione estiva di Clash Royale) ed i secondi sono gli Outplayed che hanno guadagnato l’accesso vincendo il campionato Arena GG series del 2019 e poi lo spareggio con i Cream (poi ripescati).
Oltre ai team la bandiera italiana verrà rappresentata anche da altri giocatori sparsi nelle varie compagini spagnole:

Mostema – Cream Esports
Ace – Cream Esports
Mattiaa – QLASH
Legge – S2V Esports
Pasti – ZERØZONE
Chiqui – Arctic Gaming

Lo streaming

Sarà possibile vedere tutte le partite sul canale ufficiale: twitch.tv/lvpes3