Home League of Legends Esports LEC WEEK 2 DAY 2 RECAP

LEC WEEK 2 DAY 2 RECAP

Bentornati alla rubrica settimanale del recap! La LEC, massima lega europea del competitivo di League of Legends, ha riaperto i battenti da poco e le dieci squadre partecipanti iniziano a muovere i primi passi della stagione 2020, lottando per raggiungere la gloria in Europa e un posto nei tornei internazionali. Andiamo a vedere cosa è successo nella seconda giornata della settimana due del torneo.

Riassunto della giornata (e settimana)

Dopo la vittoria contro i Rogue gli Origen cercano la vetta solitaria della classifica nello scontro diretto contro i G2; tuttavia i campioni in carica sembrano essere sempre un passo avanti alle contendenti sia in draft che in gioco.
I Rogue, dopo la sconfitta contro gli Origen, distruggono i Vitality e si piazzano al secondo posto, in attesa dello scontro con i G2 della settimana prossima. La sorpresa degli scorsi playoff ha iniziato bene questo split e continua a convincere pubblico e esperti del settore, che li pongono già tra le squadre sicuramente ai playoff. Speriamo che non subiscano un calo di prestazioni netto perché le loro partite sono belle da vedere.
Sorpresa della settimana: i Misfits chiudono con un secco 2-0 a discapito delle previsioni degli analyst; seppur con molte riserve i Misfits hanno mostrato a tratti bel gioco e buona coordinazione di squadra ma c’è ancora molto da migliorare.
I Fnatic si dimostrano i veri anti-G2: se c’è una squadra che può contender loro il titolo non è nessun’altra se non i FNC. Bwipo continua a giocare divinamente e la sinergia mid-jungle tra Nemesis e Selfmade è in continua crescita, mentre la duo botlane Rekkles-Hylissang è ormai rodata e solida. La settimana prossima ci sarà lo scontro tra Fnatic e G2 e non vediamo l’ora di assistere all’ennesimo rematch di infinite partite e finali.
Male, molto male, Schalke 0:4 e Vitality: entrambe ancora a 0 vittorie e con tanto lavoro davanti. Gli Schalke sono sembrati a tratti molto convincenti per poi abbandonare del tutto la partita e perdere anche quando erano in netto vantaggio, mentre i Vitality sono totalmente allo sbando e, per migliorare questa situazione, qualcosa dovrà necessariamente cambiare.
SK Gaming chiudono 0-2 la settimana con tante domande: per arrivare ai playoff ci sarà bisogno di molta più sicurezza sulla mappa e in partita, c’è da lavorare.
Excel e MAD Lions chiudono entrambe 1-1 la loro settimana e restano a metà classifica: la lotta per i playoff potrà essere agguerrita e le qualità di entrambi i team dovranno essere affinate per assicurarsi uno spot alla fase finale dello split.

Rispetto alla giornata 1 di questa settimana la durata media delle partite torna in sintonia con la scorsa settimana: vediamo partite più lunghe per una durata media di 36:40 minuti. Nulla di nuovo nelle draft, se escludiamo la Soraka di Wunder e il Rengar di Bwipo, che continuano ad essere incentrate sul late game pickando jungler con buon clear e gank setup, considerato quanto faccia schifo la giungla in questa patch.

Excel vs Misfits

Draft (dalla top alla bot):
EX (lato blu): Sett, Jarvan IV, Morgana, Xayah, Rakan
MSF (lato rosso): Gangplank, Lee Sin, Leblanc, Aphelios, Tahm Kench

L’early game è molto bilanciato: gli Excel preparano un dive in toplane assicurandosi il primo sangue e un successivo herald, pochi minuti dopo i Misfits pareggiano il punteggio di kill in midlane, prendendo poi il primo drago. Anche il secondo herald finisce nelle mani degli Excel che si trovano 2-0 per torri prese: con questo vantaggio prendono il secondo drago e la seconda torre mid ma non premono sull’acceleratore e i Misfits, sfruttando Leblanc sulle corsie laterali, presto recuperano due torri. Il primo vero scontro avviene al 23′ davanti al drago: gli Excel prendono l’obiettivo ma i Misfits vincono il fight con una triple kill nelle mani di GP. Poco meno di due minuti dopo scoppia un altro fight nella giungla dietro il barone e entrambe le squadre prendono 3 uccisioni. Il game è bello e combattuto con entrambi i team che compiono azioni proattive e non restano a guardare ma più si avvicina il late game più la composizione dei Misfits diventa efficace, a discapito di quella degli Excel. Al 29′ gli Excel riescono a prendere il baron grazie anche a un bruttissimo flash di Razork sul muro; i Misfits si accontentano del loro secondo drago in cambio. Gli Excel cercano di sfondare nella base avversaria col buff del barone ma i Misfits difendono bene vincendo lo scontro per 3 kill a 2, spegnendo la pressione nemica. Al 38′ i Misfits colgono il Sett di Expect fuori posizione, lo uccidono e prendono il baron, mentre dall’altra parte della mappa il duo Xayah-Morgana rompe l’inibitore botlane. Sarà l’ultima struttura presa dagli Excel: al 41′ i Misfits vincono un fight davanti al drago e col baron ancora attivo chiudono la partita al minuto 40:38 e la settimana col punteggio di 2-0.

Schalke 04 vs MAD Lions

Draft (dalla top alla bot):
S04: Aatrox, Gragas, Leblanc, Senna, Braum
MAD: Rumble, Elise, Qiyana, Miss Fortune, Rakan

Al 5′ si aprono le danze con un 2v2 in midlane: a morire sono entrambi i midlaner ma Leblanc prende il primo sangue mentre Qiyana un assist. Due minuti dopo gli Schalke tornano mid con tre persone e uccidono nuovamente Humanoid.
Il primo drago va ai MAD, il primo herald agli S04, come da copione standard; nei successivi minuti entrambe le squadre sono alla pari mentre si transiziona nel mid game e continuano a scambiarsi kill e torri fino al minuto 25. Al 27′ esplode il primo vero fight della partita davanti al drago: gli Schalke prendono tre kill in cambio della vita di Forg1ven e si assicurano il drago, negando l’anima infernale ai MAD. Le squadre continuano a scontrarsi per i successivi cinque minuti, con gli Schalke che ne escono sempre vincitori e prendono il loro secondo drago al 33′. Nonostante il vantaggio di 3k gold accumulato gli S04 allentano la presa e perdono la torre dell’inibitore mid al 35′. Due minuti dopo succede il fattaccio: con un uomo in meno i MAD eseguono una carneficina sugli Schalke che aggredivano il baron e si assicurano loro il buff; meno di un minuto dopo prendono il quarto drago e l’anima infernale: con questi buff il nuovo team della LEC assedia la base nemica, tuttavia senza riuscire a prendere un inibitore. Al 44′ i MAD prendono il secondo baron e un’altra carneficina e finalmente possono andare a prendere il nexus avversario al minuto 44:38.

Rogue vs Vitality

Draft (dalla top alla bot):
RGE (lato blu): Ornn, Jarvan IV, Azir, Senna, Braum
VIT (lato rosso): Camille, Elise, Pantheon, Ezreal, Rakan

Camille top! Di nuovo Pantheon! Un Ezreal?! Questa è la draft dei Vitality contro gli agguerriti Rogue, che si stanno dimostrando capaci di competere per la parte alta della classifica. I primi due draghi vanno nelle mani dei Rogue mentre il primo herald va ai Vitality che provano a piazzarlo toplane, ma si ritrovano a combattere una skirmish 2v3 regalando una kill agli avversari senza riuscire a prendere la prima torre. Prima torre che verrà invece presa dai Rogue in midlane grazie al secondo herald: è il minuto 16, i Rogue sono in vantaggio di tre kill a zero, due draghi e una torre appena presa; ingaggiano immediatamente sui Vitality prendendo un’altra kill, che sarà convertita nella seconda torre mid.
Al minuto 20′ i Rogue hanno preso 5 kill, 5 torri e tre draghi e si trovano con un vantaggio di 4k gold; dopo una lunga schermaglia i Vitality riescono a prendere la loro prima kill su Finn nella loro giungla. Tre minuti dopo esplode un fight davanti al drago: i Rogue prendono subito Jactroll e si assicurano l’anima dell’oceano. Al minuto 27 i Rogue forzano il baron con Cabochard in botlane senza tp: riescono facilmente ad assicurarsi il buff e, dopo il recall, inizia l’assedio alla base avversaria mentre Saken e Cabochard sono in villeggiatura in toplane. I Rogue vincono il game al minuto 29:52 e chiudono la settimana al secondo posto col punteggio di 3-1.

SK Gaming vs Fnatic

Draft (dalla top alla bot):
SK (lato blu): Gangplank, Taliyah, Pantheon, Miss Fortune, Braum
FNC (lato rosso): Rengar, Elise, Ornn, Senna, Nautilus

‘Se lui può giocare Soraka top allora io posso giocare Rengar crit top! Semicit. di Bwipo riferendosi a Wunder.

Scherzi a parte, Bwipo è inarrestabile in questo inizio di stagione, il miglior toplaner della competizione finora, con qualche riserva (Wunder ha giocato due volte Soraka… vincendo). Rengar prende il primo sangue in toplane 1v1 e tanto basta per capire come andrà a finire. L’early game tuttavia è combattuto con gli SK che non restano a guardare e prendono il primo herald e la prima torre piazzandolo in botlane, arrivando poi a prendere anche la torre successiva. I Fnatic rispondono subito con la torre toplane mentre in midlane persone vanno, persone vengono… ma non muore nessuno.
Al 14′, in piena transizione early-mid, esplode un fight in midlane e gli SK perdono tre dei loro membri. I Fnatic hanno molto vantaggio a questo punto: si assicurano il secondo drago, scambiandolo di nuovo con l’herald, e conquistano tutta la zona bassa della mappa piazzando visione nella giungla dopo aver preso la torre esterna botlane. Al 20′ le squadre si scontrano di nuovo in mid ma sarà solo Bwipo a morire; gli SK sono lenti a spostarsi verso il drago e Bwipo usa il teletrasporto per tornare in zona: i Fnatic vincono il fight uccidendo quattro avversari, il drago e la torre interna botlane.
Al 25′ esplode un fight ancora una volta in midlane e gli SK riescono ad uccidere tre avversari e si spostano verso il baron ma riescono a perderlo in 5v3 con i Fnatic che massacrano gli SK e prendono il buff. Trenta secondi dopo si assicurano anche l’anima infernale e la bara degli SK è ormai chiusa: l’ultimo fight in botlane vede morire solo Hylissang per i Fnatic che distruggono il nexus al minuto 29:07.

MATCH OF THE WEEK
G2 vs Origen

Draft (dalla top alla bot):
G2 (lato blu): Soraka, Lee Sin, Leblanc, Senna, Thresh
OG (lato rosso): Rumble, Rek’Sai, Sylas, Xayah, Rakan

Mi sento in dovere di ringraziare i G2 per fare più o meno quel che vogliono sempre, andando a vincere lo stesso: 100% di win rate con Soraka top per Wunder signore e signori, non ci abbiamo capito niente di questo gioco. Per quanto se ne può dire, il game è stato mono-direzionale: i G2 non sono mai andati sotto di gold e hanno sempre rispettato gli avversari, a parte una svista che poteva costar loro molto caro. Origen che hanno giocato bene e combattuto fino alla fine ma con un Perkz così in forma, e una draft così brutta, è davvero difficile riuscire a prevalere contro questi G2.

Inizio di partita tranquillo, le corsie farmano e si scambiano qualche colpo, soprattutto in botlane. Al minuto 12 i G2 portano quattro membri davanti all’herald: in breve diventa un fight 5v5 e i G2 prendono due kill e l’araldo; pochi minuti dopo si assicurano anche il primo drago della partita. Al minuto 16 le squadre si scontrano di nuovo davanti all’herald, preso di nuovo dai G2 che si assicurano anche due kill: Nukeduck è morto per la prima volta in questo 2020! Subito dopo i campioni in carica prendono la prima torre mid, a cui gli Origen rispondono con la prima torre toplane, regalando però un’altra kill agli avversari.
In pieno midgame il divario è largo: al 17′ i G2 hanno 3k gold di vantaggio quando ingaggiano sugli avversari nella giungla nemica. Il fight che ne scaturisce è più bilanciato dei precedenti: termina 3-3 per kill prese, con Upset che concede la prima kill della sua stagione.
Al minuto 21 gli Origen prendono Wunder e Jankos isolati in botlane e riescono ad ucciderli 4v2, scambiando una torre con gli avversari. I G2 tuttavia sono sempre in vantaggio e continuano a prendere strutture, visione e draghi nella mappa fino al 28′, quando si spostano al baron: le squadre si scontrano 5v5 e i G2 prendono 2 kill, inseguendole e abbandonando il baron. Due minuti dopo gli Origen riescono a prendere Perkz fuori posizione nella loro giungla mentre i G2 assalivano di nuovo il barone: i G2 si estendono troppo nella giungla avversaria e vengono puniti dagli Origen che riescono ad ucciderne tre e a prendere il barone. A questo punto i G2 sono in vantaggio di soli 72 gold dopo aver passato quasi tutto il game sopra di 3k.
Al 31′ i due team si scontrano in midlane: i G2 uccidono due avversari e si assicurano l’anima infernale e terminano di abbattere le torri esterne alla base avversaria. Al 33′ assediano la base avversaria in toplane: sfondano le difese nemiche, trascorrono due minuti nella base avversaria e vincono la partita al minuto 35:33, confermandosi al primo posto solitari col punteggio di 4-0.