Home League of Legends Guide Competitive Hot Picks Spring 2020 #1

Competitive Hot Picks Spring 2020 #1

Con il nuovo split tornano anche gli hot picks, abbiamo lasciato un po’ di tempo affinchè il meta si solidificasse ed ora possiamo iniziare a guardare a cosa sta avendo successo in questa settimana che va al di fuori dalle righe del meta standard.
Per coloro che non sono esperti nel meta la parola magica è “flex” se puoi giocarlo in due o più posizioni è quasi un meta pick solo per quello, in aggiunta gli adc forti sono 5 (Aphelios, MF, Senna, Xayah e Varus) mentre i support sono i soliti tankoni con qualche caster qua e là sopratutto vs Braum e Tham Kench. Ora che sapete tutto andiamo a vedere i nostri Hot picks della settimana!

SORAKA

Soraka è apparsa già settimana scorsa sulla landa degli evocatori in europa ed america mentre questa settimana è approdata anche in Corea rendendolo effettivamente un pick da tenere in considerazione per la corsia superiore. Detto questo Raka è un pick con la data di scadenza dato che Riot ha già dichiarato i nerf in arrivo per cui sarà efficace solo fino alla patch 10.4 il che gli da ancora due settimane di vita circa.

La forza del pick sta nella sua fase di corsia estremamente forte contro i bruiser al momento presenti nella parte alta della mappa e la sua possibilità di avere un impatto con al sua ultimate. Il champion dovrebbe essere semplice da gankare ma la sua E gli permette di giocare weak side e l’importanza della bot lane è un ulteriore disencentivo a gankarla. Il suo ruolo rimane quello di support anche se la sua Q può portare un buon waveclear.

La sua build è quella supportiva con Athene’s, Redemption ed Ardent con la possibilità di andare Spirit Visage per un po’ di tankyness; le rune sono sempre Aery con Resolve come secondaria.

GANKPLANK

GP torna nel competitivo questa settimana per far fronte alla necessità di pick da giocare weakside in top ed il pirata copre tutte le basi necessarie riuscendo anche a counterare buona parte dei pick solitamente usati in top, come Mordekaiser e Ornn, e a dare fastidio alla pool di ADC immobili.
Il pick in se è piuttosto noioso nel senso che il suo stile di gioco è sempre lo stesso: dare fastidio in corsia, fare gold, usare la ultiamate per raccattare gold ed infine eliminare gli avversari con i barili come Donkey Kong.

La sua build rimane quella classica con Trinity, Essence Reaver, Infinity Edge e Sterak, quest’ultimo è buildabile anche come secondo item a seconda del match up e dalle necessità del team; un’altra opzione difensiva è il Guardian Angel mentre ricordo che Sterak e Maw of Malmortius hanno la stessa passiva per cui non buildate la Maw dato che Sterak è molto più forte su questo champion.
Le rune utilizzate sono Grasp con Inspiration come secondaria per avere accesso al sustain di biscotti e del time Warp Tonic.

 

SETT

Sett è l’ultima aggiunta al roster di eroi di League of Legends e, come da tradizione, ha delle statistiche di base un po’ troppo alte: la sua passiva unita alla sua incredibile health regen lo rendono un laner eccellente, i suoi danni sono molto alti in tutte le fasi di gioco grazie alla sua W; la sua debolezza più ovvia è la sua mancanza di mobilità infatti eccelle contro composizioni che devono ingaggiare oppure in comp con un chase potential molto alto.

Il suo stile di gioco è quello del bruiser da frontline: la sua funzione è quella di assorbire il burst iniziale e sopravvivere utilizzando al meglio la sua W per lo scudo ed il massiccio danno, i team stanno imparando a loro spese che focussare Sett ad inizio fight è una pessima idea; la sua ultimate ha un uso un po’ particolare dato che è solitamente usata per lanciare la frontline avversaria nella backline dato che è molto difficile usarla per mispozionare i carry a causa della bassissima mobilità.
Sett è in sostanza quello che Darius avrebbe potuto essere ma con uno skill set più semplice da usare e delle base stats migliori.

La sua build è sicuramente più vari degli altri due pick oggi presentati. La sostanza è che ci sono due possibilità a seconda di cosa si sceglie come item iniziale: Black Cleaver first è solitamente l’araldo di una tank build con item come Thornmail, Stoneplate, Adaptive help e Gargoyle stoneplate; acquistare invece Trinity Force come primo item apre la strada alla build da semi-carry che prevede Sterak come secondo item per poi passare comunque ad un itemizzazione difensiva.
Le sue rune sono quasi sempre Conqueror e Resolve anche se è possibile usare Aftershock con Inspiration se si deve assumere il ruolo di tank.