Home League of Legends DECK GUIDE ~ N/P Burn

DECK GUIDE ~ N/P Burn

Ben ritrovati amici di Outplayed! Altro giro, altro regalo. Il mazzo che andremo ad analizzare in questa breve Deck Guide è il migliore per iniziare a scalare in Ranked: Noxius/Piltover Burn!

Iniziamo chiarendo subito il motivo per cui viene chiamato N/P Burn e non N/P Aggro.

Un mazzo Aggro ha come caratteristica quella di voler vincere la partita nei primi cinque/sei turni di gioco utilizzando unitá molto aggressive; tra i Tier alti l’esempio migliore è N/S Spiders mentre tra quelli più bassi Zed/Katarina; N/P Burn è molto simile in questo: la discriminante consiste nel modo in cui vengono fatti i danni. Con questo archetipo cercheremo sì di aggredire l’avversario con le nostre unità ma avremo anche tante carte per infliggere danni diretti al nexus senza dover attaccare.

Esistono molte varianti di Burn: si puó giocare senza campioni, con Teemo e Jinx o con Draven e Jinx (sia Burn che Discard Burn).

La versione senza campioni è super budget quindi se siete alle prime armi giocate questa.

N/P Discard è molto valida come scelta ma è più macchinoso degli altri e nonostante abbia grosse possibilità di fare partenze esplosive, ha dei Top-Deck peggiori di Burn puro che ci garantisce la migliore win-rate, motivo per cui oggi ci concentreremo su quest’ultimo.

Vediamo un esempio di lista classica:

Il mazzo è facile da inquadrare:

  • Otto drop-1
  • Dodici drop-2
  • Sei drop-3
  • Tre drop-4
  • Sei spari diretti
  • Cinque combat trick

L’obbiettivo è mettere un’enorme pressione nei primi tre turni per mandare il nexus avversario a pochi punti vita e finire il lavoro con le Burn Spell o le Burn Skill (le abilità di Legion Sabouter, Boomcrew Rookie e Used Cask Salesman), ignorando così eventuali bloccanti che ucciderebbero tranquillamente le fragili unità di questo mazzo.

La maggior parte delle partite saranno velocissime e facili da giocare, basta stare attenti nel contare i danni che possiamo fare e giocare intorno agli Out che il mazzo puó offrirci (in parole povere, se l’avversario ha quattro punti vita e noi abbiamo solamente un Mystic Shot in mano, è meglio giocarlo sul nexus nemico nella speranza di pescare gli ultimi due danni piuttosto che uccidere un’unitá, a meno che l’attacco nemico sia letale in questo turno ovviamente).

Burn è pieno di unità che diventano meno forti nel corso della partita perché la nostra curva si ferma a quattro mentre quella della maggior parte degli altri mazzi va avanti, di conseguenza al quinto turno è facile che i nostri piccoli drop vengano a scontrarsi con dei drop-5.

Sono però presenti anche due carte che danno profondità al mazzo, oltre che all’immediato impatto sul board: Draven e Jinx. Questi campioni sono molto aggressivi, in particolar modo il secondo che è l’unità più potente di cui disponiamo. Hanno un’ottima sinergia perché le asce di Draven aiutano a svuotarci la mano per aumentare di livello Jinx e sono minacce veramente difficili da risolvere senza l’utilizzo di incantesimi.

In questo Metagame il mazzo non se la cava alla grandissima.

Contro I/F Elusives appena ci viene giocato un Kinkou Lifeblade buffato da Jeweled Protector e non abbiamo spari per chiudere prima che attacchi, la partita finisce.

S/D Mistwraith ha le carte adatte a fermare l’out-put di danni iniziale, più Radiant Fountain che rappresenta una sentenza di morte.

Shen/Fiora Barrier ha tantissimi buoni bloccanti e alcune carte per recuperare vita.

Le partite contro Warmother Control e Spooky Karma sono meno difficili ma comunque complicate; i buoni matchup li abbiamo contro mazzi Control che non guadagnano vite come Ezreal ed Heimerdinger i quali, oltre ai Mystic Shot e qualche unità bloccante, non hanno molti modi di regaire alla nostra aggressione iniziale.

Quindi, se la situazione non è delle migliori, come mai vi consiglio di giocare questo mazzo?

Innanzitutto, anche chi si trova avvantaggiato ad affrontarci, se non ha una mano iniziale abbastanza reattiva, farà molta fatica a contenere i nostri danni; inoltre la spaventosa velocità con la quale vinciamo o perdiamo i game ci permette di giocare molte più partite in un determinato lasso di tempo, di conseguenza è un mazzo adatto per salire velocemente dai rank più bassi come Ferro, Bronzo e Argento, dove in caso di sconfitta perdiamo pochi LP.

TIPS & TRICKS

  • Spesso è meglio attaccare prima di giocare altre unità per fare danni sicuri, piuttosto che passare la priprità all’avversario rischiando di farne meno.
  • Nelle mani iniziali tenete sempre i drop-1 e almeno un drop-2, privilegiando il migliore che abbiamo nel mazzo: Boomcrew Rookie.
  • Attaccare al primo e al terzo turno ci da grande vantaggio.
  • Utilizzate Brother’s Bond appena potete. Il modo migliore di giocare questa carta è fare quattro danni all’avversario pompando unità non bloccate.
  • Transfusion è un ottimo combat-trick, soprattutto in combinazione con Crimson Disciple perché attiva il suo trigger aggiungendo due danni al nexus nemico all’effetto della carta.
  • La carta con più Power Level del mazzo è Jinx quindi nelle mani iniziali in cui sono già presenti un drop-1 e un drop-2 potete tenerla nonostante il costo alto della carta.
  • Used Cask Salesman genera due unità effimere 0/1. Queste unità possono rendersi molto ultili con Arena Battlecaster, le asce di Draven, Transfusion e Brother’s Bond.
  • Se siete indecisi sul bersaglio di uno sparo ricordatevi che “face is the place”. Ovviamente ci sono situazioni in cui è più conveniente uccidere un’unità per evitare che blocchi.

Bene, le cose importanti da dire sono finite. Non erano molte perché, come detto, il mazzo è semplice e molto intuitivo.

Vi incoraggio a giocarlo per uscire dai rank più bassi e vi consiglio, se amate l’archetipo Burn, di provare anche le altre versioni!

Spero vi sia piaciuta la lettura, a presto!