Home League of Legends Esports Sorteggi Play in European Masters – com’è andata ai Racoon?

Sorteggi Play in European Masters – com’è andata ai Racoon?

Con la conclusione delle ultime Leghe Regionali Europee, la Riot ha comunicato nel tardo pomeriggio di ieri la strutturazione dei quattro gruppi dei Play In dello Spring Split di European Masters. In questo articolo cercheremo di fare un breve riassunto dei team qualificati e del loro valore, con ovviamente un occhio particolare al Gruppo B, dove sono stati inseriti i Racoon reduci dalla sconfitta nella Finale dello Spring Split di PG Nationals contro gli YDN Gamers.

Ricordiamo che i gironi avranno un doppio round robin (quindi andata e ritorno) con solamente best of 1. I primi due slot di ogni girone passerano al knockout stage dove le prime classificate affronteranno le seconde in una Bo3, con le vincenti dirette al Main Event.

Gruppo A
Tanti hanno ribatezzato questo gruppo “Group of death”. Non penso che il livello di tutti i team sia egualmente alto ma è certo che uno di questi non è esattamente come gli altri. Parlo degli eSuba, primo seed della Hitpoint Masters (campionato di Repubblica Ceca e Slovacchia, non esattamente il più competitivo d’Europa). Questa org – dove in passato hanno militato giocatori come Humanoid, Patrik, Denyk, NeoN ed altri visti in Italia come Eren, Cboi, Saulius ed Optimas – si presenta un passo indietro rispetto ai seeds Balcanici e Scandinavi, ovvero ASUS Rog Elite e Vipers Inc. Gli Elite non hanno un roster irresistibile, ma in passato (Summer 2018) sono riusciti ad arrivare sul podio dello EM. In questa nuova incarnazione non schierano 5 talenti assoluti, ma giocatori con grande esperienza a livello europeo, e questo potrebbe bastare per strappare un secondo posto ai diretti concorrenti. Punto di vista opposto invece per quanto riguarda i Vipers, guidati dall’ex coach dei Dropz Esports Vandett0, con un organico composto quasi esclusivamente di rookies, che hanno davvero sorpreso nella Nordics League con un clamoroso secondo posto. Questi due roster dovranno contendersi probabilmente il secondo slot, con la speranza di trovare upsets contro i GamerLegion, terzi classificati nel campionato tedesco, in un bel mix tra giocatori giovani e già affermati, tra cui ovviamente spicca il nome di Hjarnan. Attenzione però: non si tratta assolutamente del team più forte di quelli che avrebbero potuto raggiungere il torneo dalla lega tedesca – 6° posto in regular season – e quindi possiamo davvero aspettarci di tutto.

Gruppo B
Quanto lontano possono arrivare i Racoon? Con un girone come quello di questo gruppo, tutto è possibile. I Cyber Gaming sono probabilmente il team meno preoccupante, anche loro provenienti dal campionato ceco e slovacco e con un roster di non così alto livello. Un avversario più interessante potrebbe essere la squadra degli Intrepid Fox, dalla Grecia, roster costruito introno al midlaner Pun1sher, vera e propria star della scena locale, nonché streamer molto seguito dai suoi connazionali. Le volpi hanno più o meno stompato la regular season greca, chiudendo al primo posto nelle due fasi che compongono il campionato, salvo poi arrendersi in finale Playoff contro i WLG – di cui parleremo più avanti. L’attenzione del pubblico italiano però andrà – oltre che sui procioni pugliesi – anche sul primo seed portoghese, ovvero gli Electronik Generation, che non solo hanno sconfitto i For The Win in Finale interrompendo un’incredibile streak che li aveva visti dominare per tutto il 2019, ma possono anche vantare al loro interno 3 italiani: si tratta dell’intero staff, con il coach Hybrid, l’analyst Aschente ed il team manager Mure, che non si sono fatti attendere sui social nel comunicare – anche in modo piuttosto divertente – l’entusiasmo nell’affrontare i loro connazionali in questa prima fase, sperando magari di riuscire a strappare una doppia qualifica che ci porterebbe ad avere moltissimi rappresentanti sul palco del Main Event, dove li attendono gli YDN. E noi non possiamo che augurarcelo, dato che anche il sorteggio potrebbe aver garantito un’occasione da once in a lifetime a questi roster.

Gruppo C
I Mad Lions vinceranno questo gruppo – e questo è praticamente fuori discussione. Il team spagnolo schiera ottimi giocatori, non giovanissimi, ma tutti di livello molto alto rispetto allo standard delle ERL. Werlyb ne è l’esempio principale, ed anche il coaching staff guidato da Araneae è davvero di altissimo livello. Chi può contendere il secondo posto? Probabilmente non i Kenty, secondo team delle regioni baltiche, non proprio il più agguerrito tra i competitors, che però schiera un interessante roster pieno di giovani promesse lituane. Saranno da tenere d’occhio specialmente in ottica Summer Split, ma è difficile pensare ad un loro passaggio, specialmente se paragonati agli ultimi due team rimanenti, ovvero i già citati For The Win, che avranno decisamente qualcosa da farsi perdonare dai loro tifosi, dopo la sconfitta in Finale che ha rotto la streak regionale – e soprattutto dopo una Regular Season da 14-0; ma anche i DefuseKids, unico seed dalla Dutch League, che si è qualificato dopo aver battuto a sorpresa il PSV, visto come favorito da tutti gli appassionati del neonato campionato olandese. Se i FTW hanno un roster già rodato e che vorrà demolire gli avversari alla propria portata, i DK potrebbero invece rompere la festa dei portoghesi, cercando la qualificazione al Main Event sperando in un difficile ma possibile upset nel Knockout Stage.

Gli Origen vincitori del primo Split dell’EU Masters

Gruppo D
Anche l’ultimo gruppo potrebbe avere una vincente abbastanza dichiarata nei K1CK Neosurf, secondo seed dalla Polacca Ultraliga, che si è arreso in finale solo agli AGO Rogue – academy del team LEC. Il roster è molto forte e non estremamente giovane (tranne il jungler Shlatan di appena 18 anni), cosa che potrebbe giocare comunque a loro favore considerando il fattore esperienza. I WLGaming, primo team greco, cercheranno sicuramente di piazzarsi alle loro spalle, contando anche loro sull’intesa dei loro giocatori e sul talento del jungler DoubleAim, da molti visto come uno dei migliori a livello ERL, tornato in Grecia dopo la brutta esperienza spagnola con gli eMonkeyz. I guastafeste potrebbero qui essere i Sector One, qualificati dal Belgio, forti di un impressionante 15-0 nello Split tra Regular Season e Playoffs, guidati da Saviour, support proprio ex WLG, che potrebbe togliersi più di qualche soddisfazione. Più staccati i PIGSPORTS, primo seed baltico, non esattamente un team irresistibile, anche se in questo gruppo e con questo format basato sulle best of 1 mai dire mai.

Articolo precedenteLEC Playoff Preview: Fnatic vs Origen!
Articolo successivoLEC Playoff Preview: Misfits vs Rogue!
Articolista, aspirante coach e League of Legends enthusiast. #EUphoria