Home League of Legends Esports LEC Playoff Preview: Origen vs Rogue!

LEC Playoff Preview: Origen vs Rogue!

Buongiorno a tutti e ben trovati ad una nuova preview! Oggi avremo la seconda vittima, poiché lo scontro si svolge nel Losers’ Bracket e vede come protagonisti i Rogue, questa volta impegnati a sfidare gli Origen. Come sempre, prima di cominciare, potete fugare i dubbi sul formato dei playoff leggendo questo articolo.

Da un lato abbiamo dei Rogue che sembrano aver capito come ribaltare gli scenari, dall’altro degli Origen rimasti sbaragliati da dei Fnatic quasi perfetti. Lo scontro ha anche una valenza storica, poiché l’anno scorso ha visto troncare le speranza dell’accesso ai mondiali proprio per questi Origen. Iniziamo ora l’analisi.

_MATCHUP

1-Toplane

Molte uova dei rispettivi panieri si trovano qui, nell’isola remota della toplane. Finn e alphari si affrontano per quella posizione di dominazione della corsia superiore tanto contesa quest’anno. Come abbiamo visto, si tratta di due ragazzi capaci di brillare più nelle schermaglie che nello scontro diretto, ma che non per questo disdegnano i trade prolungati in corsia.

2-Jungle

Tra Xerxe e Inspired abbiamo due degli shotcaller più lucidi del campionato, due tra i giocatori che più difficilmente perdono la concentrazioni e sono in grado di tenere saldo il morale e la strategia del proprio team. Sanno essere creativi e anche richiamare su di sé dei ban ad hominem e per questo sono molto temuti da ogni squadra che li deve affrontare.

3-Midlane

Larssen è quello che Nuckduck era qualche anno fa. Molto aggressivo, imprevedibile, una minaccia costante. La papera nucleare si è poi adattata ad un gioco più tattico (cogliete la citazione, per piacere, lettori) mentre Larssen è più libero di giocare al suo gioco e per questo motivo lo vediamo in vantaggio nello scontro diretto.

4- Botlane

Questo scontro è molto particolare: Origen e Rogue puntano allo stesso modo sulla botlane come corsia che deve prendere vantaggio e dominare per liberare il support e tenerlo flessibile. In questo sia Upset e Hans Sama si sono stabiliti come i due ADC più lane bully del campionato (Se escludiamo Rekkless sotto determinate impostazioni). C’è da dire che non sempre questa strategia li ha ripagati, ma in caso di successo, determina un mid to late game in totale controllo degli obiettivi neutrali. Vander e Destiny, invece, hanno sempre il ruolo di impostazione globale, di trovare quell’inserimento perfetto per dare il via corretto al teamfight giusto, al fianco del proprio jungler.

_PLAYSTYLE GENERALE ED ALTRO

Abbiamo due squadre da League of Legends classico, con i Rogue leggermente abituati a spigere sull’acceleratore e gli Origen a forzare gli scambi canonici per uscirne in vantaggio. Sul lato meccanico, gli Origen sono leggermente favoriti, ma l’evoluzione nel corso delle serie porta il gap a non essere così rilevante.

_PRONOSTICO FINALE

3/2 Rogue, per come li abbiamo visti adattarsi meglio nel corso della serie contro i Misfits. Gli Origen ci sono sembrati incaponiti su una strategia di poca versatilità, scaricando anche troppa responsabilità nelle mani di Upset.

Inoltre, i Rogue hanno avuto la cortesia di attenersi alla nostra predizione, cosa che neppure i G2 han voluto degnarci di fare.