Home League of Legends League of Legends Clash rovinati dagli smurf?

League of Legends Clash rovinati dagli smurf?

Il formato torneistico Clash all’interno del client di gioco di League of Legends ha riscosso da subito un enorme successo, i giocatori che hanno apprezzato questa modalità sono davvero moltissimi il che ha iniziato ad espandere alcuni problemi legati non solo a questo format.

Clash si è contraddistinto, purtroppo, sin dalle prime apparizioni in Beta da una molteplice quantità di bug che ne hanno segnato il destino. Testato e rimandato più volte per mesi e mesi sembra però essere giunto ad un livello tecnico accettabile.
Dopo quindi qualche settimana di successo sono arrivati i primi problemi in-game, non dipendenti dalla piattaforma, ossia quello degli smurfs.
Gli smurfs non sono una novità nell’ecosistema di League of Legends. Per un motivo o per l’altro, i giocatori con un rank alto creano nuovi account con cui potranno battere comodamente gli avversari con abilità inferiori.
Nelle solo queue o altre tipologie di ranked, gli smurf sono generalmente utilizzati per aiutare un altro giocatore a salire in classifica andando però a rovinare l’esperienza dei players che si trovano in quello specifico match.

Questa pratica però ha iniziato a creare problemi anche nei tornei di Clash, infatti capita spesso che dopo una vittoria ci si trovi contro delle “corazzate” di team con 20 vittorie e 0 sconfitte con dentro solo player rankati come iron, bronze e silver.
Naturalmente questo crea un sistema di gioco svilente, ancora peggio di aver solo uno smurf in una o in un altra squadra. Pare che negli ultimi weekends siano moltissimi i casi dove dei team palesemente full smurfs abbiano avuto successo nei tornei.
Riot stessa si è detta preoccupata del problema ed il game designer Jon ‘IAmWalrus’ Moormann ha dichiarato che si stanno impegnando molto per risolvere questa situazione.
Nel frattempo però il disagio rimane ed è difficile per i giocatori fare qualcosa a riguardo.

Inoltre il client di gioco ha altri problemi tecnici che continuano ad affliggere l’esperienza di gioco. Uno dei problemi più frequenti è quello dell’impossibilità di scambiarsi i campioni o di cambiare le rune cosa che ovviamente può drasticamente compromettere un match.

In sostanza la modalità di Clash continua a creare problemi sebbene sia molto interessante ed apprezzata dai giocatori, almeno a livello ideale. La sfida di Riot di sistemare i vari problemi sarà sicuramente un compito non arduo ma doveroso.

Articolo precedenteLEC Playoff Preview: G2 vs Origen!
Articolo successivoOverwatch – Echo e coda aperta competitiva sono ora disponibili!
Se i mortali si guardassero da qualsiasi rapporto con la saggezza, la vecchiaia neppure ci sarebbe. Se solo fossero più fatui, allegri e dissennati godrebbero felici di un'eterna giovinezza. La vita umana non è altro che un gioco della Follia.