Home League of Legends Esports Meta Regionali capitolo 1: LEC

Meta Regionali capitolo 1: LEC

In questa nuova serie di articoli voglio parlarvi dei meta regionali: inizierò dai LEC per poi spingermi agli LCK ed LPL, infine confronterò i dati ottenuti per capire a cosa si avvicina il nostro meta regionale.

Per prima cosa voglio confrontare i pick più presenti nel meta LEC e metterli a confronto con le altre due regioni maggiori (non ditemi che gli LCS sono una regione maggiore perchè non è vero). Prima di guardare i dati avviso che circoscriverò l’analisi alla patch 10.14 per evitare di dover calcolare shift di meta, a questo proposito i game saranno leggermente differenti dato che LEC ed LCK hanno attualmente 20 partite su questa patch, mentre LPL ne ha 59.

 

LEC | presence LCK | presence LPL | presence
Volibear | 100%  Volibear |100% Volibear | 92%
Aphelios | 75% Aphelios  | 70% Aphelios  | 98%
Ezreal | 95% Ezreal  | 75% Ezreal  | 42%
Twisted Fate | 90% Twisted Fate | 95% Twisted Fate | 86%
Bard | 75%  Bard | 85% Bard | 80%
Kalista | 85%  Kalista | 75%  Kalista | 46%
Orianna | 95% Orianna | 5% Orianna | 32%
Thresh | 90% Thresh | 0% Thresh | 53%
Azir | 80% Azir | 60% Azir | 32%
GP | 80% GP | 0% GP | 12%
Senna | 75% Senna | 45% Senna | 22%

Questa tabella ci dà un sacco di dati da analizzare:

  • I pick mid sono più o meno allineati tranne per l’alta priorità di Orianna usata come counter di Azir
  • Oltre a Volibear nessun jungler ha alta priorità, questo indica che molti team vogliono il counterpick in jungle
  • Tra gli AD Senna ha un posto d’onore
  • Thresh domina la corsia inferiore mentre in Corea non viene nemmeno scritto nel quaderno dei coach
  • La top lane è molto varia ed in linea con le altre regioni, l’alta presenza di GP è in realtà quasi tutto ban rate, ma dobbiamo chiederci perchè fa così paura ai coach europei.

In definitiva questi dati ci dicono che quello europeo è un meta estremamente basato sui pick e sulle skirmish più che sui teamfight veri e propri: Senna, avendo cure e semiglobal, è ottima per gestire fight disordinati, GP ha una global che può spostare l’esito di questi piccoli scontri, Thresh ha una lanterna, il che basta a metterlo in altissima priorità sopratutto con AD immobili come Senna e Aphelios; infine avere il counterpick in jungle permette di avere più controllo sulle fasi iniziali di gioco e nei piccoli scontri.

Questo si riflette anche nelle statistiche di kill: 23 in media, una statistica uguale per la Corea e più bassa per la Cina. Questo sembrerebbe contraddire la mia teoria, ma poi andiamo a guardare le multikill: tra EU e Corea gli asiatici fanno molte più uccisioni doppie e triple rispetto agli europei, questo indica che vengono effettuati molti più teamfight rispetto alla scena EU dove molti teamfight sono in realtà 2 skirmish.

 

Ora voglio però discutere dei pick che NON stanno avendo successo e di cercare di spiegare perchè in Europa non funzionano ma nel resto del mondo sì.

Per prima cosa parliamo di poke: Ezreal e Zoe stanno avendo un discreto successo in Corea e Cina ma hanno un win rate orrendo in Europa. Questo insuccesso può essere attribuito alla tendenza europea ad aprire la mappa evitando i 5v5 diretti ed impedendo alla poke comp di creare il loro siege; un’altra motivazione sta nella debolezza di Ezreal in fase di corsia che regala agli avversari fin troppo controllo ed in un meta di pick la visione regna suprema.
Un altro problema e questo è più legato a Zoe è Thresh: la lanterna e l’hook sono molto noiosi per Zoe da gestire per cui questo champion trova un terreno molto più difficile negli LEC.

Ho parlato di come la visione sia importante per cui, in una regione dove Kalista è molto presente e dove il meta è pick based, Ashe dovrebbe essere quasi pick or ban ma invece ha un grasso 0% win rate con 5 game giocati.
Questa cosa mi ha stupito molto ed ho dovuto spremere le meningi per capire il perchè del suo insuccesso:

  • è stata spesso selezionata da team più deboli per affrontare team più forti
  • non è mai stata presa contro Kalista ma contro Senna che ha un sustain innato per resistere allo spam di W
  • Gli avversari non hanno avuto problemi a prendere pick come TK o Nocturne per counterarla

Tutto questo fa pensare che Ashe sia ben nei radar dei coach europei e che semplicemente abbiano un’idea chiara di come gestire il pick.

Passando invece alla jungle vediamo come Lee Sin mantenga un win rate bassissimo tenuto a galla dal nostro Shadow; la debolezza di Lee però per me risiede nella bravura dei giocatori europei che riescono a gestirlo molto bene piuttosto che in un problema di meta.

Questo è tutto per quanto riguarda gli LEC, se volete maggiori info su dei pick in particolari potere farmelo sapere e potrei spendere due parole extra. Per adesso ci vediamo tra qualche giorno dove esploreremo il meta degli LPL.