Home League of Legends IL VERO PROBLEMA DI LOR

IL VERO PROBLEMA DI LOR

Bentornati amici di Outplayed!
L’articolo di oggi non sarà una Deck-Guide, ma parleremo di quelli che, dal mio punto di vista, sono i motivi che rendono Legends of Runeterra un gioco incompleto.
Partiamo dalla base: cosa rende un gioco completo?
Un Metagame vario? La profondità del game-play? La difficoltà? La complessitá? L’originalità?
Se lo chiedessimo a 100 persone, probabilmente riceveremmo 100 risposte diverse perché è una questione soggettiva che dipende da un fattore importantissimo: cosa cerca ogni giocatore dal gioco stesso (un passatempo, un lavoro, uno svago, una passione, etc.); per questo motivo, a mio parere, un gioco è completo quando da la possibilitá ad ogni player di ricevere quello che cerca.
Ci sono due categorie di giocatori:
– Casual
– Competitive
Per il primo gruppo sono state sviluppate molte modalità For Fun, e quando il Metagame diventa noioso si può giocare a queste varianti per staccare dalla monotonia delle Ranked.
Per il secondo, ahimè, non è ancora possibile trovare LOR un ottimo gioco.
Nei giocatori che vogliono competere bisogna fare una distinzione tra i pochi che giocano professionalmente per lavoro (ovvero i top streamer) e i molti che vorrebbero giocare professionalmente ma non ne hanno l’occasione.
Per i tre o quattro streamer per i quali LOR rappresenta un lavoro redditizio (1.5k+ al mese) non ci sono problemi, perché hanno tempo di giocare sufficientemente per essere nelle prime posizioni europee pur essendo (al momento) completamente inutile; tuttavia dipendono dal futuro del gioco.
Per tutti gli altri (me compreso) la situazione è immobile. Non essendo worth grindare per essere nei Top Master, una volta completata la collezione, l’assenza di un circuito torneistico rappresenta un possibile Quit Point, cosa che gli svilupptori dovrebbero voler evitare.
Parliamoci chiaro, è impossibile raggiungere i numeri di videogiochi più dinamici come i MOBA e i Battle Royal, tuttavia, il Metagame (nonostante sia sporadicamente noioso) è in continuo mutamento e quando ci sono problemi intervengono prontamente con i nerf/buff; il gioco è sicuramente il miglior TCG Online in circolazione e la lore di League of Legends dona un ottimo appeal.
L’unica cosa che davvero manca sono degli stimoli per i giocatori competitivi. Speriamo in bene perchè basterebbe copiare da altri titoli di successo dei format performanti.
Questo è il mio personale pensiero sulla situazione attuale del gioco, fatemi sapere nei commenti cosa ne pensate!
Prima di concludere, un piccolo Jolly.
Stanno iniziando gli spoiler di Call of the Mountain, e già tra le prime carte ce n’è una che mi ha colpito parecchio: BASTION.
È una specie di Deny che annulla il primo effetto nemico che bersaglia un nostro alleato. Logicamente, non conoscendo nè il resto del set, nè il Metagame che ci sarà dopo il Release, è presto per dire se sarà una carta rotta, ma sicuramente ha un potenziale incredibile. Data l’esperienza passata, possiamo dire che le Spell a costo tre sono molto pericolose e rischiano di essere sbilanciate; in un mazzo Pro-Attivo in stile Protect the Queen sarà certamente un’ottima risposta alle removal avversarie e un buonissimo Splash come fu Deny nelle scorse Season.
Per oggi è tutto, spero che abbiate trovato interessante questa riflessione.
Colgo l’occasione per ricordarvi che appena uscirà la nuova espansione, riprenderò con gli Streaming e le Deck-Guide quindi continuate a seguirmi perché non vedo l’ora!
A presto!
Facebook: Unlucky
Instagram: @_unlucky_92
Articolo precedenteAnche Blast termina la collaborazione con NEOM
Articolo successivoPlay In di European Masters: i Racoon e gli altri gironi
Ex giocatore competitivo di Magic: the Gathering con numerosi risultati a livello nazionale e internazionale