Home Uncategorized LoR Tournament Report: Ascent of Targon Invitational

LoR Tournament Report: Ascent of Targon Invitational

Ben trovati amici di Outplayed,

Oggi vi porto il resoconto del primo evento internazionale di LoR di cui ho anche avuto il piacere di portare il cast italiano: l’Ascent of Targon Invitational. Il torneo vedeva sfidarsi 32 giocatori, 16 per l’Europa+Asia e 16 per le Americhe, per un ricco montepremi da 2000$ e la gloria di essere eletti come “aspetto di  Targon“. Il torneo ha suscitato molto interesse per tre motivi:

    • In primis, è stato organizzato da Duels of Runeterra, organizzazione gestita dal Team Liquid, famoso team nordamericano, in collaborazione con Decks of Runeterra;

 

      • In secondo luogo, Riot stessa si è mostrata interessata a promuovere ed osservare il torneo per gettare le basi di quello che sarà il competitivo. In particolare, Riot Umbrage ed il team di desing hanno lavorato al fine di eliminare eventuali bug e/o riportare quali carte “bannare” per l’evento;

     

    • Infine, 20 dei 32 giocatori sono stati selezionati tra streamer e giocatori tra più autorevoli e titolati dalla community: spiccano nomi come TL Alanzq, BruisedByGod e EG Swim per citarne alcuni. I rimanenti 12 giocatori si sono invece qualificati tramite uno dei due Qualifier organizzati la settimana prima.

Partecipanti 

  • Europa + Asia
    AlanzqTFT
    GrappLr
    JonesAF
    Navi00T
    Freshlobster
    Presto
    Szychu
    Annie_Desu
    Nawatix
    Agigas
    Ghosterdriver
    Broken Ball
    Markus
    Dartill
    Daylton

    Mezume

  • Americhe
    BruisedByGod
    Sorry
    shikkax
    xYotsuba
    Hyp3d
    Winding God
    Trivo
    Cephalopod
    swimstrim
    Astrogation
    SharkGui
    Vyggdras
    serket
    Nolagold
    shikkamarux
    random7

Formato del torneo 

Il torneo si è giocato in formato Conquest con 3 mazzi ed 1 ban, ciò significa che all’inizio di ogni match i giocatori sceglievano quale mazzo rimuovere dai 3 dell’avversario, si procedeva poi ad una BO3 dove non era possibile riutilizzare un mazzo con cui si aveva già vinto.

Per quanto riguarda i gironi, le due macro-regioni hanno inizialmente disputato una fase iniziale dove i 16 giocatori sono stati divisi in 4 gruppi da 4 giocatori e si è disputato un iniziale Group Stage dal quale passavano i primi due giocatori di ogni gruppo. La seconda fase del torneo vedeva gli 8 giocatori sfidarsi in un Round Robin che andava a selezionare la Top4 della propria regione. Le finali vedevano invece le rispettive Top4 sfidarsi in una Top8 a doppia-eliminazione (due sconfitte per essere eliminati) fino a decretare il vincitore.

Dopo 14 ore e mezza di stream abbiamo potuto assistere alla finale tra il nordamericano Nolagold e il norvegese Markus, che ha visto quest’ultimo uscirne vittorioso con un secco 2-0.

Un italiano tra i qualificati 

Un ulteriore motivo per seguire l’evento è stata la presenza di un giocatore italiano, già noto per i suoi risultati ad altri tornei minori del Duels of Runeterra, che è riuscito a qualificarsi per l’Invitational. Di seguito potete trovare la nostra intervista con la sua line-up e strategia di gioco.

Nome: Cesar Rafael Almonte Mendoza
Nickname: Broken Ball
Età: 20 anni
    • Scout: CEBQCAQGCYBQEAAGBEFAOAIAAEEQWFAVDUTQEAICAADQEAIAEUZQCAIBAAUQA differenza della lista che ho portato al Qualifier, dove utilizzavo Lucian, ho deciso di utilizzare una versione con Quinn e, grazie al testing con il mio amico Mezume, ho optato per Vanguard Defender al posto di War Chefs. Tornando indietro credo che convenga optare per Lucian, dato che lo trovo superiore a Quinn.

 

  • LeeMer:
    CEBQEAICBQYQIAIECANTIOAEAIBAGBIGBEBQCAIEE4AQEBABAIAQEARGAIAQCAQEAEBAEAQ

    Altro mazzo che avevo utilizzato al Qualifier, solo alcune piccole modifiche con  -1 Progress Day +1 Will of Ionia principalmente per consolidare il match-up contro Asol/Trundle Ramp. Questo mazzo performa molto bene in torneo, mentre in ladder è tenuto a bada dagli aggro che sono invece più assenti in ambito competitivo. Inoltre, questo deck polarizza molto la ban phase sia mia che avversaria: viene bannato molte volte e spesso mi obbliga a bannare qualcosa come GP/TF.

  • Asol/Trundle Ramp:
    CEBQGAIBBQQTEBADBEBRKVCXAQBQCAQGA4FAEAIDAECAEAYJENQACAIDBFKQ

    Deck che ho completamente stravolto dal Qualifier: la mia lista presenta varie tech per il mirror (Faces of the Old Ones e Solari Priestess ad esempio) al fine di massimizzare l’efficienza contro le line-up che giocano Asol/Trundle Ramp a loro volta al posto di Warmother.

Pareri sul torneo, sei soddisfatto?
Sono parecchio soddisfatto dei miei risultati in entrambi i tornei. Credo di aver dato il meglio di me nel Qualifier sia dal punto di vista della preparazione che nel gameplay. Non sono molto soddisfatto del mio game 1 contro Alanzq dato che ho quasi buttato l’intera serie in un match up favorevole, ma i rimanenti match del primo giorno sono stati molto puliti (risultato Day1 5-0 e qualifica alla finale come primo seed europeo). Per il day 2 non avevo grandi aspettative vista l’abbondanza di Zombie Ashe nel lato del bracket americano che comportavano tanti brutti match up. Sono comunque molto felice di aver battuto Winding God in un match up sfavorevole e della mia rispettabile sesta posizione.

Anche per oggi si conclude qui il resoconto del torneo. Per chi fosse interessato al competitive di LoR, vi segnalo l’EU Masters che si terrà a partire dal 7/8 Novembre e vedrà le migliori 16 nazioni europee sfidarsi in un particolare torneo a squadre!