Home League of Legends Esports Riot si muove verso la dissoluzione di OPL

Riot si muove verso la dissoluzione di OPL

Nelle prime ora del 7 Ottobre, è stato pubblicato sul sito lolesports un importante comunicato, a firma di Malte Wagener (Managing Director in Nord America ed Oceania) e di Tom Martell (Global Esports Director of Operations), dal significativo titolo An update about the Oceanic Pro League.

Senza perdersi troppo in parole, i due hanno comunicato che Riot ha intenzione di smantellare, nei prossimi anni, l’ecosistema esportivo costruito attorno alla OPL, partendo dalla chiusura dell’ufficio Riot Sidney. In cinque anni infatti la mancata crescita del panorama di League in Australia, Nuova Zelanda e nel resto dell’Oceania, insieme ai mancati risultati internazionali, hanno portato ad una perdita di fiducia da parte della casa di sviluppo.

Reddit aveva già da tempo puntato il dito contro la disperata situazione della playerbase locale, considerando che l’intero server dell’Oceania ha una popolazione di 145000 individui (nel 2018), superiore solo a Singapore, Giappone, Tailandia ed Indonesia, non al passo con altre regioni tradizionalmente individuate come wildcard – quali Russia, America Latina o Turchia.

Il piano di Riot ora prevede l’assunzione del territorio oceanico all’interno della giurisdizione Nord Americana: i player ex-OCE saranno infatti calcolati come residenti NA, permettendo così ai team LCS di ingaggiarli senza spendere il loro slot import – andando così ad integrare la nuova legislazione che permetteva alle Academy locali di prendere un giocatore dal server OCE “gratis”.

In molti hanno comunicato la volontà di rimanere all’interno del circuito fino alla chiusura definitiva, cercando di aiutarne lo sviluppo sia con l’organizzazione di eventi amateur, sia da un punto di vista più professionale: è questo il caso dei Legacy Esports, visti durante i Playin di questa edizione dei Mondiali, che – dopo un anno da asso pigliatutto, con due split portati a casa – hanno comunicato la loro volontà di ottenere sia lo spot all’MSI 2021 che quello alla prossima edizione di Worlds, entrambi ancora in palio anche per il server OCE.

Tra tutte le personalità che hanno salutato il circuito oceanico, riportiamo qua i tweet di Spawn, storica voce del broadcast OPL, e Froskurinn, in passato facente parte del team – prima di passare ad LPL e poi ad LEC.

If you have found a spelling error, please, notify us by selecting that text and pressing Ctrl+Enter.