Home League of Legends Esports Finalmente pronto il nuovo format LCS

Finalmente pronto il nuovo format LCS

Dopo una breve attesa in seguito ai primi rumors, è finalmente arrivata la conferma da parte di Riot riguardo il nuovo format dell’LCS – campionato nordamericano di League of Legends. Si tratta di modifiche enormi, che coprono l’intero arco della stagione 2021 e che rappresentano un primo esperimento di questo tipo nella storia competitiva del titolo.

Si partirà il 15 gennaio, prima dell’inizio del campionato vero e proprio, con un torneo preparatorio della stagione denominato Lock In, in cui le 10 squadre affiliate al franchise testeranno un po’ le acque, mettendo in campo i loro roster definitivi ma restando aperti alle sperimentazioni – come succede in Cina e Corea con rispettivamente Demacia Cup e KeSPA Cup.

Lo Spring inizierà di lì a poco: restano le due settimane di competizione, i due gironi in cui ogni squadra affronterà le altre 9; resta la qualifica all’MSI 2021 per la squadra vincitrice dei playoff (ribattezzati Qualification Tournament, tra le prime 6 classificate). Non verrà però nominata una squadra campione vera e propria, non ci sarà un titolo.

Infatti i piazzamenti finali dello Spring saranno “congelati”, così da valere come griglia di partenza – o di continuazione – per il Summer Split. Questo si vede aggiunta una settimana, andando così a comporsi di 3 Round Robin (5 in totale per l’intero anno). A fine Summer arriveranno come al solito i Playoffs che, come nell’ultimo Split, restano ad 8 squadre.

Insomma, un campionato unico – diviso nei due Split per convenienza ed aderenza al calendario internazionale – così da dare più valore allo Spring, considerato il punto debole del pacchetto competitivo di Riot Games e molto criticato specialmente in Nord America nel 2020 proprio per l’assenza dell’MSI, unico reale obiettivo da raggiungere.

Dal punto di vista del broadcast, ovviamente ci saranno delle modifiche per accompagnarsi a questi cambiamenti: si passa a 3 playday pieni a settimana, più faticosi probabilmente da seguire rispetto al passato ma meno confusi della soluzione su 4 giorni per 2 turni testata nel 2020. Vedremo se questo esperimento diventerà in seguito uno standard per l’intero mondo competitivo, rimanendo più collegato al modello degli sport tradizionali.

Articolo precedenteALESSANDRO DEL PIERO RACCONTA LA SUA ESPERIENZA DI GENITORE VIDEOGIOCATORE SU TUTTOSUIVIDEOGIOCHI.IT
Articolo successivoGli all star degli LPL verranno disputati i primi di gennaio
Articolista, aspirante coach e League of Legends enthusiast. #EUphoria