Home League of Legends Guide League of Legends: Analisi patch 11.1

League of Legends: Analisi patch 11.1

La patch 11.1 segna l’apertura dell’undicesima stagione competitiva di League of Legends e porta dei cambiamenti piuttosto importanti specialmente agli oggetti con abilità da danno.
Tutti gli oggetti con abilità dal potenziale offensivo vengono ridotti di forza in tutti gli stadi di gioco: gli item maggiormente colpiti sono il Night Harvester, il Goredrinker, la Draktarr e la Rocketbelt.
La riduzione dei danni burst beneficia sicuramente tutti i control mage ed ADC che avranno vita più semplice contro i vari bruiser ed assassin che fanno uso dei sopracitati oggetti.

 

Gli altri oggetti che vengono toccati sono quelli da goccia: la Muramana tornerà a fare danni anche sugli attacchi magici, ma con un ratio decisamente più basso per cercare di dissuadere gli APC dall’acquistarla; per compensare la riduzione di danno la Muramana ora dà leggermente più AD.

L’ultimo punto sugli oggetti è il cambio drastico a Hurricane che ora costa solo 2500 gold, ma non darà più AD e torna ad essere solo un item da Zeal. Questo piccolo cambiamento influenza pesantemente la build di Kai’sa che però può ancora fare affidmaento sul Memento Mori come secondo oggetto ed Hurricane come terzo, alternativamente si può sempre comprare un piccone per evolvere Q per poi acquistare Hurricane.

Passando ai champion in generale non ci sono dei buff o nerf particolarmente drastici: Xayah e Gnarr sono stati potenziati molto e potrebbero avere un grosso impatto nel meta della prossima patch, ma il resto non dovrebbe cambiare molto.
Per quanto riguarda Yasuo e Yone c’è un po’ di matematica da fare per capire a fondo l’impatto del cambiamento per cui vi aggiornerò su questo nei prossimi giorni.