Home League of Legends Esports PG Nationals 2021 Spring: tutti i team ai nastri di partenza

PG Nationals 2021 Spring: tutti i team ai nastri di partenza

Mesi di attesa, una lunga offseason, un Qualifier mozzafiato – e finalmente ci siamo. Mancano poche manciate di ore all’inizio dello Spring Split 2021 del PG Nationals di League of Legends. La consegna dei roster ufficiali è avvenuta il 3 Gennaio, ma solo ora sono stati pubblicati ufficialmente dai rispettivi team ed in questo articolo vi presenteremo la lineup di partenza di tutte le squadre che si contenderanno il titolo e l’approdo all’European Masters – in quello che si prospetta essere uno degli split (se non lo split) di livello più alto nella breve storia della competizione targata PG Esports.

(P.s. Consigliamo a tutti di fiondarsi su Twitter per cercare tutti i contenuti pubblicati dai team durante questa lunga offseason – impossibile riproporli tutti qua).

Partiamo, facendo i doveri da padroni di casa, dagli OutPlayed. Con la conferma di Patkica e Lotus in toplane e giungla, oltre che del support S1D Bellino – ormai capitano ed icona del team bianconero – il nucleo resta lo stesso dello scorso Summer Split. Ad un gruppo già rodato, si aggiungono due pezzi grossi come il midlaner Cohle (probabilmente il migliore italiano nel ruolo – escludendo ovviamente Jiizuke) ed il rientrante adc Bullet, di nuovo in maglia OP dopo l’esperienza nei devils.one/7more7 Pompa Team (con cui ha conquistato due terzi posti in Ultraliga e giocato l’EUM estivo). A guidarli coach Leviathan (omonimo del canadese ex Alliance e visto ai CyberGround Gaming) greco e alla prima esperienza in PG Nats ma già visto nelle leghe Greca e Ceca.

https://twitter.com/RomuleaE/status/1347204311718244355

Cambi in casa Romulea, prima delle due squadre qualificate dal Relegation, che mantengono intatta la metà inferiore della mappa con Bucu in corsia centrale e la coppia italiana Counter/Fox (o TurboFox, come visto negli ultimi tornei) in quella inferiore. Via i due polacchi in top e giungla, ne arrivano altri due: il giovane LeQu (in precedenza ai 7more7 Black, oltre che ai Pride gaming, entrambe in Polonia) e Chris (prima esperienza in ERL, ma visto nella seconda lega tedesca).

Anche l’altro team dal Qualifier cambia i suoi 2/5 del roster ma non solo. Si tratta dei GG and Esports (rebrand dei GG&Beer visti al Red Bull Factions) che ottengono, come annunciato in precedenza, lo slot dei DayDreamers. Mantenuti il toplaner Sky, il jungler ex Racoon Ploxy ed il promettente midlaner Dehaste, si aggiungono ai nuovi/vecchi arrivati due nomi come quello dell’ex Qlash ed OP Taba in posizione di adc ed il support Fittle (ex Dusty, team islandese, e TTW – seconda lega tedesca – uno dei nomi più osservati del panorama europeo anche grazie al suo rapporto, ai tempi dei Dusty, con il coach VeigarV2, ora ai Cloud9).

https://twitter.com/AxolotlTW/status/1346501717400158208

Le novità non si limitano però ai team del Relegation: arrivano infatti anche gli Axolotl a sostituire i Campus Party Sparks (che hanno annunciato il loro addio alla scena competitiva qualche settimana fa). Il team rosa nasce da una collaborazione di più gruppi di investimento, tra cui gli Hic Sunt Leones, nome noto su Overwatch e che già dallo scorso anno sembrava interessato ad entrare nel panorama di League.

Gli ormai ribattezzati da tutti assolotti schierano il duo mid jungle Aki+Rawbin IV, sicuramente tra i più affermati qui da noi, aggiungendo il toplaner Sater (ai Romulea per il Qualifier) ed il duo botlane Dambaj e Kibah. L’adc è un nome già affermato della scena polacca, mentre il support è alle prime esperienze competitive nel ruolo: in precedenza era infatti noto come bueongi, Batu e Ceikey, con presenze da jungler fino al 2020 ed il roleswap in maglia Fenerbahce academy. Il coach sarà Hybrid, che ha vinto per due volte di fila il campionato portoghese in maglia EGN.

Cambiano faccia anche i procioni più amati d’Italia: i Racoon sono stati infatti acquisiti dall’org Macko Esports, realtà partita col botto su Rainbow 6 e che punta in alto anche nel MOBA targato Riot. Della vecchia guardia resta solo il support Darkchri, oltre al coach Dressed2Kill e al ritirato adc Rharesh, ora nelle vesti di strategic coach. Completano il roster dei pezzi da novanta come il toplaner Stenbosse ed il jungler Cboi, entrambi visti con la maglia dei Morning Stars lo scorso anno, oltre che il midlaner Sebekx (anche lui ex-SMS, ma nel Summer 2019) e l’adc D3rK1ng155, austriaco e volto noto della seconda Division One tedesca.

Finiti rebrand e novità, restano tre team di cui parlare: partiamo con i Mkers che cambiano e – se possibile – crescono ulteriormente rispetto al già molto apprezzato roster dello scorso Summer. Rimane il solo Zwyroo in corsia centrale, MVP della regular season, trovando però la botlane Guubi /Click che ha ottenuto la vittoria finale negli ultimi Playoffs. A loro bisogna aggiungere i due danesi Doxy e Taxer, entrambi ex NLC (Riddle e Barrage il toplaner, BT Excel il jungler), oltre che uno staff di ottimo livello composto da Phoma (analyst in OP, Q4G, Royal Youth – con cui ha disputato il playin del Mondiale 2019 – ed head coach dei Cr4zy nella lega balcanica dello scorso Summer) ed Evan (Racoon, SMS, SPK), già alla guida dei MKS dal Red Bull Factions.

E se parliamo di staff, non possiamo che passare ai Samsung Morning Stars che trovano come Head Coach Ferakton – di nuovo operativo dopo uno split di pausa. Partendo da Deidara ed Endz, il team bergamasco ha costruito un roster anche in questo caso con forti tinte nordiche: il support è infatti il danese FlayStation (in precedenza ai Tricked quarti classificati in NLC Summer 2020), mentre il midlaner ed il jungler sono gli svedesi Yike e Twiizt (il primo alla prima esperienza in una ERL, il secondo già visto in lega baltica ed in EUM, anche se come sub e schierato solo come jungler). Insomma, una bella scommessa che potrebbe ripagare parecchio.

Concludiamo infine con i CyberGround Gaming, che piazzano il colpo grosso acquistando il support Doss, visto in LEC con la maglia dei Misfits. E come se non bastasse, riportano in Italia Gabbo in toplane, il jungler Speedy, più il midlaner belga SozPurefect (da sempre nell’orbita di academy LEC, oltre che di top team europei come i GamersOrigin) e l’adc portoghese AFM, icona in patria, legato quasi indissolubilmente ai For The Win, miglior team locale. Inoltre è interessante notare il sub jungler, nientepopodimeno che Demon, l’ex OP e Q4G, al momento fermo per l’università ma pronto a ripartire da Febbraio.

Insomma, tantissima carne al fuoco e tantissimi nomi importanti. Allacciate le cinture, preparatevi per la corsa e per il prossimo split!