Home Altro CON IL PROGETTO #DONATORIDIRUOLO IL MONDO DEL GIOCO SCENDE IN CAMPO A...

CON IL PROGETTO #DONATORIDIRUOLO IL MONDO DEL GIOCO SCENDE IN CAMPO A SOSTEGNO DELLA CAMPAGNA “DIAMO IL MEGLIO DI NOI” PROMOSSA DAL MINISTERO DELLA SALUTE

Milanoaprile 2021 – Oltre 500 giocatori per più di 100 sessioni di gioco e almeno 36 realtà editoriali coinvolte: questi i numeri del progetto #donatoridiruolo, realizzato tra gennaio e febbraio 2021 dal collettivo Players vs Coronavirus in collaborazione con Lucca Comics & Games e il Centro Nazionale Trapianti per sostenere la campagna “Diamo il meglio di noi” promossa dal Ministero della Salute.

Ed è proprio questo l’oggetto dell’imperdibile diretta streaming fruibile sulla pagina Facebook @lafeltrinellimilano: in occasione della Giornata nazionale per la donazione di organi e tessuti, dallo spazio Comics & Games de laFeltrinelli di Piazza Piemonte a Milano, il Direttore del Centro Nazionale Trapianti Massimo Cardillo e Nicola De Gobbis di Need Games, moderati dalla giornalista Giordana Moroni, ripercorrono insieme il progetto #donatoridiruolo, che ha raccontato il tema della donazione e del trapianto con il linguaggio moderno e immersivo del gioco di ruolo e che ha visto anche il coinvolgimento del game designer Michael “Mike” Alyn Pondsmith, creatore del celebre gioco Cyberpunk, oltre alle sessioni live di RPG Night Live e all’attivazione di tutta la rete di associazioni Players vs Coronavirus.

L’obiettivo dell’incontro e di tutta l’iniziativa è semplice e immediato: aumentare la consapevolezza della straordinaria importanza delle donazioni di organi e tessuti interagendo con un pubblico nuovo, più giovane, utilizzando un linguaggio diverso dal solito in linea con gli appassionati di GDR e mediante un approccio coinvolgente mai adottati prima d’ora in una campagna sociale.

Articolo precedenteAna ritorna in OG dopo un periodo di pausa
Articolo successivoArriva su TFT la coda con preferenza di ruolo
Se i mortali si guardassero da qualsiasi rapporto con la saggezza, la vecchiaia neppure ci sarebbe. Se solo fossero più fatui, allegri e dissennati godrebbero felici di un'eterna giovinezza. La vita umana non è altro che un gioco della Follia.