Home League of Legends Guide League of Legends: Analisi patch 11.9

League of Legends: Analisi patch 11.9

La patch 11.9 porta moltissimi cambiamenti sia agli oggetti che ai campioni e cerca di bilanciare i buff più esagerati che hanno dominato il meta della 11.8.

I più colpiti sono sicuramente i “jungler” AP che sono stati elevati dalla scorsa patch: Diana, Rumble e Morgana. Il nerf arriva sulla loro velocità di clear poichè il gameplay in se non è tossico per il meta, anzi la presenza di jungler AP permette ai pick AD in mid di trovare più spazio; l’attuale problema presente con questi campioni era la loro rapidità di clear che gli permetteva di gankare e farmare allo stesso tempo.
L’altro jungler che viene colpito da questi cambiamenti è Hecarim il quale ha dominato per diverse patch e viene giustamente aggiusto per creare diversità in un meta competitivo già troppo poco diversificato.

Sempre in tema di nerf Vlad vede un parziale revert sui buff alla Q che lo avevano reso decisamente opprimente; nonostante questo penso che Vladimir rimarrà una forte presenza nel meta anche perchè buona parte degli ADC e Mid laner non hanno modi di fuggire dall’all-in del vampiro.

Passando invece ai buff trovo estremamente interessante quello a Trundle che, in un meta dove i tank jungle e top sono piuttosto comuni, potrebbe rendere il champion nuovamente staple nel panorama competitivo. Se vi ricordate lo slow del pillar era stato nerfato in passato a causa della sua estrema gank pressure contro i champion immobili e, al momento, il meta è rappresentato da tank e champion prevalentemente immobili quindi questo potrebbe essere un segnale per il suo ritorno.
Un buff probabilmente non necessario va a colpire Lulu che mi pareva già abbastanza forte e necessitava di una riduzione di CD sulla W unita al buff dell’attack speed sulla stessa spell.

Chiudendo il capitolo campioni anche gli oggetti subiscono delle modifiche sostanziali il cui obiettivo è chiaramente quello di allontanarci dal meta di velocisti che domina il competitivo da mesi. Corazza dell’uomo morto vede i suoi HP ridotti del 25%, da 400 a 300, mentre la Chemtank ora darà solo 40% MS invece di 60%; questi due grossi nerf potrebbero rendere i champion di questo tipo estremamente meno viabili come engager senza il supporto di un enchanter con Shurelya.
Sempre parlando di enchanter Moonstone era scesa drasticamente di popolarità dopo i nerf lasciando spazio alla Shurelya stessa, i buff odierni cercano di bilanciare i due oggetti in modo da renderli situazionalmente buoni invece che porre una scelta binaria tra quale dei due è più forte.