Home League of Legends Esports PG Recap – Week 4 Day 1

PG Recap – Week 4 Day 1

Eccoci tornati, settimana 4 significa anche inizio del girone d ritorno di uno split fin’ora a due facce, quella dei primi 4, praticamente allo stesso livello e già proiettati ai playoff e quello degli ultimi 4 team, incapaci di colmare la voragine che si è creata quest’estate.

Recap

L’unico team che sembra migliorare di settimana in settimana sono i GGE.
Prima settimana disastrosa, il ritorno di Tinelli ha aiutato sicuramente e il cambio di coach ha fatto altrettanto, Apples è il nuovo head coach e i GGE hanno iniziato la settimana con una vittoria contro i Cyberground, anche loro con due cambi nel roster, in mid e nel ruolo di supporto.
Come da prassi il game si è deciso in un fight al drago dopo una equilibratissima fase di corsia.
La coesione del team nettamente superiore rispetto ai Cyberground ha favorito i GGE che una volta preso un bel vantaggio hanno impostato il pilota automatico e portato a casa una vittoria fondamentale per staccarsi dal fondo.
Prestazione positiva fino ai 15 minuti per i CGG quindi non è tutto da buttare ma come il girone di andata questo di ritorno sarà altrettanto complicato.

25 minuti di combattimento incessante, 33 kill in totale.
Questa è stata Outplayed contro Samsung Morningstar, tempo necessario agli OP per chiudere la contesa e mantenere la vetta della classifica.
Lo hanno fatto senza problemi? Assolutamente no perchè Saddy ha avuto una performance esplosiva con Samira e sarebbe stato in grado di vincere il game per i Samsung se non ci fosse stato PatkicA con Akali, 9 kills, 0 morti e una differenza incredibile, carry odierno del suo team su un champion flessibile per loro e probabilmente nella lista dei ban dopo oggi.
I Samsung invece sono sempre li’, a un passo dalla vittoria ma non concludono neanche questa volta nonostante Saddy.
Problemi che vanno avanti da inizio split e che sembrano irrisolvibili ora.

MkersAxolotl come penultima partita della giornata la riassiumiamo con due paroline: Seraphine difference.
La versione sbilanciata di Sona riesce un’altra volta ad essere l’MVP di un incontro serratissimo e deciso da pochi dettagli, uno di quelli gli scudi infiniti dati da Roison che pilotava il campione.
L’impossibilità di costruire anti scudi da parte dei Mkers ha facilitato le cose in quanto solo Ezreal era l’unico in grado di poterlo, non lo ha fatto e questo potrebbe essere stato un errore di Hiro.
L’altra grande differenza è stata la disparità di abilità tra i due team, infatti nonostante un inizio veramente complicato gli Axolotl hanno fatto vedere perchè sono in testa, ribaltando alcuni teamfight che sembravano ormai persi.
Per i Mkers grande prestazione che può dar morale ma che li lascia comunque in fondo alla classifica.

Match of the week e possibile anticipazione della finale l’ultimo scontro della giornata.
I campioni in carica Macko affrontano i Gaia Esport e uno dei due team perderà contatto dalla vetta dopo la fine del match.
Sono proprio i campioni che hanno recuperato la forma degli ultimi playoff a sopravanzare i rivali distruggendo a livello di macro e in draft i Gaia, troppo deboli e con condizioni di vittoria poco chiare oggi.
Questi Macko sembrano anche piu’ forti della loro ultima versione, sono vogliosi di confermarsi e Cboi può essere tranquillamente esso nella conversazione come MVP dello split.
Per i Gaia set back dovuto alla draft principalmente, Kai’Sa e Karma hanno troppa priorità e non hanno grande senso insieme in bot, Azir ancor meno.

Appuntamento a domani con l’ultima giornata della settimana e come sempre risultati sotto!

CGG 0 – GGE 1
OP 1 
– SMS
MKS 0 – AXL 1
MCK 1 
– GE 0

 

Articolo precedenteDOTA 2: gli International non si terranno in Svezia
Articolo successivoGrandi cambiamenti da parte dei Team Liquid LoL.
Pen and paper.