Home League of Legends LEAGUE OF LEGENDS SOLOQ TIER LIST PATCH 11.15

LEAGUE OF LEGENDS SOLOQ TIER LIST PATCH 11.15

Siamo tornati con la tier list dopo che il meta si è assestato dopo i grossi cambiamenti delle scorse patch!
Visto che il formato è ancora nuovo lascio la legenda con il significato dei vari tier:

  • Tier S: pick estremamente forti
  • Tier A: pick forti e statisticamente buoni per salire
  • Tier B: pick buoni, ma con un play rate più basso che potrebbe indicare una maggiore difficoltà di esecuzione
  • Tier C: pick specialistici che possono dare buoni risultati se si è esperti col campione
  • Tier D: pick deboli. non faccio distinzioni tra molto deboli e mediamente deboli

La differenza tra i vari tier è il play rate comparato al win rate: un champion in B tier avrà un playrate più basso rispetto a quelli A tier anche se i risultati sono statisticamente positivi.

Ora che le nuove divisioni sono chiare non vedo altro motivo per non andare subito a vedere come si pongono i champion in questo nuovo tipo di disposizione.

TOP LANE

Come avevo previsto Irelia è scesa si qualche posizione poichè i giocatori si sono abituati alla nuova tempistica della E rendendo il pick forte, ma non eccessivamente opprimente. Inoltre i nerf della 11.15 hanno avuto sicuramente un impatto.

Altri nerf vanno a colpire i bruiser del meta: Viego e Gwen scendo di priorità mentre Wukong, nonostante i nerf, rimane stabilmente in A tier.
L’ultimo champion che spicca in questa patch è Tham Kench. Il pesce gatto non ha subito nè nerf nè buff in questa patch, ma i giocatori hanno iniziato a capire come pilotare questo fortissimo tank nella corsia superiore rendendolo una presenza incredibilmente forte. Quello che pensavo sarebbe stato il ciclo di TK sta procedendo con una settimana di anticipo rispetto a quello che pensavo, non so dire se i buff da lui ricevuti fosse così forti o se, semplicemente, il pick era già forte dall’inizio.

JUNGLE

Nonostante la 11.15 non bersagliasse la jungle vediamo dei grossi scossoni all’interno dei ranking.
Anche se la S tier non cambia vediamo Shaco che precipita nei tier: non so spiegarmi bene questo drastico cambiamento dato che nè gli oggetti nè il kit di shaco è cambiato e non penso che i buff a Nidalee abbiano impattato così tanto la bambola assassina.

Parlando di Nida il pick sale di diverse posizioni e Nidalee segue la regola di Caitlyn ed Ezreal: se hanno un win rate mediamente alto vuol dire che sono fortissimi.

MID LANE

Come per la jungle c’è un leggero shift del meta non catalizzato dalla patch stessa: il meta a corto raggio rimane prevalente, ma iniziamo a vedere dei counter come Graves che gestiscono benissimo i match up melee. Anche Kassadin fa un ritorno che, per quanto non vinca i match up melee, la sua build tank è ottima contro i solo laner AD che stanno dominando il meta.

Un altro champion che può dominare il meta melee è Cassiopeia la quale ha ricevuto degli enormi buff la scorsa patch e mi sorprende non sia in S tier, ma SOLO in A tier. Assieme a lei anche Lissandra potrebbe avere uno spot nel meta, ma è sicuramente un pick che richiede più esperienza per poterlo utilizzare a pieno dato che è dipendente dai roaming e dalla presenza del jungler.

BOT LANE

So già che verrò contestato per Ashe in S tier, ma le sue statistiche sono ottime e tende ad essere un lane bully non da poco capace di kitare i tanti bruiser del momento; ovviamente ha bisogno di un po’ di supporto per evitare i dive più brutali, ma al momento è una scelta più che solida.

Ziggs continua a dominare la corsia inferiore per gli stessi motivi sopracitati per Ashe: giocare dalla distanza è molto efficace contro i pick più forti del meta.
Il resto del meta non cambia molto tranne per il fatto che solo Kalsita e Lucian rimangono nel tier D mentre gli altri AD stabilizzano le loro perfomance anche se esse non sono delle migliori.
Noterete che non ho inserito Akshan a causa delle sue statistiche ignobili e della volatilità dei champion nuovi.

SUPPORT

La popolazione della A tier dei supporti diventa sempre più gande e sapete cosa vuol dire: le statistiche negative degli altri pick sono ancora più drammatiche; questo vale doppio per i campioni che non sono qui presenti a causa del loro play rate inferiore all’1%.

Data la volatilità della corsia centrale i campion con roaming hanno un impatto ancora più alto. D’altro canto però la popolarità dei bruiser permette agli enchanter di avere un bersalgio da buffare anche nel mid game mentre l’hypercarry transiziona nel late game. Questo va a creare una situazione in cui un team deve snowballare il vantaggio dell’early game e non permettere all’enchanter di scalare tenendo alta la pressione e dominando gli obiettivi neutrali.

Se volete visionare le patch precedenti potere farlo a questo link.

Articolo precedenteLa Lega Francese fa piu’ numeri dell’LCS
Articolo successivoPG NATS PLAYOFF – MACKO VS OUTPLAYED
Jack of all games, Master of all.