Home League of Legends Esports League of Legends è divertente da guardare?

League of Legends è divertente da guardare?

Da quanti anni seguite il mondo di League of Legends?

Ci sono state annate migliori di altre senza dubbio a causa di idee di gameplay o oggetti talmente sbagliati da distruggere la godibilità del gioco stesso.

Personalmente seguo la scena competitiva di League of Legends dai mondiali del 2018: la rincorsa al titolo dei Fnatic ha acceso in me la passione per questo mondo e da lì ancora arde, nonostante ultimamente il gioco abbia preso una piega che non gradisco.

Season 9 e picchi mai raggiunti.

Ricordate il 2019? Prima annata di LEC, Caps ai G2 sconvolgendo il mondo, Perkz bot e una rivalità tra G2 e Fnatic pronta a spiccare il volo verso vette mai raggiunte da altri team.

Nel 2021 non c’è più quell’adrenalina data dai matchup storici o partite inaspettate, perchè? League of Legends è diventato noioso da guardare?

Ritengo che il problema più grande sia l’anima dei draghi aggiunta lo scorso anno.
Una win condition chiara e tonda che blocca tutte le altre opzioni di gioco, forzando i team a uno stile solo, ripetitivo e poco ingegnoso.
O si vince di forza bruta tramite la laning phase o la classica lotta al terzo drago darà alla miglior composizione, o al miglior team, la possibilità di mettere la testa avanti, impostare il pilota automatico e vincere di conseguenza. è divertente da guardare? Non come in passato.

Torniamo al 2019 ora e prendiamo come esempio i G2.
La loro annata è stata magica, due split vinti, MSI e finale mondiale senza perdere una singola best of 5, strabiliante.
Vi siete mai chiesto il segreto del team? La magia che li faceva sembrare imbattibile, beh era nient’altro che la creatività.
Draft creative a dir poco, importanza delle sidelane aggressive che permettevano al carry di turno di accumulare risorse e, soprattutto, niente timer da seguire, niente “scadenze” date dalla soul: si poteva finire il game in 19 minuti o in 50 in base alle esigenze e i draghi avevano meno valore, offrendo molte più opzioni di gioco; adesso è un’utopia.

Riot se ne è accorta e tramite alcuni cambiamenti, come l’inserimento dell’Hullbreaker, ha pensato di dare valore e priorità alle sidelane, ma un rework degli oggetti che ha mancato il bersaglio e questa importanza impossibile da sviare verso i draghi ha davvero ridotto la creatività nel gioco e anche la godibilità dei match. è sempre la stessa storia: due draghi non contestati, lotta al terzo drago, chi vince prende le redini del match e difficilmente le lascia, semplice no?

Purtroppo per quest’anno non c’è niente da fare a riguardo, ma quanto sarebbe bello poter impostare un gioco dove non esistono win condition chiare e la creatività dei giocatori viene premiata. Tutti ormai se ne sono lamentati, riducete la potenza delle anime, ridateci la season nine!