Home League of Legends Esports LoL Esport: importanti cambiamenti alle European Regional Leagues

LoL Esport: importanti cambiamenti alle European Regional Leagues

Sono state annunciate una serie di modifiche da parte di LoL Esports, la divisione Esport di Riot Games, riguardo il funzionamento delle European Regional Leagues (ERL).

LoL Esports condiviso una serie di grandi cambiamenti, oltre ad aver esteso tutti i suoi accordi di licenza con quasi tutte le ERL, che porteranno stabilità alle leghe e rafforzeranno i percorsi per i prossimi pro-player.

La prima modifica che salta all’occhio è la divisione delle leghe categorie: in poche parole, tutte le Leghe Regionali saranno accreditate o meno. Se vi sono ERL non accreditate, questi potranno richiederlo sono se soddisfano determinati criteri.
Inoltre le categorie, determineranno anche se le leghe regionali dovrebbero o meno ospitare eventi offline di persona.

Per le ERL accreditate, gli eventi offline sono richiesti ed un ulteriore classificazione determinerà se i giocatori vengono aggiunti o meno al database dei contatti globali di Riot Games. Ovviamente questa spunta dei giocatori vale solo per le Leghe accreditate.

Non tutte le leghe rimarranno uguale: la lega polacca e balcanica si uniranno e lo stesso vale per quella olandese e belga. Ci sarà anche una standardizzazione dei premi in denaro e un aumento del compenso per le squadre. Anche le regole di streaming stanno cambiando, con i partner ERL che ora hanno la possibilità di trasmettere in streaming i match dei propri team, ovviamente sempre secondo le normative Riot Games.

L’introduzione di questi cambiamenti è stata programmata dopola fine della stagione e quindi ad EU Masters conclusi, ma nessuna data è stata ancora ufficializzata per la loro attuazione formale. Inoltre tutti i dettagli completi ancora non sono stati divulgati.