Home League of Legends Guide LoR Deck Guide ~ Pyke/Rek’Sai Lurk

LoR Deck Guide ~ Pyke/Rek’Sai Lurk

Ben trovati amici di Outplayed!
Oggi, date le numerose richieste di amici e follower, vi porto la deck guide di un mazzo uscito in realtà nel set passato e che ho da subito adorato giocare: Pyke/Rek’Sai Lurk!

Questo strano deck si basa sulla nuova meccanica Lurk (Agguato nella versione italiana) che ci permette di buffare permanentemente l’attacco delle nostre unità Lurker, costituite da minacciosi esseri del vuoto e creature degli abissi.

    Ovviamente le nostre unità sono capitanate dai rispettivi campioni:

  • La regina del void, Rek’Sai, risulta essenziale per buffare ulteriormente le nostre unità ogni volta che attacca o viene proccata la sua abilità di Lurk. Fate però attenzione ai sui punti d’attacco: infatti se non saremo in grado di livellarla (ovvero attaccare quando ha 10+ punti d’attacco) tornerà nel mazzo alla fine del turno. Dall’altro lato però, il suo level-up risulta spesso una incredibile win-con grazie alla keyword Overwhelm e alle 3 unità che ci regala.
           
  • Il secondo campione che andiamo a giocare è il terrificante Pyke. E terrificante è proprio la parola giusta per descrivere il potenziale dell’assassino degli abissi: infatti è in grado di trasformarsi in Death from Below quando viene proccata la sua abilità di Lurk, spell che ci permette di evocare Pyke stesso colpendo un’unità avversaria. Ma la parte più pericolosa deve ancora arrivare: infatti una volta livellato, la sete di sangue del nostro assassino sarà davvero dura da fermare dato che ogni volta che uccide un’unità nemica andrà poi a colpire il nemico più debole, con il potenziale di eliminare completamente il board avversario!
           

Andiamo ora a vedere come giocare questo deck. Infatti l’errore più comune è pensare che questo deck sia un semplice aggro che si basa sul vedere tante unità a costo 1, come Sharkling o Xer’Sai Hachling, per poter chiudere velocemente. In realtà il deck necessita di costruirsi un certo momento: i primi turni servono a sviluppare le abilità di Lurk e far crescere le nostre unità più importanti, ovvero quelle dotate di Overwhelm come Xer’Sai Dunebreaker e Xerxa’Reth, the Undertitan. Al fine di realizzare questo piano di gioco sono indispensabili le unità che ci permettono di sfruttare Predict, Xer’Sai Caller e Aspiring Chronomancer, dato che non solo ci permettono di decidere cosa pescheremo, ma anche quali abilità di Lurk andare a sfruttare. Altra importante nota: utilizzare carte sprovviste di Lurk può risultare un azzardo dato che risulterà più probabile non riuscire a proccare questa abilità durante un attacco, per questo motivo ho speso molto tempo a trovare un buon rateo tra carte Lurk e non al fine di bilanciare il vantaggio dato queste ultime e il perdere la possibilità di sfruttare Lurk per un turno.

Vediamo un esempio di decklist

CMBAKBAGAEBAGBIPAYCAOAITIFCEUUABAICAOFR3AIAQIB2FAICAMBAH

 

Come potete vedere il mazzo è composto prevalentemente da unità e solo un quarto degli slot viene utilizzato per gli incantesimi. Questo perchè solo poche spell possono proccare Lurk, Call the Pack e Bloodbait, e pertanto vogliamo giocare solo quelle che risultano strettamente necessarie. Carte come Bone Skewer Ruthless Predator ad esempio ci permetto di controllare il board dandoci la possibilità di eliminare le unità nemiche più scomode, ma al tempo stesso ci aiutano a livellare i nostri campioni. Rite of Negation invece serve a proteggere la nostra chiusura: una volta preparato il board a dovere ed evocato Rek’Sai dobbiamo garantire alla nostra regina di portare il massimo dei danni.

Match-Ups & Tips

Generalmente volete mulligare per i drop 1, ma non è sempre essenziale specialmente se non avete il primo turno d’attacco. Infatti risulta molto più importante poter sfruttare fin da subito le unità con predict e preservare la giocata Call the Pack + campione da mettere in cima al mazzo. Evitate di tenere invece unità che costano 5+ mana dato che sono le finisher del mazzo e Bloodbait che va utilizzato solo quando si è sicuri di avere Rek’Sai in cima al mazzo (o eventualmente Pyke non trasformato) e dopo aver sfruttato il Lurk di quest’ultima.

Piccola nota: NON DISPERATE SE NON PROCCATE UN LURK! questo perchè vedo molti giocatori premere “Surrender” o gettare la partita al vento solo perchè non proccano Lurk su un attacco. Imparate quando serve rischiare e come gestire i turni senza Lurk.

Vediamo qualche esempio di Match-Up nel meta attuale:

  • Bandle Spam – i nuovi mazzi di Bandle City si basano sul riempire il board di unità con le quali aggredire gli avversari. Il modo migliore per fronteggiarli è tramite Xer’Sai Hachling e le unità dotate di overwhelm in modo da poter quasi ignorare la presenza degli Yordle in board. Molto forte risulta Pyke, soprattutto contro le versioni più lente, per gestire il board e minacciare l’eliminazione di tutte le unità nemiche.
  • Sivir Demacia – Midrange che tende a vincere grazie al controllo board ed al potenziale di aggro, come ne abbiamo parlato qui. State molto attenti ai suoi combat tricks e alle strike-spell, come Conserted Strike, per portavi a casa la partita nel mid-late game. Sviluppare Pyke a lv2 è spesso una win-con, ma fate attenzione agli spellshield avversari!
  • FTR – Darkness – Sebbene siano due mazzi diversi tra loro, hanno però un stile di gioco più o meno simile: entrambi sono dei control decks che puntano a sfruttare molteplici spell per controllare il board. In questi MU risulta essenziale portare una buona aggressione nei primi turni di gioco così da forzare removal e risorse sulle unità più “piccole” mentre i pezzi grossi chiudono poi il game.
  • Sion/Draven Discard – Midrange che punta a vincere di aggro e grazie al potenziale di OTK offerto da Sion. MU che non risulta facilissimo anche se possiamo sfruttare i primi turni per vincere il vantaggio board e mettere così pressione al nostro avversario. Dato che non abbiamo strumenti per gestire efficacemente Sion, se non provare ad uccidere il clone generato dalla sua abilità, dobbiamo cercare di spingere l’avversario in una situazione nella quale non può investire gran parte del suo mana e del suo turno per sviluppare il campione di noxus.

Con questo si conclude la guida ad uno dei mazzi che più mi piace giocare, sia in ladder che in torneo, dato il suo enorme potenziale nel gestire la situazione di gioco puntando quando necessario a chiudere nel breve termine senza però rimanere scoperto nel mid-late game. Alla prossima guida!

Articolo precedenteNew World : 8 Puntata Aeternum Night Show
Articolo successivoWorlds 2021 Pick’em: ecco come giocare
Giocatore competitivo di Yu-Gi-Oh! da 14 anni, sono da sempre un appassionato di giochi di carte e strategici. Negli ultimi anni mi sono avvicinato al mondo Esport legato a LoL e al nuovo gioco di carte di casa Riot, Legends of Runeterra.