Home League of Legends I nuovi G2 possono davvero competere per la vetta?

I nuovi G2 possono davvero competere per la vetta?

Pochissimi roster in Europa al momento sono rimasti senza un annuncio ufficiale, questa settimana probabilmente sarà quella decisiva e finalmente avremo tutte le pedine in gioco, pronte per essere piazzate in base ai nostri gusti o alle nostre future previsioni.

In questo puzzle non del tutto completo in forma ufficiale i G2 non hanno perso molto tempo e accolto i nuovi membri del loro roster.

Era noto a tutti da tempo quali sarebbero stati i giocatori che avrebbero vestito la casacca nera dei samurai, eppure una volta sciolte le varie vicende legali è anche possibile parlarne apertamente e dare un parere sui G2 che affronteranno la prossima stagione.

Caps e Jankos sono gli unici superstiti della tragedia targata 2021, la loro esperienza sarà fondamentale per introdurre al meglio gli altri 3 ragazzi.
L’obiettivo nonostante la rivoluzione è quello di vincere sempre e comunque, lo stesso Carlos lo ha dichiarato più volte e per quanto lui possa essere un personaggio sui social, quando si tratta di costruire un roster capace di vincere è secondo a pochi.

BrokenBlade, Flakked e Targamas saranno i rimpiazzi di Wunder Rekkles e Mikyx, delle scarpe ostiche da riempire e la pressione sarà senz’altro ai massimi storici all’interno dell’organizzazione.
Uno dei migliori toplaner seppur proveniente dall’ultimo team europeo e due rookie in una lane dove il talento non manca di certo al momento, se per BrokenBlade i dubbi non ci sono mai stati riguardo il suo acquisto, per gli altri due la situazione è diversa.

Targamas non è nuovo alla massima lega Europea avendo già fatto un salto nell’European LCS, troppo giovane e con troppa poca esperienza al tempo per esprimersi al meglio.
Sono serviti anni di ERL e un’annata magica ai Karmine Corp per riportare il supporto nel luogo adatto a lui, in una grande organizzazione e nel palcoscenico migliore che un giocatore possa ambire al momento.

L’unico vero dubbio che attanaglia i fan dei G2 è l’ad carry, da Perkz e Caps fino a Rekkles nessuno è mai stato inadeguato al ruolo assegnato dalla squadra a prescindere dai risultati, Flakked riuscirà a splendere come loro?

Fenomeno mediatico dei social di League of Legends spagnoli, conosciuto più per la sua oca (bellissima va detto) che per i suoi montage, porterà senza dubbio un numero inequivocabile di fan iberici a seguire i G2 ma quanto può offrire in LEC ai suoi compagni?

Viene da una stagione non brillantissima nell’academy dei Mad Lions, senza esser riuscito ad accedere all’EU Masters e si ritroverà a competere con fenomeni del calibro di Upset e Hilyssang nelle partite ufficiali.
Non c’è tempo per ambientarsi e toccherà a Dylan Falco, nuovo coach dei G2, riunire sin da subito il gruppo e coprire eventuali lacune di alcuni giocatori.

Sarà interessantissimo seguire questa nuova iterazione del team che ha vinto 4 degli ultimi 6 split, dei giorni gloriosi sono rimaste solo le ceneri probabilmente e sta alle nuove leve riportare in alto i samurai, nessuno li aspetterà.

Articolo precedenteCloud 9 LS! Rivoluzione o Fallimento annunciato?
Articolo successivoFortnite: Ecco quali sono i team Europei con più PR
Pen and paper.