Home League of Legends LEC Mid Split power ranking!

LEC Mid Split power ranking!

Prima metà dello Spring Split agli archivi, è giusto quindi rivedere la classifica ora che si entra nel vivo della stagione.

Le previsioni prestagionali hanno sbattuto contro la realtà e si sono rovesciate nella maggior parte dei casi, quanti si sarebbero aspettato un inizio immacolato da parte dei Rogue?

Rivediamo quindi il power ranking dopo 4 settimane di Spring split e ben 9 partite giocate.

10. Astralis

Sono andati vicini a vincere il loro primo game la scorsa settimana contro i Vitality e nonostante l’incapacità di chiudere un game ormai vinto si sono visti dei passi in avanti.

Il loro spring split è totalmente compromesso, cosi come le possibilità di arrivare ai playoff, per cui conquistare la prima vittoria è diventato il vero e unico obiettivo di una squadra che continua a non avere nè capo nè coda e che è destinata a rimanere insieme ancora per poco tempo.

9. SK Gaming

La parte bassa della classifica sta rispettando i valori in campo al momento e per questo gli SK si trovano solo sopra gli Astralis.

Un team che soffre la pena di giocare con delle draft tremende e che meccanicamente sembra essere al di sotto dei propri avversari ha poche speranze di arrivare ai playoff.

Treatz e compagni hanno davvero bisogno di lavorare molto per anche solo provare di impensierire i team davanti a loro, non sono gli ultimi della classe ma c’è sicuramente un divario importante da colmare.

8. BDS

La sorpresa in negativo di questo inizio di split!

Un nuovo roster ha sempre bisogno di tempo per adattarsi anche se sotto la guida di due vincenti come Grabbz e Duffman.

Sulla carta sono molto meglio di quello che dice la classifica ma l’inizio di split orribile da parte di Adam e xMatty ha decisamente complicato i loro piani.
Il treno playoff non è perso e hanno tutte le possibilità per essere tra le prime 6 squadre nella lega, abbiate fiducia in loro e nel processo di crescita di un roster giovane e con più di qualche asso nella manica, anche in academy.

7. Excel

La dimostrazione vivente che questa lega ha alzato il proprio livello nel corso degli anni.

Gli Excel sono sempre stati competitivi negli ultimi anni ma mai abbastanza da poter centrare i playoff nella loro storia.

La vittoria contro i Fnatic e le ultime ottime prestazioni hanno dato fiducia al roster che ha sicuramente giovato della presenza di Mikyx al proprio interno e mostrato tutto il loro potenziale.

Il livello per arrivare nei primi 6 è altissimo al momento e basta anche solo una settimana negativa per perdere il treno decisivo.
La prossima settimana dirà molto sulle loro ambizioni.

6. Mad Lions

Lontani parenti dei dominatori del 2021.

Non poteva essere altrimenti dopo l’addio ai due migliori giocatori del proprio roster e l’inserimento di due rookie che hanno necessariamente bisogno di tempo per entrare nei meccanismi della squadra.

La cosa che preoccupa di più però è la difficoltà mostrata in draft con dei pick discutibili e decisamente poco affini al meta attuale (Renekton Nidalee? Ancora?) e soprattutto l’inconsistenza di Armut in queste settimane.

Autore di buone prestazioni ma anche di alcune pessime, sta espandendo la sua champion pool ed è un fattore da tenere sott’occhio per i playoff, avere più frecce all’interno della propria faretra non può che aiutare la causa dei leoni che comunque prima devono conquistarsi l’accesso ai playoff, per ora tutto tranne che scontato.

5. Misfits Gaming

Manca sempre qualcosa per essere tra le prime della classe.

Belli da guardare, giovani e con tantissimo talento ma ancora non abbastanza per stare al passo con le superpotenze d’Europa.

Vetheo continua nel suo percorso di apprendimento per diventare una stella ed è una gioia da veder giocare, cosi come Neon che si sta dimostrando un ottimo ad carry ne meritevole del posto in squadra.

I playoff non sono in dubbio per loro probabilmente ma è necessario che tutti e 5 i giocatori raggiungano al più presto il loro potenziale per contendere il trofeo a chi ha decisamente più esperienza di loro.

Mersa su tutti sarà l’x factor per il futuro di questo roster.

4. Fnatic

L’inizio devastante avuto dai nero arancio ha lasciato spazio ad alcuni dubbi arrivati dopo due settimane di prestazioni altalenanti e con problematiche ricorrenti.

Criticare i 5 giocatori a livello individuale è pura follia, constatare che però non sono ancora una “squadra” è semplice e giusto.
Razork deve ancora trovare la propria dimensione non essendo l’unico carry e Humanoid ha la necessità di rispettare molto di più gli avversari per evitare di arrivare nel mid game sempre in una posizione di svantaggio.

L’early game è il punto debole di questa squadra e i Rogue hanno sfruttato al massimo questa debolezza per vincere la loro partita.

Se non bastasse le draft stanno impedendo ai ragazzi di esprimersi al meglio in un meta che predilige lo scaling rispetto ai campioni aggressivi, un altro punto sfruttato al meglio dai G2 nella loro sfida recente.

E’ sicuramente presto per giudicare visto che l’obiettivo dichiarato è vincere lo splite arrivare all’MSI, l’augurio è che sia possibile vedere il picco di questo roster ai playoff.

3. G2 Esports

In anticipo rispetto alla loro tabella di marcia e con ampi margini di miglioramento.

Caps e Jankos sono una sicurezza e stanno permettendo alla botlane di ambientarsi e continuare a progredire.
Flakked si è rivelato essere un ottimo giocatore per ora e più di qualche partita ha la sua firma, un altro bel colpo da parte di Carlos anche se al livello attuale non è sullo stesso piano di Carzzy e Hans Sama.

BrokenBlade è tranquillamente tra i top 3 della lega cosi come la sua squadra.

La ripassata presa dai Rogue evidenzia la netta differenza tra le due organizzazioni ma quanto dureranno questi Rogue? E soprattutto quanto miglioreranno i G2 in vista dei playoff?

2. Vitality

Lo 0-3 della prima settimana è solo un brutto ricordo ormai.

Da lì in poi 5 vittorie e una sola sconfitta per mano degli imbattibili Rogue in un incontro comunque molto equilibrato fino alla fine.

Perkz e compagni sembra abbiano superato egregiamente le difficoltà e ora stiano risalendo la china con grande sicurezza nei propri mezzi, come dimostrato nella vittoria nei confronti degli Astralis.

Lo stesso Croato è convinto di essere nella strada giusta per aggiudicarsi l’ennesimo titolo domestico e più che dei Rogue è preoccupato per Fnatic e G2 quando verrà il momento.

Sotto sotto restano i favoriti per via della nomea che hanno assunto gli attuali capoclassifica e per quanto talento individuale hanno all’interno del roster., vedremo il prossimo scontro diretto come finirà

1. Rogue

Metterli in qualsiasi altra posizione sarebbe una provocazione.

9-0, dominatori assoluti di questa prima parte di stagione e vera sorpresa della lega.

La base era buona ma si pensava che con l’addio di due figure chiave come Inspired e Hans Sama questa squadra avesse perso la propria spina dorsale.

Ci sbagliavamo di grosso!

Malrang e Comp si sono integrati alla grandissima e per ora sono grandi candidati al premio di Mvp insieme ai loro compagni.
E’ cambiato il loro modo di giocare in alcuni ruoli chiave come la giungla, non i risultati.

Il vero valore di una grande squadra si vede nella sconfitta per cui bisognerà aspettare ancora per capire quanto siano reali le loro intenzioni di vittoria, nel mentre ci godiamo uno dei più belli spettacoli che la lega può offrire.

Articolo precedenteNew World: Intervista – Kattivo Karma
Articolo successivoLa 12.4 mira a nerfare gli enchanter nelle solo lane
Pen and paper.