Home League of Legends PG Nats: Gli Atleta Esport dominano i Macko e sono i nuovi...

PG Nats: Gli Atleta Esport dominano i Macko e sono i nuovi campioni!

Il PG Nationals corona un nuovo campione!

Il torneo tutto italiano organizzato da PG e che da più di un anno viene dominato dai Macko si è ritrovato all’appuntamento finale dello Spring split questa domenica, con in palio il classico trofeo di campione e l’accesso diretto alla fase a gironi dell’EU Masters, l’evento d’eccellenza per le leghe secondarie europee.

Dopo una regular season d’elite in finale si sono presentati sempre loro da favoriti, i Macko Esports pluricampioni italiani e detentori del miglior record dello split.
La squadra allenata da coach Cristo ha da sempre mostrato la maggior flessibilità in fase di draft (specialmente l’eterno Raresh con i suoi enchanter) e di possedere un mvp in Hawhaw, midlaner alla prima esperienza nell’organizzazione italiana.

Di fronte a loro e alla prima finale c’erano gli Atleta Esport, organizzazione si novizia nel PG Nats ma con un roster di altissimo livello e soprattutto improntato sull’esperienza, come quella di Gabbo e della botlane Endz Cospect alla carica per un altro titolo domestico.

Un dominio inaspettato

La finale, giocata come sempre da remoto purtroppo, ha raccontato una storia totalmente diversa rispetto alle aspettative.

I campioni in carica si sono sciolti come neve al sole e hanno lasciato lo show agli Atleta per un imprevisto quanto rapido 3-0.
Una debacle vera e propria in una giornata nerissima per i Macko in cui nulla ha funzionato a partire dalle draft.

I meriti vanno a chi però è stato in grado di dominare dal primo minuto del primo game, ossia gli Atleta Esport.

Gli sfavori del pronostico non hanno influito in alcun modo sulle loro motivazioni anzi non hanno fatto altro che caricarli ulteriormente.

Cosa dire dei nuovi campioni, la scelta di puntare sull’usato sicuro ha ripagato loro e non se ne sono pentiti.
Endz era, è e sarà sempre uno dei migliori tiratori disponibili in Italia e costruire il roster attorno a lui significa essere competitivi per la vittoria finale, a prescindere dalle condizioni.
Quarto titolo (in 3 finali giocate per via di una squalifica durante il periodo YDN), il suo curriculum la dice lunga sul valore dell’Estone in territorio italiano.
Riunirlo a Cospect è stata un’altra scelta sicura, come l’aver messo sotto contratto Gabbo dopo la sua parentesi internazionale.
In un meta che ha rivisto alcuni dei suoi pick migliori (come Aatrox) rifiorire non è una sorpresa vederlo impazzare in finale dimostrando il suo vero valore nelle fasi cruciali della stagione.

https://twitter.com/PGEsportsIT/status/1505651899898503169?s=20&t=HHIa1BjVzDC9M4hMA7G2OA

Mvp unanime della finale e pronto a ripresentarsi in EU Masters anni dopo l’esperienza YDN per far vedere di valere il palcoscenico internazionale una volta di più.
Stessa storia per Endz che più volte è stato eliminato prematuramente dalla competizione offrendo magre prestazioni, ai suoi occhi un’altra opportunità per far tacere i dubbiosi.

Chiusa la parentesi domestica, l’Italia di prepara all’EU Masters portando Atleta e Macko, con la speranza ormai classica di riuscire a superare la fase a gironi e ottenere un risultato degno di nota per la nazione, un mix di prestazioni valide e visibilità per una competizione in ascesa e che punta a raggiungere le migliori della classe.