Home League of Legends LEAGUE OF LEGENDS SOLOQ TIER LIST PATCH 12.8

LEAGUE OF LEGENDS SOLOQ TIER LIST PATCH 12.8

Siamo tornati con la tier list dopo che il meta si è assestato dopo i grossi cambiamenti delle scorse patch!
Visto che il formato è ancora nuovo lascio la legenda con il significato dei vari tier:

  • Tier S: pick estremamente forti
  • Tier A: pick forti e statisticamente buoni per salire
  • Tier B: pick buoni, ma con un play rate più basso che potrebbe indicare una maggiore difficoltà di esecuzione
  • Tier C: pick specialistici che possono dare buoni risultati se si è esperti col campione
  • Tier D: pick deboli. non faccio distinzioni tra molto deboli e mediamente deboli

La differenza tra i vari tier è il play rate comparato al win rate: un champion in B tier avrà un playrate più basso rispetto a quelli A tier anche se i risultati sono statisticamente positivi.

Ora che le nuove divisioni sono chiare non vedo altro motivo per non andare subito a vedere come si pongono i champion in questo nuovo tipo di disposizione.

TOP LANE

In teoria la corsia superiore non subisce grandi cambiamenti dalle patch notes in sè, ma ci sono molti cambiamenti dettati dal meta.
Mordekaiser ha beneficiato moltissimo dei buff e domina la corsia instaurandosi come uno dei migliori pick della 12.8. Con così tanti juggernaut in S ed A tier pick ranged o semi ranged come Kayle o Akshan riescono a bullizzare questi campioni a bassa mobilità.

Altri nomi degni di nota sono se non Wukong che guadagna trazione dopo i buff della 12.7; Swain trova un discreto successo in top soprattutto nelle mani di giocatori esperti e sembra che sarà un pick da tenere d’occhio.

JUNGLE

C’è voluto un po’ di tempo, ma Wukong jungle è slaito in S tier: i cambiamenti alla sua copia lo hanno reso un jungler molto pericoloso. Rengar continua a perdere terreno rispetto agli altri champion man mano che la playerbase impara a gestirlo.

Molti campioni da early game, come Elise e Qiyana, non riscono a snowballare correttamente il loro vantaggio spratutto nelle leghe più basse e risultano difficili da giocare al meglio. Lo stesso vale per i campioni meccanici come Lee Sin e Nidalee che possono essere letali nelle mani di giocatori esperti.

MID LANE

Se nella top lane Swain è un pick di nicchia in mid si trova perfettamente a suo agio. Io stesso avevo previsto un successo nella corsia superiore, ma diversi pro player hanno dimostrato in streaming la forza di questo campione nella corsia centrale: il suo waveclear è ottimo ed il sustain della E è abbastanza da permettergli di sopravvivere al poke avversario.

Ci sono altri piccolo cambiamenti: Kassadin, Xerath e Vel’koz migliorano sensibilmente grazie ai buff ricevuti.

BOT LANE

Si nota subito il crollo di Jinx: perdere 50 hp a livello 1 ha reso la sua fase di corsia molto più debole riducendo la possibilità di snowball nei primi minuti di gioco. Non mi aspettavo un calo così brusco, ma sono sicuro che risalirà nella 12.9 anche senza nessun buff.

Parlando di Buff Jhin gli è bastato poco per ritornare in S tier: la sua abilità di creare pick è fortissima in soloQ e lo rende uno dei migliori campioni da usare.
Non possiamo ignorare Swain che anche in corsia inferiore trova successo assieme ad altri maghi come Veigar: questo di campioni abusano il fatto che gli avversari tendono a non giocare contro questa classi champion e sono quindi più proni a fare errori.

SUPPORT

Nel regno dei support non cambia poi molto: Soraka subisce un leggero nerf e scende in tier A mentre Bard ottiene un buff e sale di una posizione a sua volta. La sorpresa più grande viene da Pyke che continua a salire di win rate patch dopo patch sulle ali del’Hype causato dai cambiamenti sul PBE.

Swain rimane stabile nonostante avrei previsto un calo nel win rate da support: con la sua nuova ultimate il campione necessita di più risorse per avere un forte impatto e da support è più difficile arrivare ad alcuni powerspike.

Se volete visionare le patch precedenti potere farlo a questo link.

Articolo precedenteEU Masters: KCorp campioni per la terza volta di fila, nessuno come loro!
Articolo successivoCaso Selfmade – Vitality: Prima il rinnovo, poi la panchina.
Jack of all games, Master of all.