Home League of Legends LEC: I pick da tenere d’occhio!

LEC: I pick da tenere d’occhio!

Lo Spring Split ci aveva lasciato con i G2 come squadra nettamente superiore alle altre e vincitrice del titolo dopo una cavalcata trionfale nei playoff, imbattuti dall’inizio alla fine.
L’estate, oltre a portare il caldo, ha dato a Riot l’opportunità di cambiare radicalmente il gioco in alcune fasi critiche, come quella iniziale. La patch 12.11, chiamata anche quella della durabilità, ha allungato di molto il minutaggio delle partite e specialmente in Corea c’è stato un ritorno prepotente allo scaling e ai cari e vecchi 40 minuti di farm puro.

Ad essere intaccato da questa modifica è stato ovviamente anche il meta: tra mini rework, tentativi di bilanciamento e riduzione dei danni il meta stabile avuto fino all’MSI è ora una continua scoperta di pick validi e nuove strategie.

Vediamo quindi, all’alba del nuovo split che inizierà proprio oggi pomeriggio, quali sono i campioni da tenere d’occhio e quali potrebbero sorprendere i fan a casa!

Sejuani

Sejuani è pronta a conquistare il Frejlord! - Powned.it

Per gli affezionati del mondo competitivo si ricorderanno sicuramente la Sejuani top di Wunder nello spring del 2019: beh non si tratta più di un troll pick ma di un possibile campione utilizzabile.
Ha fatto il suo esordio questa settimana in LCK e non viene utilizzata nella sua posizione designata, la giungla ma sembra essere un’ottima alternativa per la toplane.
Un tank con resistenze alte, un kit ottimo per preparare i gank e dei danni base incredibilmente alti la rendono viabile più di quanto si possa pensare, anche più di un tank con tantissima utilità come Ornn. La build ideale? Full tank con Teletrasporto e Ignite!

Taliyah

Taliyah: tutti i numeri del nuovo mini-rework - Powned.it

Il rework ha reso Taliyah uno dei migliori campioni del gioco e nemmeno i continui nerf che sta subendo rallentano la sua corsa. In soloq sta avendo meno popolarità rispetto all’inizio ma in competitivo sembra essere intoccabile nella mid lane.
Prendendo come paragone l’unica lega maggiore che sta giocando sulla patch più recente, Taliyah ha il 100% di partecipazione attualmente e non ha MAI superato la prima fase generale di ban in nessun incontro fin’ora disputato.
La sua capacità di ottenere sempre e comunque la priorità nella corsia e la velocità con cui può muoversi nella mappa la rendono un incubo nel competitivo e i suoi danni non scherzano più come prima. Neanche a dirlo la build è puramente basata sul danno magico.

Twisted Fate

Twisted Fate - Campioni - Universo di League of Legends

 

Più il maestro di carte viene attaccato dalle patch, più la sua priorità nel gioco competitivo aumenta.
Rimane la classica minaccia globale per gli avversari e un ottimo metodo per abilitare il proprio jungler nel 2v2 a inizio partita. Attenzione però, perchè nonostante sia sempre nei radar delle squadre, la sua scelta in un meta simile potrebbe fare più danni che altro.
In partite che superano ormai i 40 minuti con abbastanza facilità, lo scaling dovrebbe essere il fattore chiave e in Twisted Fate non ne abbiamo in alcun modo, lasciando la squadra possibilmente scoperta a livello di danni. Per evitare di essere soltanto una carta gialla, TF ha bisogno di brillare nelle fasi iniziali e ottenere facilmente più oro dei suoi avversari.

 

Questi saranno soltanto i primi campioni che riceveranno la maggior parte delle attenzioni nelle prime settimane, occhio però a possibili colpi a sorpresa come Zac top o Kindred all’interno della giungla!
Per saperne di più, appuntamento alle 18!

Articolo precedenteSivir sarà il prossimo campione a ricevere un rework!
Articolo successivoBACKLASH: PG Nationals Summer 2022 week 2
Pen and paper.