Home League of Legends Patch 12.15 preview!

Patch 12.15 preview!

La patch 12.15, dopo le modifiche sostanziali delle ultime uscite, si pone l’obiettivo di limare alcuni dettagli senza stravolgere un meta stabile e ancora in cerca della propria dimensione.
La durabilty patch rimane uno dei cambiamenti più grandi degli ultimi anni e con la 12.14 c’è stata la volontà di ridurre un minimo la resistenza nella corsia e nelle prime fasi della partita.
Quella che è stata annunciata ieri è molto più semplice: ci sono alcuni nerf necessari ma non oppressivi, buff forse non richiesti e un adeguamento dei campioni che usufruiscono dell’energia.

Vediamo quindi nello specifico cosa sarà modificato!

Immagine

Nella foto presa dal profilo Twitter del Rioter Phroxzon (visitabile cliccando qui) possiamo vedere la lista completa pubblicata e analizzare i campioni affetti da queste modifiche.
La spinta data a Lillia è minima per cercare di farla tornare nel meta senza esagerare visto che è un campione soggetto allo snowball incontrollabile caso di vantaggio eccessivo.
Si è cercato di aumentare la velocità dei primi clear e quindi renderla più in salute nei minuti iniziali facilitando eventuali scontri.
Singed e Rammus ricevono buff molto importanti che cambiano radicalmente la visione di loro due nel gioco. Entrambi potrebbero beneficiare molto da queste modifiche e nel caso del primo potrebbe esserci anche una presenza in competitivo!
Leona e Thresh sono i due campioni che non necessitavano di un buff probabilmente ma in un meta dominato dagli enchanter i due supporti, specialmente il primo, hanno faticato molto a emergere (sono stati anche nerfati più e più volte). Sono buff minimi ma Thresh può sempre essere scelto in una draft quindi il buff è ben accetto.

Capitolo energia: lo scopo di questa patch è adeguare questi campioni alla durability patch dopo aver notato come fossero abbastanza in difficoltà in scontri prolungati.
Per Akali, Shen, Lee Sin e Zed, seppur in maniera diversa, si è cercato di ridurre alcuni costi o ridare energia con alcune spell offrendo ai giocatori la possibilità di avere una singola spell con qualche secondo di anticipo se gestito tutto alla perfezione.
Akali sarà con ogni probabilità il campione che ne risentirà di più nell’immediato.
Kennen, non avendo problemi di energia come i suoi colleghi, ha avuto un buff sui danni e su cooldown della sua W.

Passando ai nerf si è andato esclusivamente a toccare campioni molto utilizzati nel mondo competitivo. Tolti Master Yi e Qiyana, due terrori della soloq, gli altri sono esclusivamente volti a ridurre la presenza in draft. Kalista dovrebbe essere quella che avrà più problemi a restare a galla, Gwen invece subirà il nerf nell’1v1 e contro i tank ma troverà un modo per non sparire.

Solo due oggetti buffati ed entrambi sono contro il danno magico: il Silvermere Dawn riceve dei buff da non sottovalutare e, a prescindere dalla sua attiva sempre utile, potrebbe diventare un must buy in determinate situazioni.

Nerf a First Strike che sta piano piano facendo la fine della Cleptomanzia (verrà rimossà a fine anno?) e alla passiva del Divine Sunderer, sempre a rischio “rottura” per i bruiser.

Una patch piuttosto leggera che toccherà il meta in alcuni campioni fondamentali (Kalista?) ma non presenta alternative con i buff presentati, lasciando lo status quo in vista dei playoff.

Articolo precedenteF1 22: La nuova patch introduce Portimao ma non risolve i problemi legati all’IA!
Articolo successivoLEAGUE OF LEGENDS SOLOQ TIER LIST PATCH 12.14
Pen and paper.