Home League of Legends Esports LoL Pls: Riot rivela i piani per la prossima stagione

LoL Pls: Riot rivela i piani per la prossima stagione

Nel nuovo video di LoL Pls gli sviluppatori di casa Riot hanno mostrato i piani per il futuro di League of Legends nella stagione 2023.
Sembra che la pre-season non avrà molti cambiamenti per quanto riguarda i sistemi e gli oggetti, ma introdurrà diversi miglioramenti alla qualità della vita dei giocatori. Detto questo sembra che ci sarà una certa enfasi sui mid-scope update e i full rework assieme al rilascio di circa tre nuovi campioni.

Rework e Nuovi Campioni

Il team Riot è molto soddisfatto dei risultati ottenuti dai mid-scope update rilasciati quest’anno: tutti i personaggi che hanno ottenuto questo trattamento hanno visto il loro playrate e winrate aumentare drasticamente. Questo tipo di update rivede il kit del campione in maniera sensibile senza alterarne l’identità attuale o la lore: prendendo Sivir come esempio la mercenaria di Shurima è tornata ad essere una forte presenza in soloQ ed in competitivo e solo una delle sue abilità è stata cambiata pesantemente.
I prossimi in lista per un mid-scope update sono Neeko e Syndra, ma non abbiamo ulteriori informazioni a riguardo; possiamo speculare che la passiva di entrambi questi campioni sarà al centro del loro update dato che, al momento, essa offre poco al suo kit in generale.

Per quanto riguarda i rework completi nel 2023 arriverà quello di Aurelion Sol: il drago stellare ha uno stile di gioco molto particolare che lo ha reso estremamente difficile da bilanciare per via del suo meccanismo di auto-push. L’obiettivo del rework è di mantenere la sua lore e la sua identità di creatore di stelle rendendo il suo kit più competitivo e gestibile: quello che ci è stato mostrato oggi sono due delle sue abilità, la E e la Q.
La E diventa attivabile a comando e permetterà ad Aurelion di prendere il volo come in precedenza, ma senza la necessità di correre in linea retta per caricarla; questo gli permetterà di avere un impatto molto più forte nelle schermaglie in giungla.
Se la sua E rimane relativamente uguale la sua Q cambia completamente: adesso Sol può sputare fuoco finchè ha mana, il getto è direzionabile su un bersaglio ed è utilizzabile mentre è in volo; questa abilità sostituisce il suo precedente meccanismo di push, ma permette agli avversari di avere più possibilità di rispondere rispetto alle vecchie sfere.

la daga che ospita il nuovo Darkin

Infine passiamo ai nuovi campioni in uscita nel 2023: il primo era già stato preannunciato ed è un cacciatore di Shurima che vive a Nazumah, una città stato che non si piega al volere di Azir.
Essendo costruita su un Oasi questa città viene costantemente attaccata da mostri che cercano di dissetarsi da questa fonte. K’sante, l’orgoglio di Nazumah è il capo dei cacciatori della città e sembra sarà ispirato da Monster Hunter: la su arma è una gorssa clava che si può trasformare in una specie di spada; questo fa pensare ad una ultimate da trasformazione o comunque uno steroide anche se potrebbe essere un campione a “stance” come Elise o Jayce.
Oltre a K’sante sono stati rivelati altri due nuovi campioni: un Darkin intrappolato in una daga che ricoprirà il ruolo di assassino ed un Enchanter di sesso maschile che proviene dalla regione di Ixtal.
Non ci sono molte informazioni riguardo al Darkin, ma sappiamo che l’ixtaliano non sarà parte della nobiltà e sembra essere uno sciamano che è in comunione con gli spiriti della terra.

gli spiriti di Ixtal

Gameplay e preseason

Dopo le giuste ammissioni di colpa e la promessa di non apportare più cambiamenti così grandi come il “durability update” nel bel mezzo della stagione, gli sviluppatori ci parlano delle intenzioni per la preseason ed il 2023.

Dato che la preseason l’abbiamo già vissuta questa estate non ci saranno dei cambiamenti pesanti al gameplay questo autunno: l’obiettivo degli sviluppatori è quello di migliorare la qualità della vita dei giocatori.
I più grossi cambiamenti riguardano il sistema di ping che verrà ampliato e la giungla che verrà resa più “accessibile”: con questo termine si intende che verranno inseriti diversi indicatori sulla distanza di leash per rendere il kiting ed il farming più semplice per i giocatori meno esperti. Detto questo Riot non vuole eliminare pathing particolari come quello di Shaco: renderlo più accessibile vuol dire facilitare il clear per i giocatori meno esperti senza però abbassare il tetto massimo di skill.

tanti nuovi ping per comunicare al meglio con i compagni di squadra senza proferire parola

Oltre a questo tornerà il Chemtech Drake: la sua anima adesso aumenterà i danni inflitti mentre si è bassi di vita mentre la landa verrà invasa da piante mutanti, una versione più forte delle normali piante in essa presenti. Questa nuova versione del Chemtech Drake è decisamente meno entusiasmante, ma le “super piante” hanno delle possibilità enormi: avere dei bulbi esplosivi che permettono ingaggi da lungo raggio renderà il gameplay molto più interessante in maniera non dissimile da quello che hanno fatto gli Hexgate.

Per quanto questi cambiamenti siano utili sembra che non sia ancora il momento per un nuovo client o l’inserimento della chat vocale, due asset molto importanti e che la community sta richiedendo da anni.

 

 

Articolo precedenteLEC: I Fnatic sono attesi all’impresa!
Articolo successivoRekkles e Nike uniscono le forze per creare un piano di esercizi per gamers
Jack of all games, Master of all.