Home League of Legends LEAGUE OF LEGENDS SOLOQ TIER LIST PATCH 12.15

LEAGUE OF LEGENDS SOLOQ TIER LIST PATCH 12.15

Siamo tornati con la tier list dopo che il meta si è assestato dopo i grossi cambiamenti delle scorse patch!
Visto che il formato è ancora nuovo lascio la legenda con il significato dei vari tier:

  • Tier S: pick estremamente forti
  • Tier A: pick forti e statisticamente buoni per salire
  • Tier B: pick buoni, ma con un play rate più basso che potrebbe indicare una maggiore difficoltà di esecuzione
  • Tier C: pick specialistici che possono dare buoni risultati se si è esperti col campione
  • Tier D: pick deboli. non faccio distinzioni tra molto deboli e mediamente deboli

La differenza tra i vari tier è il play rate comparato al win rate: un champion in B tier avrà un playrate più basso rispetto a quelli A tier anche se i risultati sono statisticamente positivi.

Ora che le nuove divisioni sono chiare non vedo altro motivo per non andare subito a vedere come si pongono i champion in questo nuovo tipo di disposizione.

TOP LANE

La top lane subisce solo dei leggeri aggiustamenti, ma ci sono diversi campioni che sono a cavallo tra due tier.
Shen, ad esempio, era in tier S la scorsa patch e, nonostante i buff, è sceso di una posizione, in realtà il ninja è quasi in tier S, ma ho preferito premiare Olaf che ha un win rate molto più alto nelle mani dei giocatori esperti.

Devo aprire anche una parentesi su Nasus e Cho’gat: questi due campioni hanno un win rate leggermente positivo, ma anche i giocatori specializzati non riescono a raggiungere risultati superiori al 52% di win rate rendendo questi campioni estremamente deboli nel meta attuale.
Il grande  protagonista della patch invece è Singed che passa dal tier D al tier A in un solo salto. Personalmente non pensavo che i buff da lui ricevuti fossero così buoni, ma non sono sicuramente un Singed player.

JUNGLE

Come per la corsia superiore anche la jungle non cambia molto: Master Yi rimane in S tier nonostante i nerf, mentre Taliyah scivola verso il tier D.
Nei tier centrali Rammus beneficia molto dai buff ricevuti e lo stesso si può dire di Lee Sin e Zed il cui clear è migliorato drasticamente dopo i miglioramenti alla rigenerazione dell’energia.

Lillia è, personalmente, uno dei miei jungler preferiti in questa patch: la sua velocità di clear unita al sustain ed alla capacità di kitare efficacemente buona parte dei champion del meta la rende il pick ideale per la soloQ.

MID LANE

Nella corsia centrale centrale i cambi sono più legati al meta che alle patch notes: l’unico che ha beneficiato grandemente dalla 12.15 è, come anticipato nel capitolo scorso, Zed, questo campione è tornato a terrorizzare la mid e la soloQ dopo mesi e mesi di mediocrità.
Questo migliora anche lo status dei campioni anti-dive come Neeko, Lissandra e Swain che counterano naturalmente gli assassini.

BOT LANE

Nonostante i match up favorevoli Draven scivola dal tier S al tier B; questo è un esempio di “meta shift” estremamente pesante: a causa della popolarità di Draven altri champion capaci di gestirlo sono saliti di priorità, due esempi sono Samira e Nilah che ora sono tra i migliori pick nella corsia inferiore. Ovviamente non è solamente Draven: questi due campioni sono efficaci contro tutto il meta e soprattutto contro i pick a basso range come Sivir e Jhin.

I personaggi in tier D di base non sono deboli, ma sono decisamente più difficili da pilotare in questo meta; l’unica eccezione è Xayah, non giocate Xayah.

SUPPORT

La pool dei support attualmente è piuttosto stabile e non cambia molto da una patch all’altra.
Nonostante tutto i supporti da ingaggio vedono effettivamente un aumento nel win rate: Amumu, Leona e Thresh salgono sensibilmente ed anche Rell, se usata bene, può fare 1v9. Rakan d’altro canto è decisamente sotto tono rispetto al resto dei supporti che ricoprono lo stesso ruolo.

Se volete visionare le patch precedenti potere farlo a questo link.

Articolo precedenteLEC: Astralis pronti a vendere il proprio slot!
Articolo successivoApex Legends stagione 14 uno sguardo con i pro: Leggende
Jack of all games, Master of all.