Home League of Legends League of Legends: preview patch 12.17

League of Legends: preview patch 12.17

Continua la marcia inesorabile verso il mondiale e cosi le modifiche del balance team di Riot in vista di quella che sarà la patch finale per l’evento internazionale.
Dopo alcune modifiche drastiche viste nella 12.16, la 12.17 tocca molti più campioni rispetto alla precedente ma modifica di poco i loro numeri.

Immagine

Per il buff di Miss Fortune potete leggere qui per saperne di più, mentre per gli altri campioni faremo un veloce rundown rispetto alla foto pubblicata da Riot Phroxzon nei suoi social e capire quanto saranno effettivi i buff presentati.

Twisted Fate è uno dei campioni piu difficili da bilanciare per Riot: onnipresente nel meta competitivo per più di due anni, sparito in questo 2022 con la durability patch e con i tantissimi nerf che lo hanno intaccato. Un buff che lo aiuta a pulire prima l’ondata di minion e quindi avere più mobilità per creare giocate nella mappa. Stiamo parlando di un playmaker secondo a pochi e in grado di influenzare tutta la Landa solo con la sua presenza. Questi buff aiutano la sua fase di corsia ma non saranno sufficienti a rilanciarlo, resterà molto situazionale.
Kassadin è un campione da soloq e come tale viene trattato: gli viene data una mano per la sua fase di corsia ma niente di eccezionale.

Capitolo Rell: il campione è inutilizzato, noioso e in attesa di un rework il prima possibile. Questi buff non migliorano in alcun modo la sua situazione ma almeno fanno capire che Riot si è ricordata della sua esistenza, cosa che molti della community non possono dire al momento.

Il cambio della giungla in questa stagione ha tagliato le gambe a campioni come Graves abituati a pulire la giungla prima di tutti i suoi avversari e costruire il suo vantaggio su questo. E’ sparito dai radar dei team e probabilmente è un toplaner migliore di molti altri, il buff è “simpatico” ma ininfluente, probabilmente un nerf per la sua versione da giungla.

Nocturne ha avuto spazio in questi playoff: sia in Europa che Cina alcune squadre hanno fatto affidamento su di lui per creare setup e giocare attorno alla sua ultimate, Riot fa un piccolo regalo al campione che ringrazia e rimane tra i pick situazionali.

Ezreal ha ben altri problemi al momento mentre Camille gradisce i buff e come Nocturne si attesta come pick situazionale, forte contro i tank e sulla carta combo ideale per Twisted Fate. Sett invece non ha alcun posto nel meta competitivo ma lo slow aumentato alla sua E potrebbero far pensare a un utilizzo come supporto nella corsia inferiore, se solo gli enchanters non fossero cosi dannatamente forti.

Passiamo ai nerf che riguardano per la maggior parte il lato competitivo del gioco: Riot ha infatti deciso di toccare tutti quei campioni che stanno monopolizzando la scena in questi playoff e cercare di non tagliarli totalmente fuori dalla contesa ma di renderli situazionali, offrendo anche altre alternative.

Il nerf a Nami potrebbe essere l’addio ufficiale alla combo Lucian – Nami e al loro burst senza senso in qualsiasi fase della partita. Lucian funziona esclusivamente con Nami e questa semplice modifica potrebbe eliminarlo del tutto dal meta.

Azir, Ahri e Sylas sono una trinità nella corsia centrale: pick or ban nel 90% dei casi e dominatori assoluti di questi playoff. Quello più colpito da questi nerf è senza dubbio Azir che dovrà giocare con molta più prudenza le prime fasi di corsia, anche Ahri però avrà meno vita con cui contendere le prime ondate di minion.

Trundle e Wukong vengono leggermente rallentati (il nerf al Re dei Troll si potrebbe sentire molto però) mentre Sivir vede il suo scaling ridotto di poco.
Per quanto riguarda Renekton il segnale è chiaro: stop build da tank, se volete farlo funzionare a dovere serve comprare danno e oggetti da bruiser.

Maokai ed Hecarim sono stati già trattati ampiamente nel sito nei giorni passati e vi basterà cliccare sui nomi dei campioni per leggere le nostre analisi a riguardo, stesso discorso vale per la Zhonya.

Qui sotto un piccolo highlight di queste modifiche: Maokai possibile triflex con una ulti che finalmente fa la sua parte, Hecarim corre prepotentemente verso la corsia superiore e build da danno sostenuto, la Zhonya è un chiaro nerf per i support e per chi vuole uno spike a due oggetti veloce.

Interessante la modifica al Seeker’s Armguard che potrebbe ritornare come primo oggetto per i maghi contro corsie AD mentre lo Stopwatch ora costerà 100 oro in più, a voi le conclusioni su esso.

Questa la preview della patch 12.17, con delle modifiche oggettivamente minime e che avranno sulla carta poco impatto nel meta, con le eccezioni chiamate Hecarim e Maokai che sono stati chiaramente spinti a tornare tra le scelte dei giocatori.

Articolo precedenteDisastro FIFA 23: per sbaglio disponibile sullo store Xbox
Articolo successivoFIFA 23: dopo il leak, ecco alcuni ratings ufficiali
Pen and paper.