Home League of Legends Ocelote lascia i G2!

Ocelote lascia i G2!

Clamoroso. L’unica parola che potrebbe essere usata per descrivere nel migliore dei modi la serata di ieri e l’annuncio video fatto da Carlos “Ocelote” Rodriguez.

https://twitter.com/CarlosR/status/1573426535104532480?s=20&t=EBnNzXOlyuvMvCJUXRPSCg

Nel video postato in tarda serata sul suo profilo Twitter, Ocelote ha ufficialmente fatto un passo indietro dalla sua posizione di CEO all’interno dei G2 Esports, lasciando la compagnia che ha creato dopo nove anni di costruzione, investimenti e sacrifici.

L’addio arriva dopo la polemica per la sua amicizia con Andrew Tate, personaggio noto per essere misogino e per le sue opinioni molto retrograde sul genere femminile. Il breve video della sua serata con Tate è stato il motivo scatenante della rivolta pubblica nei suoi confronti, la reazione negativa dell’ex CEO ha soltanto aumentato l’incendio e apparecchiato la tavola a un finale impossibile da anticipare.
Non sono servite a niente le 8 settimane di sospensione forzata: una volta spinto oltre il limite dividersi era diventato obbligatorio. Troppa pressione interna, da parte degli sponsors, dei fans e un errore troppo evidente per essere dimenticato di punto in bianco: l’esclusione dei G2 dal circuito EMEA di Valorant è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso e fatto capire come lo spagnolo non possa più essere riconosciuto come volto della sua org.

Immagine

E’ la fine di un’era: Ocelote era il fondatore ma anche l’anima dei G2 Esports e lascerà un vuoto impossibile da colmare in quanto a personalità. E’ stato uno dei primi a trattare l’esports come un business e ha cresciuto una delle migliori organizzazioni d’Europa, con annate storiche come il 2019 e la finale mondiale raggiunta.
E’ anche però un segnale di come nessuno sia intoccabile e che bisogna assumersi le responsabilità delle proprie azioni. Non stiamo parlando di un santo ma di un personaggio sempre borderline nei suoi atteggiamenti e decisioni che ha pagato al massimo una scelta indifendibile. Non si è comunicato ancora il suo eventuale sostituto ma il web è già esploso per una notizia storica, sorpresi dal comunicato rilasciato.