Home League of Legends Gli Heretics vincono l’Amazon EU Master!

Gli Heretics vincono l’Amazon EU Master!

Dopo due anni l’EU Master non parla più francese!
Un bracket con tre squadre LFL che si sono eliminate a vicenda, dove sono emersi i BDS Academy e i Team Heretics dall’altra parte del tabellone: formazione spagnola campione in carica e arrivata sulla bocca della community per l’accordo di acquisizione del slot dei Misfits in LEC.

Due squadre di altissimo livello con talenti che meriterebbero di andare (o ci sono già stati) in LEC si sono scontrate nella best of 5 finale: in palio uno dei trofei più ambiti nel competitivo di League of Legends. Sono servite 5 partite per coronare un nuovo campione, successore dei tre volte vincitori back to back to back Karmine Corp. E’ la Spagna a trionfare questa volta e, dopo 4 anni di astinenza, alza nuovamente il trofeo grazie agli Heretics.

C’è anche un pizzico d’Italia nella loro vittoria, grazie al midlaner Zwyroo che ha militato in passato nei Mkers e raggiunto con loro il miglior risultato per una organizzazione italiana nella competizione europea. Un roster che farà di tutto per avere la propria occasione in LEC e dimostrare di meritare la chance.

Un EU Masters che ha confermato di parlare francese per la stragrande della competizione ed enfatizzato il gap, già evidente, tra l’LFL e tutte le altre leghe, Superliga inclusa. La Francia è diventato il ritrovo dei giocatori che non hanno trovato posto in LEC e doveva essere anche il destino di Jackspektra prima di venir letteralmente rapinato da Rekkles. In fin dei conti è andata benissimo a lui: il tiratore ha mostrato a tutti di che pasta è fatto ed è una delle storie più belle in ERL di questo 2022. Il 2023 lo vedrà competere contro i migliori mentre per lo svedese le porte della lega con sede a Berlino sembrano ancora chiusa, karma..

https://twitter.com/Jackspektra/status/1574120980347224065?s=20&t=sq67l-cAdPld-6UmMxOIAw

Articolo precedenteFnatic: niente scrim o roster per i mondiali di League of Legends
Articolo successivoPick’em, cosa scegliere parte 1: Campioni
Pen and paper.