Home League of Legends LEAGUE OF LEGENDS SOLOQ TIER LIST PATCH 12.18

LEAGUE OF LEGENDS SOLOQ TIER LIST PATCH 12.18

Siamo tornati con la tier list dopo che il meta si è assestato dopo i grossi cambiamenti delle scorse patch!
Come sempre vi ricordo come i campioni vengono divisi rispetto ad ogni tier:

  • Tier S: pick estremamente forti
  • Tier A: pick forti e statisticamente buoni per salire
  • Tier B: pick buoni, ma con un play rate più basso che potrebbe indicare una maggiore difficoltà di esecuzione
  • Tier C: pick specialistici che possono dare buoni risultati se si è esperti col campione
  • Tier D: pick deboli. non faccio distinzioni tra molto deboli e mediamente deboli

La differenza tra i vari tier è il play rate comparato al win rate: un champion in B tier avrà un playrate più basso rispetto a quelli A tier anche se i risultati sono statisticamente positivi.

TOP LANE

La 12.18 è la patch dei mondiali per cui ci sono veramente pochi cambiamenti in ogni lista: la corsia superiore rimane pressoché identica se non per alcuni micro cambiamenti. Gli split pusher guadagnano un po’ di percentuale di vittoria e passano da tier C a B, ma rimangono una scelta difficile da mettere in campo a causa della forza dei draghi in questa stagione.
L’unico reale grosso cambiamento è Udyr: la patch lo ha indebolito in entrambi i suoi ruoli, ma è diventato quasi ingiocabile in corsia superiore, per questo il champion ha fatto un tuffo da tier A a D in una sola patch. 

JUNGLE

Come preannunciato Udyr perde un po’ della sua forza, ma rimane comunque uno dei migliori jungler della patch, oltre a questo c’è un netto aumento della percentuale di vittoria dei campioni AP in giungla. La popolarità dei carry in questo ruolo ha portato questa classe di campioni alla ribalta; questo trend continuerà di certo soprattutto per via della popolarità di Graves ai mondiali che è notoriamente debole contro questo tipo di campioni.
Kayn invece scende dal tier S a causa dei nerf subiti al sustain della sua forma rossa: non fatevi ingannare dalla forza di “Assassin Kayn” perchè la sua forma blu è capace di essere estremamente forte in alcune partite ed inutile nella maggior parte; la forza del campione sta anche nel saper giocare entrambi gli stili ed usare quello più consono a seconda della situazione. In ogni caso Kayn rimane una scelta solida in questo meta, soprattutto adesso che i tank sono giocati anche in giungla.

MID LANE

La corsia centrale rimane pressoché identica ma ci sono due campioni di cui voglio parlare: Sett e Swain. Questi due personaggi hanno un ratio di vittoria estremamente alto, ma non sono molto popolari, questo fa pensare che siano solo dei giocatori specialisti a selezionarli, ma vi posso assicurare che non è il caso e che un buon giocatore può dominare la corsia e le partite con questi campioni.

L’ultima cosa notare è come Akshan sia sceso di tier: la sentinella è ancora estremamente forte, ma l’aumento dei CC a bersaglio presente nel meta ha reso la sua vita molto più difficile e non è più uno dei pick consigliati per la corsia centrale. 

BOT LANE

Miss Fortune rimane ancora incontrastata nella tier list dei tiratori: solo Jhin ha delle statistiche simili, ma non abbastanza buone da metterlo allo stesso livello della regina dei pirati.
Come era prevedibile la corsia inferiore è diventata decisamente più aggressiva e la tier list lo rappresenta bene: Tristana sale di rank dato che è uno dei pochi campioni che può scalare e, allo stesso tempo, avere una presenza nelle prime fasi di gioco. Personalmente il campione non mi piace soprattutto ora che Thresh sta aumentando di popolarità e preferisco giocare con Nilah se voglio selezionare una all in lane.
Stranamente Samira e Draven, invece, perdono terreno: questi campioni sono sicuramente dei lane bully, ma non riescono a gestire bene i teamfight nel mid game a causa degli innumerevoli controlli presenti ora nel meta.

SUPPORT

Il meta dei supporti rimane difficile da leggere: molti campioni in A tier dipendono dall’abilità del giocatore e possono essere estremamente forti o estremamente deboli; due esempi di questo sono Thresh e Pyke che richiedono moltissima abilità meccanica per avere un impatto positivo sulla partita ma, se giocati correttamente, possono vincere da soli il game.
È comunque positivo che ci siano diversi engager nei tier superiori che rendono il meta un po’ più vario rispetto ai soliti enchanter come Soraka, Janna e Lulu che solitamente dominano incontrastati in soloQ.

Se volete visionare le patch precedenti potere farlo a questo link.

Articolo precedenteLeague of Legends: i migliori 5 midlaner al Mondiale!
Articolo successivoBenvenuti a Esperança! Tutto quello che c’è da sapere sulla nuova mappa di Overwatch 2
Jack of all games, Master of all.