Home League of Legends Rivelato il preview della preseason!

Rivelato il preview della preseason!

Sono uscite le prime notizie ufficiali sulla Preseason 2023 di League of Legends che, oltre a riportare in vita il drago Chemtech, mira a cambiare drasticamente gli oggetti da tank e, parzialmente, quelli da caster; non possiamo poi parlare del ritorno dei “pet” in giungla e dei cambiamenti per rendere questo ruolo più intuitivo.

 

Il ritorno del drago

Il drago chemtech aveva avuto un impatto decisamente negativo sul gameplay di League of Legends: oltre che essere il miglior drago da ottenere in singola o multipla copia, il suo effetto sulla mappa era opprimente per il team in svantaggio e la sua anima era la condizione di vittoria più forte del gioco. Ora questo drago deviato torna sulla Landa con delle premesse tutte nuove.
Ucciderlo potenzierà gli scudi e le cure oltre che donare un piccolo ammontare di Tenacia, mentre la sua anima darà un buff ai danni contro i bersagli a bassa vita; è ancora presto per gridare allo scandalo dato che i numeri non sono ancora stati rivelati, ma regalare Tenacia sembra una scelta pericolosa, mentre l’effetto dell’anima sembra molto situazionale: il danno contro i bersagli a bassi HP deve, per motivi di bilanciamento, essere efficace solo contro i tank che non sempre sono presenti in partita, anche se, con i cambiamenti della prepatch, penso ne vedremo di più.

Come tutti i draghi anche quello Chemtech impatterà la mappa e, in questo caso, avviene tramite la mutazione della flora della Landa: tutte le piante ottengono effetti potenziati che le renderanno molto più interessanti a livello di gameplay.

  • I Bulbi Esplosivi lanceranno i campioni al doppio della distanza
  • I Frutti non rallenteranno il movimento ma lo aumenteranno oltre che donare uno scudo quando vengono mangiati in aggiunta alla cura
  • Gli Scryer’s Bloom invece riveleranno anche un’area attorno alla pianta e ridurranno la vita delle ward a 1 oltre che donare velocità di movimento verso i nemici rivelati

Tutti questi cambiamenti sono interessanti e penso impatteranno il gioco competitivo e non in maniera positiva obbligando i giocatori a pensare in maniera obliqua, come è accaduto con gli Hexgate.

 

Cambi alla giungla ed alle corsie 

Non è una preseason senza dei cambi alla giungla, ma questa volta non sono così massicci come al solito.
Invece di avere modifiche all’exp ed al respawn dei campi i junglers ottengono un “pet” che, proprio come i Pokémon, si evolverà man mano che che pulite i campi; alla massima evoluzione questi doneranno un buff permanente in base al pet acquistato: 

  • Noxian Embercat – rallentamenti e danni bonus sugli attacchi
  • Ixtali Ixamander – scudo in base alla vita massima, resistenza ai rallentamenti e Tenacia quando si rompe lo scudo
  • Ionian Cloudleaper – velocità di movimento bonus

Per quanto questo sia molto interessante crea il problema dello scaling di questo ruolo: già nelle stagioni passate abbiamo visto come oggetti di questo tipo hanno resto il ruolo completamente OP per diverso tempo; ho paura che dare scaling gratuito ad un ruolo che poteva già ottenere un discreto ammontare di risorse sia rischioso, ma sono curioso di vedere l’impatto di questi pet sul gioco, soprattutto sulla Ixamander che sembra tanto bella quanto overpowered.

Oltre a questi animaletti la jungle ha ricevuto anche diversi “quality of life changes” per far avvicinare i giocatori a questo ruolo: ora che il ruolo del support non è più il meno popolare pare che ci sia carenza di junglers e questi cambiamenti mirano a rendere questo ruolo più appetibile per i giocatori.
Ora sarà possibile vedere il raggio di “Leash” dei campi così da poter avere una migliore idea su come clearare i campi, inoltre ora viene visualizzato un ordine raccomandato di pulizia dei campi che funziona in modo analogo a quello degli oggetti dello shop.

Questo renderà la giungla decisamente più semplice, ma i dev ci assicurano che c’è un ampio margine di “min-max” che non permetterà di ridurre l’espressione di skill in questo ruolo.

La giungla non è l’unica a ricevere dei piccoli miglioramenti infatti vengono introdotti altri ping per comunicare meglio con i propri compagni di squadra: cosa non si fa pur di non implementare una chat vocale. I nuovi ping permettono di votare per cosa fare quando si parla di obiettivi anche se non ho idea di come questi voti possano essere fatti in una situazione frenetica di fight e rischiano di essere solo una distrazione o un paraocchi, già vedo gli ingaggi iper forzati perché il voto ha vinto “take” invece di “give”. 

Oltre ai ping ci sono anche dei cambiamenti al gameplay: le duo lane prenderanno meno EXP delle solo lane ed i gold in corsia centrale vengono ridotti sensibilmente. Questo avrà un forte impatto sui roaming sei supporti e sull’economia dei mid laner: i primi avranno maggiore difficoltà a recuperare l’EXP persa a meno che non riescano ad avere del tempo da soli in corsia, mentre la mid avrà meno gold a disposizione rispetto ad ora il che potrebbe rendere gli oggetti di lusso, come il Dark Seal, meno efficienti rispetto ad ora.

 

Un “nuovo” arsenale 

Per quanto riguarda gli oggetti potrei stare qui a parlare per ore, ma cercherò di essere sintetico e di affrontare solo i punti principali senza andare troppo nel dettaglio.

La prima cosa che si nota sono i nuovi oggetti mitici da tank che scalzano quelli vecchi, ora resi mitici, che penso cambieranno drasticamente il ruolo dei tank. Saltano subito all’occhio i due nuovi mitici da tank: il primo è pensato per i teamfight 5v5 e per abusare delle composizioni a corto raggio grazie al suo effetto di drain oltre che all’aumento delle resistenze; il secondo è, probabilmente, completamente overpowered per via del suo potenziale di teamfight dato che regala sustain e Ability Haste a tutti gli alleati dopo che si usa la ultimate. Solo questi due oggetti potrebbero riportare i tank in auge, ma anche la revisione degli ex mitici rende questi oggetti molto competitivi che potrebbero essere utili non solo ai tank, ma anche ai supporti.

Assistiamo anche al grande ritorno del Rod of Ages: questo antico oggetto ritorna sulla Landa nella sua versione originale con l’aggiunta di un livello extra quando esso raggiunge la massima potenza. La reintroduzione del Catalyst come oggetto è la parte più interessante perché apre nuove opzioni di Sustain in corsia sia per i tank, che possono poi usarlo per buildare Abyssal Mask, che per i caster; il fatto che il Rod sia un oggetto mitico ridurrà il numero di maghi che possono acquistare questo oggetto, ma penso che molti campioni in meta, come Vex e Swain, abuseranno di questa novità.

Per concludere ci sono gli oggetti da Attacco Fisico come Ravenous Hydra, Navori Quickblade e Shojin che vengono cambiati per dare più scelta a questa classe di campioni.
L’Hydra viene modificata per essere uno stacking item così da ridurre la forza sui combattenti che vogliono lanciarsi costantemente nella mischia, la Shojin sarà più costante nel suo effetto, ma molto più debole in generale; infine abbiamo le Navori che si inseriscono come opzione all’Infinity Edge, personalmente non son convinto della loro utilità perché un oggetto del genere è forte se può essere buildato come secondo oggetto e la restrizione sul 60% di crit chance per attivare la passiva rendono questo item difficile da inserire in molte build.

 

Articolo precedenteFIFA 23: gli stili di corsa fanno davvero la differenza?
Articolo successivoLeague of Legends: Rotazione campioni gratuiti settimanale!
Jack of all games, Master of all.