Home League of Legends Il rework di Yuumi è in arrivo!

Il rework di Yuumi è in arrivo!

Il gatto più odiato della Landa degli Evocatori è il prossimo campione nella lista del balance team di Riot Games!
A darne la notizia è stato Riot Phroxzon, lead designer del team e incaricato numero uno a condividere patch notes e news importanti riguardanti League of Legends.

Il nerf che ha subito nella patch 12.23 è stata solo una piccola parte di ciò che seguirà nelle prossime settimane per il campione: l’obiettivo principale di questo rework è quello di ridurre al minimo possibile la frustrazione che i giocatori provano giocando contro Yuumi, senza allo stesso tempo perdere la caratteristica unica del campione, quello di essere un ponte ideale per i nuovi giocatori nell’imparare un ruolo (quello del supporto) con l’aiuto del proprio tiratore.

Nelle mani di giocatori esperti e di altissimo livello, Yuumi ha più volte nel corso degli anni dimostrato di essere un’arma letale e vincente nonostante i tanti rework e ritocchi che ha subito. Da supporto con scudi e cure infinite o da carry con una build basata esclusivamente sul danno magico, ogni volta che si cercava di tagliarle le gambe (in senso figurato) i giocatori trovavano un modo per rimetterla al centro del meta con qualche nuova combo. Il motivo sta tutto nel suo kit unico e nella sua impossibilità di essere colpita quando attaccata a un campione ed è proprio qui che Riot ha promesso di lavorare.

Non si cercherà di tenerla separata il più possibile dal proprio carry ma si tenterà di creare delle contromosse esclusivamente per i momenti in cui sarà attaccata a un altro campione.
Lasciare la semplicità fondamentale per i neofiti abbassando la possibilità di iper-ottimizzare le sue statistiche e la sua unicità nel competitivo, in poche parole questo è ciò che Riot ha in mente.
Ulteriori notizie arriveranno nella prossima settimana e con molta probabilità nel 2023 vedremo il risultato finale, con la speranza di non trovarla bannata per tutta la prossima stagione.

Articolo precedenteMTG Arena: una guida al Free to Play
Articolo successivoRiot brilla ai The Game Awards!
Pen and paper.